LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

V Commissione, Schema di decreto legislativo recante disposizioni correttive ed integrative del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, in relazione al paesaggio. Atto n. 595.
2006-02-08
www.camera.it

aggiungi commento

Schema di decreto legislativo recante disposizioni correttive ed integrative del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, in relazione al paesaggio. Atto n. 595.
(Rilievi alla VIII Commissione).
(Esame, ai sensi dell'articolo 96-ter, comma 2, del regolamento, e conclusione - Rilievi).

La Commissione inizia l'esame dello schema di decreto legislativo.

Marino ZORZATO, presidente, in sostituzione del relatore, ricorda che lo schema di decreto in esame dispone modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 42 del 2004, recante il codice dei beni culturali e del paesaggio.

Tali modifiche, che fanno specifico riferimento alla materia del paesaggio, sono adottate in attuazione della disposizione contenuta nel comma 4 dell'articolo 10 della legge n. 137 del 2002, che prevede l'adozione di disposizioni correttive ed integrative ai decreti emanati per il riassetto e la codificazione delle disposizioni legislative in materia di beni culturali ed ambientali.

In proposito la relazione illustrativa precisa che il provvedimento non reca oneri e che pertanto non corredato di relazione tecnica.

Con riferimento ai profili finanziari, segnala che l'articolo 2, nel modificare l'articolo 6 del decreto legislativo n. 42/2004, precisa che, con riferimento ai beni paesaggistici, la valorizzazione comprende la riqualificazione degli immobili e delle aree sottoposti a tutela compromessi o degradati, ovvero la realizzazione di nuovi valori paesaggistici coerenti ed integrati.

La disposizione sembrerebbe una esplicitazione di modalit di realizzazione degli interventi di valorizzazione insita anche nella vigente normativa; appare peraltro necessario che il Governo confermi che la stessa non determini oneri aggiuntivi per i soggetti pubblici che realizzino gli interventi di valorizzazione in questione.

Ricorda poi che l'articolo 9, che riformula l'articolo 139 del decreto legislativo n. 42 del 2004, reca una disciplina delle forme di pubblicit e della partecipazione al procedimento di dichiarazione di notevole interesse pubblico che innova in parte la precedente, prevedendo, tra l'altro, che le medesime forme di pubblicit si applichino anche alla determinazione negativa della commissione. I

Inoltre, la modalit di pubblicazione su siti informatici degli enti territoriali non espressamente subordinata, come nell'attuale formulazione dell'articolo, alla circostanza che tali siti risultino istituiti.

Segnala poi che l'articolo 11, che riformula l'articolo 141 del decreto legislativo n. 42 del 2004, configura come obbligatoria la procedura di sostituzione, che nel testo vigente il direttore regionale pu richiedere al Ministero per i beni e le attivit culturali qualora la commissione o la regione non provvedano nei termini stabiliti.

Ricorda poi l'articolo 16, nel riformulare l'articolo 146 del decreto legislativo n. 42 del 2004, reca una disciplina della procedura per l'accertamento della compatibilit paesaggistica di lavori ed opere nonch della relativa autorizzazione. Il comma 14 dispone che presso ogni amministrazione competente al rilascio dell'autorizzazione sia istituito un elenco delle autorizzazioni stesse aggiornato ogni 15 giorni e liberamente consultabile.


In base al testo vigente tale elenco istituito presso i comuni. Ricorda l'articolo 24, che riformula l'articolo 156 del decreto legislativo n. 42 del 2004, prevedendo, tra l'altro, una procedura sostitutiva da parte del Ministero in caso di mancata verifica ed adeguamento dei piani paesaggistici da parte delle regioni nei termini indicati.

Ricorda che l'articolo 27 sostituisce l'articolo 167 del decreto legislativo n. 42 del 2004, relativo alla remissione in pristino in caso di violazione degli obblighi imposti a tutela del paesaggio.

Appare in proposito necessario che il Governo confermi che la nuova disciplina assicuri garanzie equivalenti - rispetto alla normativa vigente - di effettivo ripristino e di risarcimento delle connesse spese, al fine di evitare riflessi negativi per la finanza pubblica.


La principale innovazione introdotta dalla norma consiste nel venir meno dell'alternativit tra rimessione in pristino e versamento di una somma, che, nel testo vigente, pari al maggior importo tra danno arrecato e profitto conseguito. La sanzione principale viene quindi ad essere costituita dalla rimessione in pristino a spese del trasgressore e, in caso di inottemperanza, dalla demolizione da parte delle autorit competente. La possibilit del pagamento della sanzione pecuniaria - sempre nella misura corrispondente al maggior importo tra danno arrecato e profitto conseguito - ammessa nel caso di accertamento, su istanza degli interessati, della conformit paesaggistica dei lavori eseguiti.


Ricorda infine che l'articolo 30 dispone che dalla partecipazione alle commissioni previste dal presente codice non derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Al riguardo, ricorda che la vigente formulazione del comma 3 dell'articolo 3 appare pi stringente in quanto oltre a prevedere una clausola di invarianza finanziaria, specifica anche che la partecipazione alle Commissioni si intende a titolo gratuito. La nuova formulazione si limita, invece, a prevedere la sola clausola
di invarianza finanziaria. A tale proposito si rammenta che in casi analoghi, in base alla prassi consolidata, si previsto che la partecipazione a Comitati non deve dare luogo ad alcun compenso o rimborso spese.

Al riguardo, appare opportuno acquisire l'avviso del Governo. Infine, rileva che, dal punto di vista formale, la clausola di invarianza non appare conforme alla prassi per cui dall'attuazione delle disposizioni non debbono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Appare pertanto opportuno acquisire l'avviso del Governo in merito all'eventualit di riformulare la norma nel senso indicato.

Il sottosegretario Daniele MOLGORA concorda con l'opportunit di riformulare la clausola di invarianza nel senso indicato dal presidente.

Marino ZORZATO, presidente, in sostituzione del relatore, formula la seguente proposta:

La V Commissione Bilancio, tesoro e programmazione,
esaminato, per quanto di competenza, ai sensi dell'articolo 96-ter, comma 2, del Regolamento, lo schema di decreto legislativo in oggetto;
considerato che:
secondo quanto affermato nella relazione illustrativa allegata allo schema di decreto legislativo, le modifiche previste dall'articolo 30 al comma 3, dell'articolo 183, del decreto legislativo n. 42 del 2004, avrebbero portata soltanto lessicale e non sono volte a modificare la disciplina sostanziale vigente;
la formulazione della clausola di invarianza prevista dal testo vigente di cui all'articolo 183, comma 3, del decreto legislativo n. 42 del 2004, non appare pienamente conforme alla prassi consolidata,

VALUTA FAVOREVOLMENTE

lo schema di decreto legislativo e formula i seguenti rilievi sulle sue conseguenze di carattere finanziario:
sostituire l'articolo 30 con il seguente:
"Il comma 3 dell'articolo 183 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, sostituito dal seguente: "3. La partecipazione alle Commissioni previste dal presente codice non d luogo alla corresponsione di alcun compenso o rimborso spese e comunque da essa non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica".

La Commissione approva la proposta.

La seduta termina alle 15.05.



aggiungi commento



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news