LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato seduta del 1 febbraio 2006 (modifiche Codice beni culturali)
2006-02-01

aggiungi commento

Interviene il sottosegretario di Stato per i beni e le attivit culturali Bono.

La seduta inizia alle ore 15.10.

IN SEDE CONSULTIVA
Schema di decreto legislativo recante: "Disposizioni correttive ed integrative del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, in relazione al paesaggio (n. 595)
(Seguito dell'esame e rinvio)

Riprende l'esame sospeso nella seduta di ieri.

Nel dibattito interviene il senatore TURRONI (Verdi-Un) il quale rammenta che in occasione dell'esame parlamentare dello schema di decreto legislativo recante il Codice dei beni culturali e del paesaggio (indi divenuto decreto legislativo n. 42 del 2004) egli aveva avuto modo di sollevare numerose perplessit, ad esempio in ordine alla rinuncia al potere di annullamento ministeriale che, in passato, aveva arginato molti danni.
Rispetto al Codice del 2004, lo schema di decreto correttivo attualmente in esame rappresenta dunque innegabilmente un passo avanti, correggendo e superando taluni limiti della formulazione vigente.
Restano tuttavia a suo avviso alcune criticit, che egli si augura possano essere superate prima dell'emanazione definitiva dell'atto.
In primo luogo, osserva che la disciplina di taluni strumenti (come ad esempio i piani paesaggistici) sembra non tener conto del concreto funzionamento della Pubblica amministrazione. In particolare, rammenta che ai sensi del combinato disposto delle norme sulla tutela e sull'organizzazione amministrativa i compiti di gestione attiva sono attribuiti ai funzionari, ancorch privi di competenze culturali e tecniche, anzich agli organi politici. Poich tale incongruenza non affrontata nel provvedimento in esame, egli esprime l'auspicio che essa sia corretta nella versione definitiva.
Ricorda poi che la rigorosa disciplina dei piani paesaggistici non considera che essi possono essere successivamente stravolti dalle varianti ai piani regolatori.
Anche in questo caso, sollecita una riflessione in vista dell'adozione definitiva del provvedimento.
Senza entrare nel dettaglio del rapporto fra pianificazione paesaggistica e disciplina dei parchi, egli esprime indi un giudizio positivo sulla modifica recata all'articolo 142, che rende finalmente inequivoca la tutela delle zone ex lege "Galasso".
Accenna altres brevemente ad alcuni interventi minori, come ad esempio quello relativo all'articolo 136, che inserisce i centri storici e le zone di interesse archeologico fra i "beni paesaggistici". Al riguardo, rileva peraltro che la modifica, bench non configuri senz'altro un'innovazione ma piuttosto un chiarimento, non priva di rischi in quanto pu stimolare una concezione della tutela dei centri storici limitata alla preservazione dell'aspetto esteriore, ignorando la conservazione, ad esempio, degli assetti distributivi interni delle unit edilizie.
Pi convinta adesione meritano invece, prosegue il senatore Turroni, le modifiche apportate agli articoli 135 e 143, volte a conferire maggiore pregnanza ed incisivit precettiva alla pianificazione paesaggistica rispetto all'attuale stesura del Codice.
Avviandosi alla conclusione, egli si sofferma infine sulla modifica che giudica pi consistentemente innovativa dello schema di decreto in esame, relativa al controllo e alla gestione dei beni paesaggistici soggetti a tutela. Al riguardo, rileva che la riformulazione dell'articolo 146 prevede la vincolativit del parere del competente soprintendente in ordine al rilascio delle speciali autorizzazioni alle quali subordinata la possibilit di effettuare trasformazioni sui beni in questione. Osserva tuttavia che la nuova disciplina non modifica la disposizione di cui all'articolo 143, secondo cui la pianificazione paesaggistica, qualora sia elaborata congiuntamente e concordemente dalle amministrazioni statali e regionali, pu sottrarre taluni beni paesaggistici all'ordinario regime autorizzatorio, che risulta per cos dire "assorbito" nei provvedimenti abilitativi delle trasformazioni.

Il PRESIDENTE, preso atto che nessun altro chiede di intervenire, dichiara chiusa la discussione generale.

Il seguito dell'esame quindi rinviato.




aggiungi commento



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news