LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato - seduta del 31 gennaio 2006 (modifiche Codice beni culturali)
2006-01-31

aggiungi commento

IN SEDE CONSULTIVA SU ATTI DEL GOVERNO
Schema di decreto legislativo recante: "Disposizioni correttive ed integrative del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, in relazione ai beni culturali" (n. 594)
(Seguito dell'esame e rinvio)

Riprende l'esame sospeso nella seduta del 24 gennaio scorso.

Nel dibattito interviene la senatrice ACCIARINI (DS-U), la quale si augura che l'esame del provvedimento in titolo rappresenti l'occasione per affrontare alcuni profili critici della normativa, in ordine ai quali occorre intervenire ai fini di sistemazione.
Richiamando l'audizione svolta questa mattina dall'Ufficio di Presidenza della Commissione con i rappresentanti dell'Associazione Bianchi Bandinelli, dell'Assotecnici e dell'Associazione italiana biblioteche (AIB), ella richiama anzitutto l'attenzione sull'esigenza di riconsiderare il regime giuridico di alcune categorie di beni (ad esempio, le collezioni pubbliche non esposte, i beni di interesse storico indiretto, le collezioni di persone giuridiche senza fini di lucro) alla luce del mutato contesto di tutela che, da un regime di inalienabilit assoluta dei beni demaniali, passato ad un regime di alienabilit previo accertamento. I predetti beni, nella nuova disciplina, restavano tuttavia privi di tutela. In tal senso, pertanto indispensabile classificare i beni culturali a seconda della loro appartenenza (a soggetti pubblici, persone giuridiche senza fini di lucro, soggetti privati singoli o societari), assoggettando cos tutti i beni pubblici e appartenenti a soggetti no profit alla verifica prevista dall'articolo 12.
Con riferimento all'articolo 29, rileva indi l'esigenza di considerare anche le altre figure di tecnici non iscritte ad albi professionali, diverse dai restauratori. In assenza di una norma quadro, risulta infatti difficile l'applicazione uniforme dei livelli di qualit professionale nei diversi settori pubblici. Ci, tanto pi alla luce dei contratti di servizio stipulati dai soggetti pubblici, che non possono non prevedere l'accertamento dei requisiti di qualit del personale utilizzato dal contraente.
Passando all'articolo 115, ella conviene con i rappresentanti auditi questa mattina in ordine all'esigenza che il progetto di valorizzazione indichi fra l'altro: la nuova destinazione d'uso del bene, che deve essere compatibile con il suo carattere storico-artistico; le misure di conservazione; le modalit di fruizione, che non possono limitare il godimento pubblico del bene se non per ragioni di tutela; la clausola risolutiva espressa prevista dal codice civile; i livelli di qualit e professionali degli addetti; la clausola penale di cui all'articolo 1382 del codice civile.
Quanto ai beni librari, ella sollecita una diversa stesura dell'articolo 5 che faccia chiarezza sulle raccolte non appartenenti allo Stato. Inoltre, auspica l'introduzione nel Codice di un articolo appositamente dedicato all'istituto del deposito legale, in un'ottica di preservazione della memoria della comunit nazionale.

Il seguito dell'esame quindi rinviato.

IN SEDE CONSULTIVA
Schema di decreto legislativo recante: "Disposizioni correttive ed integrative del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, in relazione al paesaggio (n. 595)
(Seguito dell'esame e rinvio)

Riprende l'esame sospeso nella seduta del 24 gennaio scorso.

Nel dibattito interviene la senatrice SOLIANI (Mar-DL-U) la quale sottolinea anzitutto l'esigenza di certezze non solo sul piano delle condizioni giuridiche ma anche su quello della tempistica, particolarmente rilevante in campo ambientale.
Nel riconoscere che le soluzioni approntate nell'atto in titolo tentano di intervenire in questo senso, ella rileva tuttavia che, con particolare riferimento ai beni paesaggistici, la valorizzazione assume rilievo non solo ai fini della fruizione ma anche e soprattutto ai fini di recupero e riqualificazione delle aree ambientali. In tale settore, la valorizzazione assume infatti una dimensione niente affatto statica, bens assai dinamica.
Occorre altres tener presente che, con particolare riguardo al paesaggio, il rapporto fra tutela e valorizzazione nel nuovo assetto ordinamentale fra Stato e regioni ben lungi dall'aver trovato un punto di equilibrio. Il governo dell'ambiente del resto particolarmente difficile, atteso che la tutela non deve limitarsi al singolo bene ma deve considerare l'intero territorio. Al riguardo, ella ritiene infatti che non debbano essere imposti limiti alle regioni nella pianificazione del paesaggio, che non pu non riguardare anche le aree non vincolate.
Ella sottolinea poi il rilievo che pu assumere a tal fine il ruolo svolto dagli enti subregionali ed in particolare dalla provincia, che rappresenta l'istituzione intermedia maggiormente in grado, anche pi dei comuni, di valorizzare gli equilibri fra territorio e paesaggio. In tal senso ella esprime apprezzamento per la scelta di introdurre nella commissione provinciale una rappresentanza della societ civile. La partecipazione dei cittadini, anche in forma associativa, alla tutela del territorio infatti a suo avviso una delle maggiori ricchezze del Paese, il cui ambiente deve essere governato in modo senz'altro partecipato.
Avviandosi alla conclusione, ella prende atto delle modifiche intervenute rispetto all'approccio tradizionale alle tematiche del paesaggio. Ritiene tuttavia che tale approccio innovativo debba essere ancora consolidato onde poter essere efficacemente all'altezza della qualit dei beni paesaggistici italiani, tanto pi in considerazione dello stato di abbandono in cui hanno vissuto finora. In tal senso, la questione non pu certamente non dirsi ancora aperta.

Il seguito dell'esame quindi rinviato.

La seduta termina alle ore 15,50.



aggiungi commento



news

19-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news