LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato seduta del 1 febbraio 2006 (modifiche Codice beni culturali)
2006-02-01

aggiungi commento

Interviene il sottosegretario di Stato per i beni e le attivit culturali Bono.

La seduta inizia alle ore 15.10.

IN SEDE CONSULTIVA
Schema di decreto legislativo recante: "Disposizioni correttive ed integrative del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, in relazione al paesaggio (n. 595)
(Seguito dell'esame e rinvio)

Riprende l'esame sospeso nella seduta di ieri.

Nel dibattito interviene il senatore TURRONI (Verdi-Un) il quale rammenta che in occasione dell'esame parlamentare dello schema di decreto legislativo recante il Codice dei beni culturali e del paesaggio (indi divenuto decreto legislativo n. 42 del 2004) egli aveva avuto modo di sollevare numerose perplessit, ad esempio in ordine alla rinuncia al potere di annullamento ministeriale che, in passato, aveva arginato molti danni.
Rispetto al Codice del 2004, lo schema di decreto correttivo attualmente in esame rappresenta dunque innegabilmente un passo avanti, correggendo e superando taluni limiti della formulazione vigente.
Restano tuttavia a suo avviso alcune criticit, che egli si augura possano essere superate prima dell'emanazione definitiva dell'atto.
In primo luogo, osserva che la disciplina di taluni strumenti (come ad esempio i piani paesaggistici) sembra non tener conto del concreto funzionamento della Pubblica amministrazione. In particolare, rammenta che ai sensi del combinato disposto delle norme sulla tutela e sull'organizzazione amministrativa i compiti di gestione attiva sono attribuiti ai funzionari, ancorch privi di competenze culturali e tecniche, anzich agli organi politici. Poich tale incongruenza non affrontata nel provvedimento in esame, egli esprime l'auspicio che essa sia corretta nella versione definitiva.
Ricorda poi che la rigorosa disciplina dei piani paesaggistici non considera che essi possono essere successivamente stravolti dalle varianti ai piani regolatori.
Anche in questo caso, sollecita una riflessione in vista dell'adozione definitiva del provvedimento.
Senza entrare nel dettaglio del rapporto fra pianificazione paesaggistica e disciplina dei parchi, egli esprime indi un giudizio positivo sulla modifica recata all'articolo 142, che rende finalmente inequivoca la tutela delle zone ex lege "Galasso".
Accenna altres brevemente ad alcuni interventi minori, come ad esempio quello relativo all'articolo 136, che inserisce i centri storici e le zone di interesse archeologico fra i "beni paesaggistici". Al riguardo, rileva peraltro che la modifica, bench non configuri senz'altro un'innovazione ma piuttosto un chiarimento, non priva di rischi in quanto pu stimolare una concezione della tutela dei centri storici limitata alla preservazione dell'aspetto esteriore, ignorando la conservazione, ad esempio, degli assetti distributivi interni delle unit edilizie.
Pi convinta adesione meritano invece, prosegue il senatore Turroni, le modifiche apportate agli articoli 135 e 143, volte a conferire maggiore pregnanza ed incisivit precettiva alla pianificazione paesaggistica rispetto all'attuale stesura del Codice.
Avviandosi alla conclusione, egli si sofferma infine sulla modifica che giudica pi consistentemente innovativa dello schema di decreto in esame, relativa al controllo e alla gestione dei beni paesaggistici soggetti a tutela. Al riguardo, rileva che la riformulazione dell'articolo 146 prevede la vincolativit del parere del competente soprintendente in ordine al rilascio delle speciali autorizzazioni alle quali subordinata la possibilit di effettuare trasformazioni sui beni in questione. Osserva tuttavia che la nuova disciplina non modifica la disposizione di cui all'articolo 143, secondo cui la pianificazione paesaggistica, qualora sia elaborata congiuntamente e concordemente dalle amministrazioni statali e regionali, pu sottrarre taluni beni paesaggistici all'ordinario regime autorizzatorio, che risulta per cos dire "assorbito" nei provvedimenti abilitativi delle trasformazioni.

Il PRESIDENTE, preso atto che nessun altro chiede di intervenire, dichiara chiusa la discussione generale.

Il seguito dell'esame quindi rinviato.




aggiungi commento



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news