LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

N. 594. ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE - RELAZIONE ILLUSTRATIVA
2006-01-13
www.senato.it

aggiungi commento

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

Schema di decreto legislativo recante: Disposizioni correttive ed integrative del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, in relazione
ai beni culturali

(Parere ai sensi dell'articolo 10, commi 3 e 4, della legge 6 luglio 2002, n. 137) (Trasmesso alla Presidenza del Senato il 13 gennaio 2006)

DECRETO LEGISLATIVO CORRETTIVO E INTEGRATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO 22 GENNAIO 2004, N. 42
recante il "CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO",
ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

1. CONSIDERAZIONI GENERALI
Com' noto, l'art. 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137 conferisce al Ministero per i beni e le attivit culturali la delega ad adottare uno o pi decreti legislativi finalizzati, tra l'altro, al riassetto e alla codificazione delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali, fissandone principi e criteri direttivi.
Il comma 4 dello stesso articolo prevede, altres, che entro due anni dall'entrata in vigore dei decreti delegati possono essere adottate, nel rispetto degli stessi principi e criteri direttivi e con le medesime procedure, "disposizioni correttive ed integrative" dei decreti medesimi.

Il presente schema di decreto legislativo intende appunto dare attuazione, per la parte concernente la materia dei beni culturali, a tale ultima disposizione, facendo tesoro dell'esperienza maturata nei primi diciotto mesi di applicazione del Codice dei beni culturali e del paesaggio (d.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42).

Trattandosi della prima riforma organica dell'ordinamento di settore, precedentemente costituito dalle leggi "Bottai" del 1939 e dalla normativa sugli archivi del 1963, il Codice paga certamente lo scotto della novit e, al di l delle prevedibili difficolt incontrate dagli operatori nell'adeguarsi ad una logica parzialmente nuova, ha evidenziato, in talune sue disposizioni, mende di natura formale suscettibili di ingenerare equivoci interpretativi e, dunque, applicazioni difformi.

Inoltre, si dovuto tener conto delle disposizioni successivamente intervenute nella materia ma anche, e forse soprattutto, di quelle che nel frattempo sono venute meno, in forma sia esplicita che implicita.

Si cos proceduto, da un lato, alla riformulazione di alcune proposizioni normative, onde rendere pi intelligibile la volont del legislatore e favorirne l'efficace attuazione; dall'altro, alla espunzione dal testo previgente delle disposizioni abrogate, ovvero alla sua integrazione con norme sopravvenute.
Ovviamente, il lavoro stato condotto in aderenza ai principi ed ai limiti stabiliti dal delegante, tenendo in particolare conto le indicazioni intese a produrre lo "snellimento e abbreviazione dei procedimenti" e ad evitare "ulteriori restrizioni alla propriet privata" , fermi rimanendo gli attuali strumenti della tutela.

2. MODIFICHE ALL'ARTICOLATO

Articolo 5
Il comma 2 dell'art. 5 stato "ritoccato" con l'intento di rendere pi chiari la consistenza ed i limiti del conferimento alle regioni delle funzioni di tutela relative ai "beni librari".
Da un lato, quindi, si provveduto ad espungere dall'elenco delle cose costituenti oggetto di conferimento i "documenti stante l'interesse preminentemente archivistico di tale tipologia di beni culturali.

D'altro lato, stato eliminato il riferimento ai beni sottoposti a tutela statale, eccessivamente limitativo dell'ambito delle funzioni conferite, introducendo in sua vece una previsione volta a sottrarre alle competenze regionali soltanto i poteri di revisione delle "notificazioni" a suo tempo adottate con provvedimento ministeriale, cos come disciplinati dall'art. 128 del Codice.

Conseguentemente, il comma 3 stato reso coerente con il comma 2 per quanto riguarda l'ambito delle funzioni di tutela riconosciute alle regioni sui beni librari.

Articolo 10
Le modifiche apportate alle disposizioni di cui all'articolo 10, comma 3, lettera e), e comma 4, lettera b), cercano di contemperare due opposte esigenze, provenienti entrambe dal mondo del collezionismo: da un lato, conferire alle cose di interesse numismatico una maggiore visibilit nell'ambito degli oggetti da collezione meritevoli di tutela, cos come richiesto da molti studiosi del settore; ed, al contempo, arginare le spinte verso un arretramento delle ragioni della tutela rispetto a quelle del mercato delle cose medesime, ben rappresentato dalla recente norma di cui all'art. 2-decies del d.l. 26 aprile 2005, n. 63, introdotto dalla legge di conversione 25 giugno 2005, n. 109.

Tale disposizione ha preteso di differenziare le monete antiche dalle altre cose suscettibili di tutela, attribuendo ad esse una sorta di status di bene culturale minore, per effetto del quale stata rimessa al proprietario e non all'Autorit competente la valutazione circa la sussistenza ed il grado dell'interesse culturale posseduto.

Sussistenza e grado di interesse culturale che la norma stessa ha ritenuto di poter individuare nella carenza delle caratteristiche di serialit e ripetitivit, elevate al rango di parametri discriminanti il cui accertamento, come detto, attribuito allo stesso proprietario.

Si pertanto intervenuti in una duplice direzione: da un lato, ammettendo tra i criteri di valutazione circa la valenza culturale delle collezioni, accanto a quelli ereditati dalla legge fondamentale del '39 (tradizione, fama e particolari caratteristiche ambientali) la "rilevanza artistica, storica, archeologica, numismatica o etnoantropologica"; dall'altro, evidenziando come l'interesse numismatico debba essere rinvenuto nella rarit o nel pregio delle cose, e che tali elementi vadano
giudicati in rapporto "all'epoca, alle tecniche e ai materiali di produzione'".

Come a dire che non possibile astrarre una nozione di serialit valida per tutte le epoche e le culture; ma invece necessario interpretare tale caratteristica in relazione al grado di raffinatezza delle tecniche di conio, alle leghe utilizzate ed alla percentuale in esse di metallo nobile e, dunque, in ultima analisi, all'epoca cui risale la moneta.

La serialit, isolatamente considerata, insomma, parametro fuorviante ai fini dell'accertamento dell'interesse storico; e comunque non indizio di minor valore culturale, in quanto, com' noto, i rinvenimenti di "tesoretti", ossia proprio di serie di monete spesso della stessa epoca e dello stesso valore, costituiscono eventi di grande rilievo perch permettono la ricostruzione dei flussi monetali dell'antichit e, conseguentemente, delle vicende legate agli scambi ed ai commerci del mondo antico.

Un'ultima notazione va fatta in merito alla scelta di utilizzare disgiuntamente, quali indici della rilevanza culturale delle cose di interesse numismatico, la rarit e il pregio: elementi che, in relazione ad altre - tipologie di beni culturali (carte geografiche e spartiti musicali, fotografie etc.) vengono invece considerati congiuntamente.
La ragione di ci deve essere rinvenuta nella peculiarit dell'oggetto di interesse numismatico, suscettibile di essere apprezzato o per la sua rarit ovvero, come appunto nei gi richiamati casi di tesoretti, per il suo "pregio" storico. In questo caso, il connubio tra i due indicatori avrebbe condotto a negare valenza culturale proprio a tale ultima, tipica categoria di cose di interesse numismatico.

La modifica di cui all'incipit della lettera l), nel comma 4 dello stesso art. 10 risponde, semplicemente, ad una esigenza di carattere logico e rimedia ad una "svista" dei redattori del Codice: non le tipologie (ossia i modelli astratti) ma i singoli, concreti esempi di architettura rurale possono essere apprezzati per il loro "interesse storico od etnoantropologico".

Articolo 11
Anche la lettera a) del comma 1 dell'art. 11 stata parzialmente riformulata per motivi di puro drafting, considerato che il termine "ornamenti", mutuato dalla legge n. 1089/1939, suona oramai vetusto. La sua sostituzione con l'espressione "elementi decorativi" intende rendere la formula normativa pi adeguata all'odierno linguaggio tecnico senza alterarne sostanzialmente il significato.

Articolo 12
Meramente formali anche gli interventi ai commi 1 e 6 dell'art. 12, ambedue giustificati dalla necessit di correggere errori materiali.
Nel primo caso, la sostituzione della parola "Titolo" alla parola "Parte pone rimedio alla illogica esclusione delle disposizioni in materia di' valorizzazione dal regime cui sono sottoposte le cose di appartenenza pubblica non ancora sottoposte al procedimento di verifica circa la sussistenza dell'interesse culturale: scopo della norma infatti quello di assicurare a tali cose, in via cautelare e temporanea, il medesimo trattamento riservato ai beni gi formalmente riconosciuti di interesse culturale.

Nel secondo caso, la sostituzione del numero "3" con il numero "5" rende intelligibile una disposizione altrimenti criptica, poich collega la previsione relativa alla sdemanializzazione e alla conseguente condizione di libera alienabilit alla disposizione concernente le modalit di presentazione della richiesta di verifica.

Di ben maggiore rilievo la modifica concernente il comma 10.
Si rammenta che nel testo vigente tale comma salvaguarda l'applicabilit delle disposizioni di cui all'art. 27, commi 8, 10, 12, 13 e 13-bis, dlgs. d.l. 30 settembre 2003, n. 269, convertito nella legge 24 novembre 2003, n. 226; disposizioni che hanno introdotto una procedura transitoria per la verifica dell'interesse culturale sugli immobili pubblici, ove si stabiliva che, "in sede di prima applicazione", la mancata comunicazione dei risultati della verifica, da parte dei competenti uffici di questo Ministero, entro il termine di 120 giorni dalla richiesta "equivale ad esito negativo della verifica".
Tali disposizioni, unitamente a quelle di cui ai primi sette commi dello stesso art. 27, che introduce vano nell'ordinamento l'istituto della verifica dell'interesse culturale, disciplinando le forme di presentazione della richiesta e le conseguenze derivanti dai possibili esiti del procedimento, risultano oramai inapplicabili per le seguenti ragioni:
- l'entrata in vigore, al 1 maggio 2004, del Codice dei beni culturali e del paesaggio, che all'art. 12 reca appunto la procedura "a regime" della verifica di interesse culturale, che viene a sostituirsi a quella delineata nei commi da 1 a 7 dell'art. 27 del d.l. n. 26/2003;
- l'esaurirsi della fase di prima applicazione della procedura transitoria disciplinata dai commi 8-12 del predetto art. 27, determinato dalla conclusione della procedura di verifica dei beni inclusi negli elenchi presentati ai sensi del decreto interdirigenziale (Capo Dipartimento per i beni culturali e paesaggistici e Direttore generale dell'Agenzia del Demanio) 6 febbraio 2004, di attuazione dell'articolo medesimo;
- l'impossibilit di ricorrere al meccanismo del silenzio-assenso, previsto dal comma 10 dell'art. 27, la cui inapplicabilit ai procedimenti concernenti i beni culturali e paesaggistici stata formalmente sancita dall'art. 20, comma 4, della legge n, 241/90 nel testo novellato dall'art. 3, comma 6-ter del d.l. 14 marzo 2005, n. 35, cos come modificato dalla legge di conversione 14 maggio 2005, n. 80 norma che deve ritenersi principio generale dell'ordinamento.

Pertanto, da un lato si provveduto a sostituire, al comma 10 dell'art. 12 del Codice, la disposizione di salvaguardia appena descritta con una proposizione normativa che, in risposta alle esigenze di speditezza che da sempre accompagnano le procedure di dismissione degli immobili pubblici, cui spesso si ricorre per "aggiustare" i conti di finanza pubblica, conferma il termine finale di 120 giorni per la conclusione della verifica; dall'altro, si stabilita, all'art. 2 del presente decreto, l'abrogazione espressa dei commi dall'1 al 12 del pi volte richiamato art. 27 del d.l. n. 269/2003.

Articolo 14
Al comma 3 dell'art. 14 si sostituita la congiunzione o con "e", affinch, laddove si sia proceduto alla costituzione della citt metropolitana, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, recante il "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali", la comunicazione di avvio del procedimento relativo alla dichiarazione d'interesse culturale possa essere trasmessa non soltanto al nuovo soggetto istituzionale ma anche al comune che ne fa parte e nel cui ambito territoriale si trova il complesso immobiliare oggetto della dichiarazione.

Articolo 16
Il comma 1 dell'art. 16 stato integrato con la previsione che ammette il ricorso gerarchico ivi disciplinato anche nei confronti della determinazione conclusiva del procedimento di verifica dell'interesse culturale ex art. 12 del Codice, e non soltanto della dichiarazione di cui all'art. 13.
La scelta dettata da motivi di equilibrio del sistema e dall'esigenza di non penalizzare immotivatamente la propriet pubblica di beni culturali rispetto alla propriet privata.

Articolo 17
L'innovazione apportata al comma 5 dell'art. 17 consiste nella previsione secondo la quale i dati catalografici che riguardino beni di interesse bibliografico debbono affluire non soltanto al catalogo nazionale ma anche all'Indice del Servizio bibliotecario nazionale, data la peculiarit di detti beni e l'esistenza di un apposito catalogo ad essi dedicato.

Articolo 20
La specificazione introdotta al comma 2 dell'art. 20 si resa necessaria al fine di evitare possibili equivoci in merito all'estensione oggettiva della norma, che va logicamente riferita ai soli archivi costituenti "beni culturali", ossia agli archivi pubblici ed agli archivi privati dichiarati; non invece agli archivi privati, risultando ci in contrasto con uno dei fondamentali criteri di delega.

Articolo 21
Alla medesima logica risponde l'intervento di cui all'art. 21, comma 1, lett. e), in virt del quale si precisato che l'obbligo di acquisire la previa autorizzazione ministeriale per il trasferimento di complessi organici di archivi non riguarda tutti i "soggetti giuridici privati, ma soltanto i proprietari di archivi dichiarati di interesse culturale.

Il comma 4, invece, stato integrato al fine di conferire compiutezza alla disposizione inibitoria di cui all'art. 20, comma 1, in materia di uso del bene culturale in forme non compatibili con la sua dignit storico-artistica. Infatti, fin dal 1939 il relativo comando appariva sprovvisto di ogni riferimento ad una procedura che consentisse la preventiva verifica di compatibilit degli usi ipotizzati, bench l'utilizzazione incongrua fosse poi oggetto di sanzione penale.

Pertanto, stato introdotto un obbligo di comunicazione ai competenti organi ministeriali del mutamento della destinazione d'uso dei beni, onde consentire ad essi di procedere alle valutazioni di merito di propria competenza; ed all'autorit preposta all'applicazione delle sanzioni, di provvedervi su basi pi certe.

Al comma 5 si ritenuto, prendendo spunto dalla disciplina dei controlli autorizzatori in materia di paesaggio, di dover inserire un limite temporale di validit dell'autorizzazione agli interventi sui beni culturali nell'ipotesi in cui il soggetto autorizzato non ponga mano ai lavori entro un determinato termine. L'inutile decorso del previsto quinquennio non determina il venir meno dell'assenso espresso dall'organo preposto al controllo, ma attribuisce a quest'ultimo la facolt di integrare la precedente, favorevole pronuncia con prescrizioni, ovvero di modificare quelle gi impartite.
Lo scopo quello di permettere agli organi ministeriali sugli interventi di tenere conto del continuo progresso degli studi in materia di conservazione e della conseguente evoluzione delle relative tecniche.

Articolo 22
Due gli interventi che interessano l'art. 22.
Il primo, relativo al comma 3, di mera tecnica normativa e non incide minimamente sulla sostanza della disposizione.
Il secondo, avente ad oggetto il comma 4, allinea la disposizione al gi rammentato principio ex art. 20, comma 4, della legge 241/90, come novellato dall'alt. 3, comma 6-ter del d.l. n. 35/2005 e dalla relativa legge di conversione. Secondo tale principio, le disposizioni sul silenzio-assenso "non si applicano agli atti e procedimenti riguardanti il patrimonio culturale e paesaggistico".
Per conseguenza, in luogo del silenzio-assenso precedentemente previsto nell'ipotesi di mancata definizione del procedimento autorizzatorio entro i trenta giorni successivi alla diffida, stabilito che il richiedente possa avvalersi esclusivamente dello strumento di cui all'art. 21-bis della legge 6 dicembre 1971, n. 1034, aggiunto dall'art. 2 della legge 21 luglio 2000, n. 205.

Articolo 28
Il comma 4 dell'ari, 28 subisce un intervento di mero drafiing, inteso a sostituire, in principio, il riferimento alla species (opera pubblica) con quello al genus (lavori pubblici), nonch ad eliminare, in fine, una ripetizione che nulla aggiunge alla perspicuit della norma.

Articolo 29
II comma 9 dell'art. 29 stato integrato con la previsione della disciplina regolamentare delle modalit di rilascio dei titoli al termine del corso formativo, sancendone al contempo - quale riconoscimento della tradizione italiana del restauro e del livello di eccellenza in cui oggi si collocano gli operatori e le scuole del settore, anche in adesione ad un orientamento largamente condiviso nel mondo della cultura - l'equiparazione alle lauree universitarie di secondo livello.
Del resto, tale equiparazione, discende gi, quanto all'esercizio dell'attivit professionale, dall'art. 7, comma 1, del d.m. 3 agosto 2000, n. 294 Regolamento concernente individuazione dei requisiti di qualificazione dei soggetti esecutori dei lavori di restauro e manutenzione dei beni mobili e delle superfici decorate di beni architettonici", oggi vigente; e sembra opportuno darle dignit formale, anche per consentire la spendibilit del titolo in ambito sovranazionale.
E' stato inserito un comma 9-bis, che precisa l'ambito temporale di applicazione della disciplina dedicata dall'art. 29 alla figura professionale del restauratore conservatore di beni culturali, disponendo che la corrispondente qualifica potr essere acquisita esclusivamente in base alla predetta disciplina a decorrere dalla data di entrata in vigore dei decreti attuativi previsti dai commi 7, 8 e 9. Medio tempore, valgono le disposizioni transitorie di cui all'art. 182 del Codice.

Al comma 11 del medesimo art. 29, infine, viene previsto un pieno coinvolgimento delle universit nella fase di elaborazione di accordi (e non pi anche di intese, onde evitare possibili confusioni con istituti giuridici di analoga denominazione) per creare centri di ricerca, sperimentazione, studio e formazione, riconoscendo, in tal modo, alle medesime istituzioni un ruolo -paritario nella fase di collaborazione alla creazione dei corsi di formazione e del loro ordinamento.

Articolo 30
Il periodo aggiunto al comma 4 risponde all'esigenza di ripristinare il controllo gi previsto dall'art. 38, lett. a), del d.P.R. 30 settembre 1963, n. 1409, sulla tenuta degli archivi pubblici e di quelli privati dichiarati, al duplice fine di verificare l'effettivo adempimento agli obblighi imposti ai proprietari dalla precedente disposizione (conservazione, ordinamento ed inventariazione degli archivi pubblici e), e di facilitare l'accertamento finalizzato alla declaratoria degli atti non liberamente consumabili, ai sensi dell'art. 125 del Codice.

Articolo 37
Mediante la soppressione, al comma 1 dell'art. 37, dell'aggettivo "immobili" si inteso estendere la possibilit ivi contemplata di erogare contributi in conto interessi anche agli interventi di conservazione condotti su beni mobili, i quali molto spesso, per rilevanza ed onerosit non sono di minore entit rispetto agli interventi conservativi sugli immobili.
Articolo 38
Le modifiche introdotte alla rubrica dell'art. 38 ed all'incipit del comma 1 sono la naturale conseguenza dell'intervento operato all'articolo precedente. Infatti, se tutte le tipologie di beni sono suscettibili di beneficiare di ambedue le forme di contributo previste dall'ordinamento di settore, evidente che per tutte deve ammettersi la possibilit di visita pubblica.

Articolo 44
Al comma 1 dell'art. 44 si provveduto a mutare una delle condizioni oggettive ivi previste per l'accesso all'istituto del comodato, introdotto ex uovo dal Codice: in luogo del requisito della "particolare importanza" di cui dovrebbero essere in possesso i beni suscettibili di essere accettati in comodato, infatti, si preferito fare riferimento al loro "particolare pregio", al fine di evitare possibili sovrapposizioni, e quindi confusioni, con i parametri invece richiesti per la sussistenza di un interesse culturale giuridicamente tutelabile.

In pratica, con la proposta modifica normativa si inteso assicurare al responsabile di una struttura espositiva la possibilit di ricevere in comodato opere significative anche solo come testimonianze del percorso artistico del loro autore, senza che per questo esse debbano anche costituire tappe fondamentali del sua capacit espressiva e perci meritevoli di tutela.

L'intervento al comma 2 trova, invece, fondamento dalla necessit di coniugare l'esigenza di conservazione e fruizione del patrimonio culturale -cui risponde l'introduzione dell'istituto del comodato, realizzando un utile sinergia pubblico-privato che prescinde dall'esercizio di poteri autoritativi -con la diversa esigenza di evitare che tale forma di incentivazione si risolva in un ulteriore aggravio per le gi scarse risorse delle singole strutture museali, vanificando infine gli scopi stessi della disposizione.

Articolo 46
La modifica di cui al comma 3 dell'art. 46 identica, nella forma e nelle motivazioni, all'intervento realizzato all'art. 14, al cui breve commento si rinvia.

Articolo 50
Anche per l'art. 50, comma 1, valgono i chiarimenti addotti in sede di illustrazione della modifica apportata alla disposizione di cui all'art. 11, comma 1, lett. a), trattandosi di identico intervento.

Articolo 54
L'esigenza che ha condotto alla modifica di cui al comma 2, lett. a) dell'art. 54 quella di conferire maggior chiarezza al dettato normativo. La formulazione1 precedente, infatti, forse eccessivamente ellittica, sembrava prestare il fianco ad interpretazioni equivoche; si voluto allora rendere pi evidente il significato della norma: per le cose appartenenti al demanio dello Stato o di un ente territoriale, la misura cautelare della inalienabilit trova applicazione sino al momento della conclusione del procedimento di verifica.
Qualora detto procedimento si concluda negativamente, le cose sottoposte ad esso possono essere. liberamente alienate previa sdemanializzazione, nel caso in cui la cosa sia ascritta al demanio per altra finalit pubblica. Per gli altri beni pubblici, viceversa, la verifica negativa costituisce presupposto per la loro libera commerciabilit.


La modifica di cui alla lett. d) del medesimo comma, consistente nell'espunzione dal testo normativo del riferimento ad una soltanto delle due tipologie di beni ricomprese nella lett. d) del comma 3 dell'art. 10, finalizzata a rendere coerente il rinvio a tale ultima disposizione con la ratio evidentemente sottesa alla norma: sottrarre alla alienabilit quelle tipologie di beni culturali che, per l'assenza di rilevante interesse intrinseco, pi sarebbero esposte alla possibilit di trasformazioni suscettibili di penalizzarne le valenze relazionali o simboliche, che sole ne giustificano la sottoposizione a tutela.

Articolo 55
La diversa formulazione del comma 2, lett. a), dell'art. 55 persegue un duplice obiettivo: rafforzare il senso della precedente disposizione, mediante l'uso della forma positiva (l'espressione "non pregiudichi il pubblico godimento" viene mutata in "assicuri... la fruizione pubblica") ed introdurre formule lessicali pi coerenti con il linguaggio complessivo del Codice (le parole "fruizione pubblica" sono costantemente utilizzate nel Titolo II della Parte seconda, dedicato a "Fruizione e valorizzazione" in luogo della datata espressione "pubblico godimento".

Articolo 57
Al comma 2 dell'art. 57 stata aggiunta, alla fine del secondo periodo, la previsione della trascrizione, a carico dell'ente autorizzato alla vendita e su richiesta del soprintendente, di condizioni e prescrizioni dettate con il provvedimento autorizzatorio.
L'intervento finalizzato a rendere edotti i terzi acquirenti circa i vincoli e i limiti ai quali assoggettata l'utilizzazione dei beni culturali, gi appartenenti al patrimonio pubblico, dei quali stata autorizzata l'alienazione. Pertanto, tali limiti e vincoli si configurano quali oneri reali gravanti sulla cosa in ragione della sua valenza culturale.

Articolo 59
Al comma 2, lett. e), dell'art. 59 si provveduto a correggere un passaggio della previgente disposizione che ha prodotto pi di un dubbio interpretativo.
Ai sensi della norma attuale, il termine per la denuncia di trasferimento di un bene culturale da parte dell'erede decorre dall'accettazione dell'eredit o dalla presentazione della dichiarazione di successione ai competenti uffici tributari (che equivale ad accettazione per facta concludentia); mentre per il legatario, detto termine decorre dall'apertura della successione, salva la facolt di rinuncia.
Tuttavia, qualora il legato sia disposto per atto testamentario, l'obbligo di denuncia di che trattasi non pu ragionevolmente sorgere nel momento in cui si apre la successione (ossia alla morte del testatore), atteso che il legatario ha effettiva conoscenza dell'acquisto soltanto a seguito della comunicazione notarile ai sensi dell'articolo 623 c.c.
In tal senso stata, dunque, modificata la disposizione de qua.

Articolo-60
A motivo delle incertezze, pi volte rappresentate dagli uffici dellAmministrazione, in merito all'inclusione o meno, tra gli atti di alienazione di beni culturali suscettibili di attivare l'acquisto in via di prelazione da parte del Ministero, delle varie forme di conferimento in societ, si ritenuto opportuno inserire al comma 1 dell'art. 60 una specifica previsione in tal senso. Il prezzo di acquisto, in questi casi, costituito dal valore attribuito al bene nell'atto di conferimento

Articolo 62
Gli interventi operati all'art. 62 sono giustificati da una duplice esigenza. In primo luogo, quella di evidenziare che la potest di acquisire per prelazione beni culturali propria dello Stato, essendo tipica attivit di tutela; e che il suo esercizio da parte delle regioni o degli enti locali non pu trovare altro fondamento che in una preventiva delega da parte dello Stato, sia pure nella forma implicita - gi nota al sistema in quanto prevista dalla legge 29 novembre 1984, n. 798 ("Nuovi interventi per la salvaguardia di Venezia") - della rinuncia di tipo traslativo.
La seconda esigenza quella di esplicitare che la richiesta di prelazione avanzata dalle regioni o dagli enti locali pu basarsi esclusivamente su ragioni di valorizzazione del bene culturale; ed in tal senso deve 'essere opportunamente motivata. E l'Amministrazione legittimata a valutarne la fondatezza, ai fini dell'eventuale accoglimento.
Nel senso indicato si dunque provveduto a modificare le disposizioni di cui ai commi 2 e 3.

Articolo 70
Connessa alla modifica appena illustrata quella apportata al comma 3 dell'art. 70, nel quale si soppresso l'inciso ("in materia di copertura finanziaria della spesa e assunzione del relativo impegno'') che, in contraddizione con quanto statuito all'art. 62, limita lo spazio di valutazione, riconosciuto al Ministero, delle ragioni che sostengono la richiesta di prelazione avanzata dalle regioni e dagli altri enti territoriali, riducendolo alla verifica dei presupposti formali e non anche dei motivi sostanziali, attinenti a finalit di valorizzazione.

Articolo 106
L sostituzione, al comma 1 dell'art. 106, del termine "Ministero" con il termine "Stato" finalizzata a disciplinare le concessioni d'uso di beni culturali anche quando essi si trovino nella disponibilit di amministrazioni diverse da quella dei beni e delle attivit culturali.
In tal modo si restituisce fondamento normativo ad una prassi tradizionale che, gi basata sullart. 6, comma 2, della legge n. 1089/1939, non appariva adeguatamente sostenuta n dalla pi generica riformulazione di quella norma all'art. 15 del Testo unico del 1999 (mutuata dall'art 18 del Codice)', n dalla disposizione di cui all'art. 114 dello stesso T.u. (poi riprodotta all'art. 106 del Codice), specificamente dedicata alla concessione d'uso.

Conseguentemente, si introdotta, con il nuovo comma 3, la regolamentazione delle ipotesi di concessione d'uso, da parte delle altre amministrazioni, dei beni culturali che esse hanno in uso o in consegna, centrata sulla previsione di un controllo di tipo autorizzatorio fondato su criteri valutativi non dissimili da quelli che attualmente presiedono, in virt del disposto dell'art. 57 del Codice, al rilascio dell'autorizzazione ad alienare i beni culturali di appartenenza pubblica.

Articolo 107
L'integrazione del comma 2 dell'art. 107 intesa a sottrarre all'ambito applicativo del generale divieto di riproduzione di beni culturali, sancito al primo periodo, quelle tecniche di calco che, grazie all'applicazione delle moderne tecnologie, escludano il contatto diretto con la superficie del bene da riprodurre e, pertanto, non siano suscettibili di comprometterne l'integrit.
E' ovviamente demandata al soprintendente la valutazione, in sede di controllo autorizzatone circa l'impiego di tecniche di riproduzione idonee a garantire l'assoluta insussistenza di rischi di danneggiamento.

Articolo 112
All'art. 112 stata inserita una disposizione (comma I-bis) intesa a rendere possibile, anche in mancanza o nelle more della stipula degli accordi ivi previsti ai commi 4 e 5, o indipendentemente da essi, l'organizzazione e la gestione di strutture semplici che realizzino forme di cooperazione orizzontale e non istituzionalizzata tra soggetti pubblici e privati interessati alla fruizione e/o valorizzazione di beni o istituti culturali in ambiti territoriali determinati.

Artcolo 114
La esplicita qualificazione, al comma 1 dell'art. i'14, delle attivit di valorizzazione dei beni pubblici come "servzi pubblici" non aggiunge alcunch al sistema dei principi, essendo tale qualit gi deducibile, in relazione ai servizi lato sensu museali, dall'art. 101, comma 3; ma serve a sottolineare con maggior forza l'esigenza che gli standard qualitativi delle attivit di valorizzazione siano adeguati a tale loro natura.

Articolo 115
Le ragioni dell'intervento operato su alcune disposizioni dell'art. 115 debbono rinvenirsi nell'intento di sgombrare il campo da equivoci ed incertezze circa la volont dell'Amministrazione, allorch il perseguimento diretto dell'interesse pubblico alla migliore valorizzazione dei beni culturali di appartenenza pubblica non risulti possibile per carenza di strutture o di risorse adeguate, di affidarsi agli strumenti ed alle logiche di tipo privatistico e non, piuttosto, di manipolare questi ultimi in funzione delle esigenze istituzionali al punto da snaturare il modello e realizzare degli ibridi difficilmente gestibili e scarsamente attraenti per i potenziali investitori.

Partendo da tale intento, si provveduto a chiarire, al comma 3, lett. a), che il ricorso a tale forma di gestione indiretta postula l'adesione al modello privatistico e, pertanto, la coerenza con lo statuto normativo delineato, per le singole forme organizzative, dalle vigenti disposizioni.
Delle forme stesse si ritenuto di omettere una elencazione, sia pure soltanto a titolo esemplificativo, al fine di lasciare la massima libert di opzione agli enti interessati e rendere ancor pi evidente che la forma va scelta in funzione dell'obiettivo di valorizzazione perseguito, cos come illustrato dal progetto.

Stante l'adesione al modello civilistico, stata espunto il riferimento espresso alla "prevalenza" della partecipazione ministeriale al soggetto affidatario delle attivit di valorizzazione, in quanto detta partecipazione pu assumere tutte le forma consentite dall'ordinamento; al tempo stesso, si provveduto a precisare le modalit di individuazione dei rappresentanti del Ministero in seno agli organi di gestione.
Il comma 4 stato riformulato al fine di correggere talune imperfezioni lessicali ed evidenziare, al contempo, la necessaria propedeuticit, rispetto al procedimento di scelta tra le due forme della valorizzazione indiretta, della definizione degli obiettivi programmatici che si intendono in tal modo perseguire.

Al comma 8, inoltre, si ritenuto di arricchire i contenuti del contratto di servizio, prevedendo il sostanziale recepimento, in esso, del progetto di valorizzazione e della relativa tempistica come approvati dal Ministero e disponendo che vi debbano essere indicate le modalit di esercizio dei poteri riconosciuti al titolare dell'attivit di valorizzazione oggetto di affidamento, al fine di garantire la rispondenza costante delle attivit del soggetto affidatario alle previsioni progettuali ed agli obiettivi programmatici.

Articolo 122
Gli interventi che hanno interessato l'art. 122 rispondono all'esigenza di rimediare ad una duplice lacuna del testo previgente.
Al comma 1, infatti, nel disciplinare la consultabilit dei documenti conservati negli archivi pubblici, non si tenuto conto dell'ipotesi contemplata dall'art. 41, comma 2, ossia della facolt attribuita agli archivi di Stato di accettare il versamento di documenti che non abbiano raggiunto i limiti cronologici ivi fissati al comma 1, "quando vi sia pericolo di dispersione o danneggiamento" dei documenti medesimi. Cosicch, attualmente, la disposizione in esame non chiarisce se la documentazione acquisita anteriormente al termine ordinariamente fissato per il deposito negli archivi di Stato sia liberamente consultabile per il fatto di essere stata acquisita da un archivio pubblico e di non rientrare nelle eccezioni d cui alle lettere a) e b) dello stesso comma 1.

Si ritenuto di colmare detta lacuna mediante l'introduzione della lett. e), ove si stabilisce che anche i documenti versati anticipatamente siano sottratti alla libera consultazione finch non abbiano acquisito la maturit storica prevista, a seconda delle tipologie di documento, dall'art. 41, comma 1.

Invece, il comma 2 dell'art. 122 - laddove dispone che anteriormente ai limiti temporali previsti al comma 1 per la consultabilit dei documenti di cui alle lettere a) e b), a questi ultimi si applichi comunque la disciplina in
materia di accesso agli atti amministrativi dettata dalla legge n. 241/90; e che al riguardo provveda l'amministrazione che deteneva l'atto prima del versamento - non specifica chi debba istruire l'eventuale istanza di accesso nel caso in cui l'amministrazione onerata non sia pi operante.
Pertanto, si provveduto ad inserire un apposito inciso che, limitando l'obbligo di provvedere ai casi in cui ci sia effettivamente possibile, cio quando l'amministrazione gi detentrice della documentazione cui quale si richiesto l'accesso sia "ancora operante", implicitamente contempla l'ipotesi che, in caso contrario, ai richiesti adempimenti faccia fronte l'archivio pubblico depositario.

Articolo 163
Parimenti, al comma 1 dell'art. 163, esigenze di precisione formale hanno imposto l'integrazione del riferimento normativo interno.

Articolo 168
Anche l'integrazione apportata all'art. 168 obbedisce ad esigenze di correttezza formale e di omogeneit di citazioni normative.

Articolo 173
L'intervento di cui all'art. 173 pone rimedio ad una "svista" formale del testo previgente. Nel rimarcare, infatti, relativamente alla prelazione-storico artistica, anche dal punto di vista lessicale, la caratterizzazione di atto potestativo di natura ablatoria, e quindi la sua distinzione rispetto all'analogo istituto civilistico, provvedendo di conseguenza ad espungere ogni riferimento al termine "diritto", si tralasciato di rivedere anche la formulazione della sanzione penale connessa all'inosservanza degli obblighi imposti all'alienante dalla norma sostanziale.

Articolo 179
Ancora di puro drafting l'intervento correttivo apportato all'art. 179, al fine di raccordare al plurale i sostantivi adoperati nella proposizione prescrittiva.

Articolo 182
I commi 1 e 2 dell'art. 182 del Codice disciplinano attualmente la sopravvivenza in via transitoria del sistema previgente, nelle more dell'attuazione dell'art. 29.
Tuttavia, approfondimenti successivi hanno evidenziato la necessit di precisare taluni aspetti di detta disciplina transitoria, eliminando, con l'occasione, aporie testuali che ne rendono incerta l'applicazione pratica. In questa prospettiva, si provveduto alla sostituzione dei predetti commi 1 e 2 (e, conseguentemente, degli artt. 7 e 8 del d.m. 3 agosto 2000, n. 294, ivi richiamati) con una disciplina pi esaustiva, articolata in cinque commi.
I commi 1 e I-bis indicano, riproducendo con alcune modificazioni la disciplina previgente, i requisiti utili al conseguimento della qualifica di restauratore di beni culturali. In particolare, il comma 1, alla lett. a) riproduce il testo dell'art. 7, comma 1, del d.m. 294/2000, estendendo la previsione alle scuole regionali di pari livello ed integrandolo con un requisito che, richiedendo ai corsi universitari una consistenza almeno del cinquanta per cento della parte pratica dell'insegnamento e la disponibilit effettiva dei beni vincolati a tal fine necessari, volto ad assicurare il possesso effettivo delle abilit e capacit necessarie allo svolgimento della delicata attivit professionale.
La medesima considerazione circa l'effettiva qualit dell'insegnamento impartito sottesa al riconoscimento, alla lett. d), dei diplomi rilasciati, per il settore dei beni librati, dalla scuola di Spoleto. Le disposizioni di cui alle lettere b) e e), riproducono le lett. a) e b) dell'art. 7, comma 2, del citato d.m. 294/2000.
II comma I-bis riproduce il testo dell'art'. 7, comma 2, lett. e), dello stesso decreto, prevedendo requisiti che, a differenza dei precedenti, non danno ingresso direttamente alla qualifica, ma consentono di sottoporsi ad una prova di idoneit (rispetto al testo regolamentare previgente, coerentemente all'accordo a suo tempo raggiunto con le regioni sul testo del Codice, vengono considerati utili i diplomi rilasciati dalle scuole regionali anche dopo l'entrata in vigore del d.m. 420/2001, effetto che una imperfetta formulazione dell'art. 182, comma 2, rendeva quanto meno incerto).
I commi I-ter e l-quater sono volti a risolvere problemi applicativi, sul modo di considerare i requisiti, sulle relative attivit certificatorie, sulle modalit di rilascio dei titoli e sulla relativa pubblicizzazione, sorti sulla base della insufficiente formulazione della disciplina regolamentare.
II comma l-qumquies individua i requisiti per il conseguimento della qualifica subordinata di collaboratore restauratore di beni culturali (anche definito, nella prospettiva attuativa dell'art. 29, operatore qualificato sui beni culturali), e riproduce l'art. 8 del pi volte citato decreto del 2000, integrandolo con la previsione - fortemente richiesta dai sindacati ed opportuna per mantenere una collocazione utile a molti operatori del settore - del tendenziale recupero, nell'ambito di tale categoria subordinata, di coloro che non supereranno la prova di idoneit per diventare restauratori.
Infine, con il comma 2 novellato, stata inserita una disposizione transitoria specifica per la disciplina dell'attivazione, in forma sperimentale, di un corso di laurea magistrale in restauro presso il complesso monumentale di Venaria Reale, di recente restaurato, ed in parte adibito a sede di una fondazione che, tra gli altri suoi compiti, ha anche quello di curare la formazione di restauratori.

Articolo 183
La disposizione del comma 5 dell'alt. 183 stata opportunamente integrata, da un lato (comma 2), estendendo la formula dell'invarianza di spesa anche alla disposizione introdotta con la nuova versione dellart. 182, comma 2; dall'altro (comma 5), introducendo il riferimento alla fattispecie di applicazione della garanzia statale introdotta ex novo dal presente decreto all'art. 44, comma 4, del Codice.

Allegato A
La rubrica dell'Allegato al Codice stata emendata al fine di rendere evidente che l'Allegato medesimo integrativo delle sole disposizioni codicistiche che ad esso fanno rimando ed esclusivamente nei limiti del rimando medesimo.
La modifica della voce b) del punto 13 della lettera A dell'Allegato serve a riportare il testo alla sua formulazione originaria, considerato che la modifica operata in tale sede, oltre che all'ari 10, comma 4, letti b)> dall'art. 2-deces del d.l. n. 63 del 26 aprile 2005, come convertito nella legge n. 109 del 25 giugno 2005, stata eliminata sia per abrogazione espressa che mediante riscrittura del testo.
La proposizione posta in fine di lettera A stata soppressa per evitare ogni possibile incertezza interpretativa in ordine alla portata applicativa dell'Allegato stesso.
Dall'attuazione del presente decreto legislativo non derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica; si omette, pertanto, la relazione tecnica di cui all'articolo 11-ter della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni.



aggiungi commento



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news