LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VIII Commissione, Schema di decreto legislativo recante disposizioni correttive e integrative del codice dei beni culturali e del paesaggio, in relazione al paesaggio. Atto n. 595.
2006-02-01

aggiungi commento

- Resoconto di mercoled 1 febbraio 2006
ATTI DEL GOVERNO

Schema di decreto legislativo recante disposizioni correttive e integrative del codice dei beni culturali e del paesaggio, in relazione al paesaggio. Atto n. 595.
(Esame e rinvio).

La Commissione inizia l'esame.

Francesco STRADELLA (FI), relatore, ricorda che lo schema di decreto in esame contiene disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo n. 42 del 2004 (cosiddetto Codice Urbani), ai sensi dell'articolo 10, comma 4, della legge 6 luglio 2002, n. 137, il quale prevede che disposizioni correttive ed integrative dei decreti legislativi emanati in attuazione della delega in essa contenuta possono essere adottate, nel rispetto degli stessi princpi e criteri direttivi e con le medesime procedure, entro due anni dalla data della loro entrata in vigore. Essendo il decreto legislativo n. 42 entrato in vigore il 1o maggio 2004, il termine previsto dalla legge per l'emanazione dei decreti correttivi ormai prossimo alla scadenza. Si tratta, pertanto, di un intervento di manutenzione normativa, gi previsto dal legislatore delegante. Fa presente che tutto ci rientra nella natura stessa del riordino di interi settori dell'ordinamento giuridico, in quanto evidente che, durante la prima fase di applicazione delle nuove norme, emergono problemi attuativi, lacune o - a volte - veri e propri errori, che occorre correggere. Osserva che, in questo caso, l'intervento normativo ha in gran parte natura di miglioramento tecnico del testo. Segnala, tuttavia, che esistono dei nodi - che hanno anche un rilievo politico - i quali devono essere messi bene in evidenza durante l'esame parlamentare.
Rileva che il primo di questi nodi riguarda il rapporto fra Stato e regioni nella tutela del paesaggio. Ricorda come le regioni abbiano espresso, in sede di Conferenza unificata, un parere negativo, contestando quasi la legittimit costituzionale di un intervento statale con questi contenuti. Rileva la necessit, pertanto, che su questo punto il Parlamento si esprima chiaramente. In proposito, sottolinea che qualunque tentativo di assorbire la legislazione sul paesaggio all'interno della nozione ampia e generica di governo del territorio, e di affermare che le competenze legislative devono essere totalmente condivise tra Stato e regioni, sarebbe privo di qualunque fondamento giuridico e, su questo, sembra che vi sia unanimit di opinioni anche fra i pi regionalisti fra i giuristi. Ritiene, comunque, che in questo caso il problema non sia dividersi fra regionalisti e statalisti, posto che le regioni esercitano funzioni crescenti e importantissime nell'ordinamento, ma evidente che, proprio mentre il sistema va nella direzione di un sempre pi marcato federalismo, assumono importanza decisiva quelle funzioni di raccordo che devono essere esercitate a livello statale. Ci si verificato, a suo avviso, nella vicenda della cosiddetta legge obiettivo, dove una tesi solo superficialmente regionalista o federalista (ma in realt del tutto illogica) voleva contestare la legittimit di una legislazione statale per le opere strategiche. Analoghe considerazioni valgono per la tutela dell'ambiente, dove ritiene non contestabile una insostituibile funzione unificante della normativa statale, pena il
sacrificio degli interessi generali (quali la tutela dell'ambiente) alle spinte localistiche. Osserva che anche la tutela del paesaggio rappresenta uno di questi grandi settori normativi, in cui solo un esercizio unificante delle leggi e dei controlli statali pu garantire che la tutela sia effettiva, che gli interessi locali e di breve periodo, a cui sono giustamente sensibili le amministrazioni locali, prevalgano su quelli generali e di lungo periodo, che sono connessi alla tutela del paesaggio, inteso come parte del territorio dotato di una speciale connotazione culturale-identitaria. Segnala che le amministrazioni locali - e le stesse regioni - non vengono umiliate nella loro autonomia e nelle loro competenze, se lo Stato esercita pienamente le sue funzioni in questo settore, mentre un decentramento spinto sarebbe illogico e controproducente, in quanto rischierebbe - non per cattiva volont, ma per il gioco stesso della rappresentanza democratica - di affievolire o addirittura annullare le esigenze di tutela. Su questo punto si attende una posizione chiara da parte dei rappresentanti delle varie parti politiche presenti in Commissione, anche quelle che spesso criticano l'azione del Governo per una presunta scarsa attenzione ai problemi di tutela dei beni ambientali, culturali e paesistici.
Evidenzia, inoltre, le disposizioni mirate ad un adeguamento della normativa sanzionatoria, dopo i recenti interventi normativi operati dalla legge n. 308 del 2004. Anche in questo caso, giudica necessario fugare ogni dubbio, in quanto ritiene del tutto infondata giuridicamente la tesi che si sia in presenza di un nuovo condono. Si tratta, infatti, di norme relative non gi alle domande di condono, che era stato disposto con la legge n. 308, i cui termini sono chiusi, riaprendosi solo l'obbligo di definizione nel merito, ma alle norme a regime, recate dall'articolo 167 del Codice Urbani. Rileva che il contenuto di queste innovazioni quello di razionalizzare la materia (fra l'altro sulla base di una esplicita sollecitazione in questo senso proveniente dal Consiglio di Stato), disciplinando i piccoli abusi, che non vengono comunque condonati, ma in ogni caso sottoposti ad una valutazione dell'autorit competente, e - dall'altro lato - inasprendo in modo significativo le sanzioni per tutti gli abusi, che non rientrano nella precedente fattispecie. Infatti, per questi, viene superato il regime facoltativo fra sanzione pecuniaria e demolizione, per disporre invece - in via generale - che tutti gli abusi paesaggistici vengono puniti con la sanzione ripristinatoria. Ritiene che tale sistema, bilanciato e giuridicamente coerente, si avvicini - molto di pi di quello vigente - alle richieste storiche di associazioni ambientaliste e di tutela del paesaggio e non pu certamente essere equivocato da chiunque svolga un esame accurato delle norme in oggetto.
Intende, poi, svolgere alcune considerazioni in ordine ad un ultimo punto, che ha costituito ragione di contestazione da parte delle regioni, che riguarda la questione del procedimento per il rilascio dell'autorizzazione e dei beni assoggettabili a vincolo paesaggistico con provvedimento regionale. Al riguardo, osserva in primo luogo che, a seguito della redazione facoltativa del piano paesaggistico d'intesa fra Stato e Regione e dell'adeguamento dello strumento urbanistico comunale alle prescrizioni del piano stesso, risulterebbe gi perseguito l'obiettivo della tutela, anche in connessione con la pianificazione urbanistica, poich le prescrizioni paesaggistiche sono vincolanti per il comune in sede di rilascio del titolo abilitativo edilizio. Da parte di taluni, peraltro, alla luce di tale considerazione, stata giudicata incongrua, rispetto al nuovo sistema della co-pianificazione paesaggistica, la norma che - in deroga al principio della non vincolativit del parere della soprintendenza, quando a monte vi un atto di pianificazione concordato fra Stato e Regione - prescrive comunque il carattere vincolante del parere della soprintendenza in caso di delega ai comuni del potere di rilascio dell'autorizzazione paesaggistica. Segnala che la Commissione dovr, dunque, occuparsi di tale questione, avendo peraltro la consapevolezza della assoluta rilevanza del presidio del parere della soprintendenza in talune aree del territorio.
Rileva, da ultimo, che la definizione di centro storico, propria della materia urbanistica e caratterizzata dalla non omogeneit degli immobili in essa ricompresi, non appare mutuabile ai fini della tutela del paesaggio, poich orientamento consolidato della giurisprudenza che il vincolo paesaggistico debba essere imposto su beni oggetto di puntuale individuazione. Per tali motivi, giudica opportuno valutare il contenuto dell'articolo 6, che interviene sull'articolo 136 del decreto legislativo n. 42, al fine di apportarvi le opportune modificazioni.
In conclusione, dichiara sin da ora che la proposta di parere, che si riserva di presentare, potr certamente indicare osservazioni e richieste di modifica, ma comunque all'interno degli indirizzi generali, di cui ha test dato conto nella propria relazione introduttiva.

Il sottosegretario Stefano STEFANI prende atto della relazione svolta dal relatore.

Pietro ARMANI, presidente, nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 14.25.



aggiungi commento



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news