LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

N. 594. ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE - DECRETO LEGISLATIVO CORRETTIVO E INTEGRATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO 22 GENNAIO 2004, N. 42
2006-01-13
www.senato.it

aggiungi commento

DECRETO LEGISLATIVO CORRETTIVO E INTEGRATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO 22 GENNAIO 2004, N. 42
recante il
"CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO", ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
VISTI gli articoli 76, 87, 117 e 118 della Costituzione; VISTO l'articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400;
VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, recante istituzione del Ministero per i beni e le attivit culturali, a norma dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59, e successive modifiche e integrazioni;
VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, recante il codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137;
VISTO l'articolo 10, comma 4, della legge 6 luglio 2002, n. 137;
VISTA la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del... ;
ACQUISITO il parere della Conferenza unificata, istituita ai sensi del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281;
ACQUISITI pareri delle competenti commissioni del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati;
VISTA la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del...;
Sulla proposta del Ministro per i beni e le attivit culturali, di concerto con il Ministro per gli affari regionali;

EMANA il seguente decreto legislativo:

Art. 1 (Modifiche alla Parte prima)
1. All'articolo 5, Parte prima, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, recante il codice dei beni culturali e del paesaggio, sono apportate le seguenti modifiche:
a) il comma 2 sostituito dal seguente:
"2. Le funzioni di tutela previste dal presente codice che abbiano ad oggetto manoscritti, autografi, carteggi, incunaboli, raccolte librarie, nonch libri, stampe e incisioni, non appartenenti allo Stato, sono esercitate dalle regioni. Qualora l'interesse culturale delle predette cose sia stato riconosciuto con provvedimento ministeriale, l'esercizio delle potest previste dall'articolo 128 compete al Ministero";
b) al comma 3, le parole: "anche su raccolte librarie private, nonch" sono soppresse

Art. 2 (Modifiche alla Parte seconda)
1. Alla Parte seconda del decreto legislativo n. 42 del 2004 sono apportate le seguenti modifiche:
a) all'articolo 10:
1) al comma 3, lettera e), dopo le parole: "e particolari caratteristiche ambientali" sono inserite le seguenti: "ovvero per rilevanza artistica, storica, archeologica, numismatica o etnoantropologica"; le parole: "artistico o storico" sono soppresse;
2) al comma 4, lettera b), dopo le parole: "le cose di interesse numismatico" sono aggiunte le seguenti: "che, in rapporto all'epoca, alle tecniche e ai materiali di produzione, abbiano carattere di rarit o di pregio";
3) al comma 4, lettera l), le parole: "le tipologie di architettura, rurale" sono sostituite dalle seguenti: "le architetture rurali";
b) all'articolo 11, comma 1, lettera a), le parole: "e gli altri ornamenti1'' sono sostituite dalle seguenti: "ed altri elementi decorativi";
c) all'articolo 12:
1) al comma 1, le parole: "del presente Titolo" sono sostituite dalle seguenti: "della presente Parte";
2) al comma 6, le parole: "Le cose di cui al comma 3 e quelle di cui al comma 4" sono sostituite dalle seguenti: "Le cose di cui al comma 4 e quelle di cui al comma 5";
3) il comma 10 sostituito dal seguente:
"10. Il procedimento di verifica si conclude entro centoventi giorni dal ricevimento della richiesta";
d) all'articolo 14, comma 3, la congiunzione: "o" sostituita dalla congiunzione: "e";
i
e) all'articolo 16, comma 1, dopo la parola: "Avverso" sono inserite le seguenti: "il provvedimento conclusivo della verifica di cui all'articolo 12 o";
f) all'articolo 17, comma 5, dopo le parole: "beni culturali" sono aggiunte le seguenti: "e, se relativi ai beni di interesse bibliografico, anche all'Indice del Servizio bibliotecario nazionale";
g) all'articolo 20, comma 2, dopo le parole: "Gli archivi" sono inserite le seguenti: "pubblici e gli archivi privati per i quali sia intervenuta la dichiarazione ai sensi dell'articolo 13";
h) all'articolo 21:
1) al comma 1, lettera e), le parole: "di soggetti giuridici privati" sono sostituite dalle seguenti: "privati per i quali sia intervenuta la dichiarazione ai sensi dell'articolo 13";
2) al comma 4, dopo le parole: "del soprintendente" sono aggiunte le seguenti: "// mutamento di destinazione d'uso dei beni medesimi comunicato al soprintendente per le finalit di cui all'articolo 20, comma 1.";

3) al comma 5, dopo la parola: "prescrizioni.'" sono aggiunte le seguenti: "Se i lavori non iniziano entro cinque anni dal rilascio dell'autorizzazione, il soprintendente pu dettare prescrizioni ovvero integrare o variare quelle gi date in relazione al mutare delle tecniche di conservazione.;

i) all'articolo 22:
1) al comma 3, le parole: "Ove la soprintendenza proceda ad accertamenti di natura tecnica, dandone preventiva comunicazione al richiedente,''' sono sostituite dalle seguenti: "Ove sorga l'esigenza di procedere ad accertamenti di natura tecnica, la soprintendenza ne da preventiva comunicazione al richiedente ed";

2) il comma 4 sostituito dal seguente:
"4. Decorso inutilmente il termine stabilito, il richiedente pu diffidare l'amministrazione a provvedere. Se l'amministrazione non provvede nei trenta giorni successivi al ricevimento della diffida, il richiedente pu agire ai sensi dell'articolo 21-bis della legge 6 dicembre 1971, n. 1034 e successive modifiche ed integrazioni.";

l) all'articolo 28, comma 4, le parole: "di opere pubbliche" sono sostituite dalle seguenti: "di lavori pubblici e le parole: "dell'opera pubblica" sono soppresse;

m) all'articolo 29:

1) al comma 9, secondo periodo, dopo le parole: "dell'esame finale," sono aggiunte le seguenti: "abilitante alle attivit di cui al comma 6 e avente valore di esame di Stato" e dopo le parole: "un rappresentante del Ministero," sono inserite le seguenti: "il titolo accademico rilasciato a seguito del superamento di detto esame, che equiparato al diploma di laurea specialistica o magistrale";
2) dopo il comma 9 inserito il seguente:
"9-bis. Dalla data di entrata in vigore dei decreti previsti dai commi 7, 8 e 9, agli effetti dell'esecuzione degli interventi di manutenzione e restauro su beni culturali mobili e superfici decorate di beni architettonici, nonch agli effetti del possesso dei requisiti di qualificazione da parte dei soggetti esecutori di detti lavori, la qualifica d restauratore conservatore di beni culturali acquisita esclusivamente in applicazione delle predette disposizioni. ";

3) il comma 11, sostituito dal seguente:
"11. Mediante appositi accordi il Ministero, le regioni e le universit, anche con il concorso di altri soggetti pubblici e privati, possono istituire congiuntamente centri, anche a carattere interregionale, dotati di personalit giuridica, cui affidare attivit di ricerca, sperimentazione, studio, documentazione ed attuazione di interventi di conservazione e restauro su beni culturali, di particolare complessit. Presso tali centri possono essere altres istituite, ove accreditate, ai sensi del comma 9, scuole di alta formazione per l'insegnamento del restauro.";
n) all'articolo 30, comma 4, aggiunto, in fine, il seguente periodo: "Copia degli inventali e dei relativi aggiornamenti inviata alla soprintendenza, nonch al Ministero dell'interno per gli accertamenti di cui all'articolo 125";
o) all'articolo 37, comma 1, la parola: "immobili; soppressa;
p) all'articolo 38:
1) nella rubrica, le parole: "Apertura al pubblico degli immobili" sono sostituite dalle seguenti: "Accessibilit del pubblico ai beni culturali";
2) al comma 1, le parole: "Gli immobili" sono sostituite dalle seguenti: "I beni culturali";
q) all'articolo 44:
1) al comma 1, la parola: "importanza" sostituita dalla seguente: "pregio";
2) al comma 4 aggiunto, in fine, il seguente periodo: "L'assicurazione pu essere sostituita dall'assunzione dei relativi rischi da parte dello Stato, ai sensi dell'articolo 48, comma 5";
r) all'articolo 46, comma 3, la congiunzione: "o" sostituita dalla congiunzione: "e";
s) all'articolo 50, comma 1, le parole: "ed altri ornamenti" sono sostituite dalle seguenti: "ed altri elementi decorativi di edifici";
t) all'articolo 54:
1) al comma 2, lettera a), le parole: "fino a quando non sia intervenuta, ove necessario, la sdemanializzazione a seguito del procedimento di verifica previsto dall'articolo 12" sono sostituite dalle seguenti: "fino alla
conclusione del procedimento di verifica previsto dall'articolo 12. Se il procedimento si conclude con esito negativo, le cose medesime sono liberamente alienabili, ai fini del presente codice, ai sensi dell'articolo 12, commi 4, 5 e 6";
2) al comma 2, lettera d), le parole: "quali testimonianze dell'identit e della storia delle istituzioni pubbliche, collettive, religiose" sono soppresse;
u) all'articolo 55, comma 2, la lettera a) sostituita dalla seguente: "a) l'alienazione assicuri la tutela, la fruizione pubblica e la valorizzazione dei beni;";
v) all'articolo 57, comma 2, secondo periodo, sono aggiunte, in fine, le parole: "e sono trascritte su richiesta del soprintndente nei registri immobiliari.";
z) all'articolo 59, comma 2, lettera e), le parole: "dall'apertura della successione" sono sostituite dalle seguenti: "dalla comunicazione notarile prevista dall'articolo 623 del codice civile"; '
aa) all'articolo 60, comma 1, le parole: "al medesimo prezzo stabilito nell'atto di alienazione" sono sostituite dalle seguenti: "o conferiti in societ, rispettivamente, al medesimo prezzo stabilito nell 'atto di alienazione al medesimo valore attribuito nell 'atto di conferimento";

bb) all'articolo 62;
1) al comma 2, le parole: "la proposta" sono sostituite dalle seguenti: "una proposta"; dopo la parola "dalla" inserita la seguente: "motivata" e dopo le parole "della spesa" sono aggiunte le seguenti: "ed indichi le specifiche finalit di valorizzazione culturale del bene";

2) al comma 3, il primo periodo sostituito dal seguente: "II Ministero pu rinunciare all'esercizio della prelazione, trasferendone la facolt all'ente interessato entro quaranta giorni dalla ricezione della denuncia";

cc) all'articolo 70, comma 3, le parole: ", in materia di copertura finanziaria della spesa e assunzione del relativo impegno" sono soppresse;

dd) all'articolo 106:
1) al comma11, le parole: "II Ministero" sono sostituite dalle seguenti: "Lo Stato";
2) dopo il comma 2 aggiunto, in fine, il seguente:
"3. Per i beni diversi da quelli indicati al comma 2, la concessione in uso subordinata all'autorizzazione del Ministero, rilasciata a condizione che il conferimento garantisca la conservazione e la fruizione pubblica del bene e sia assicurata la compatibilit della destinazione d'uso con il carattere storico-artistico del bene medesimo. Con l'autorizzazione possono essere dettate prescrizioni per la migliore conservazione del bene.";

ee) all'articolo 107, comma 2, secondo periodo, dopo le parole: "gi esistenti" sono inserite le seguenti: "nonch quelli ottenuti con tecniche che escludano il contatto diretto con l'originale"',

ff) all'articolo 112, dopo il comma 7 inserito il seguente: "7-bis. Anche indipendentemente dagli accordi di cui ai commi 4 e 5, possono essere stipulati accordi tra lo Stato, per il tramite del Ministero, le regioni, gli altri enti pubblici territoriali e i privati interessati per regolare servizi strumentali comuni destinati alla fruizione e-valorizzazione di beni culturali di un territorio determinato. Con gli accordi medesimi possono essere istituite forme consortili non imprenditoriali per la gestione di uffici comuni";

gg) all'articolo 114, comma 1, le parole: ud qualit della" sono ^sostituite dalle seguenti: "di qualit dei servizi pubblici di";

hh) all'articolo 115:
1) al comma 3, la lettera a) sostituita dalla seguente: "a) affidamento diretto a soggetti giuridici, costituiti o partecipati dall'amministrazione pubblica cui i beni pertengono nelle forme consentite dalle disposizioni vigenti. Il Ministero partecipa agli organi di gestione dei soggetti medesimi con propri rappresentanti, individuati tra coloro che non ricoprano incarichi istituzionali in materia di tutela;";
2) al comma 4, il secondo periodo sostituito dal seguente: "La scelta tra le due forme di gestione indicate alle lettere a) e b) del comma 3 attuata, previa definizione degli obiettivi programmatici, mediante valutazione comparativa, in termini di efficienza ed efficacia, delle modalit idonee al perseguimento di detti obiettivi.";

3) il comma 8 sostituito dal seguente:
"8. Il rapporto tra il titolare dell'attivit e l'affidatario od il concessionario regolato con contratto di servizio, nel quale sono definiti, tra l'altro, i contenuti del progetto di valorizzazione e i relativi tempi di attuazione, i livelli qualitativi di erogazione del servizio e di professionalit degli addetti nonch le modalit di esercizio dei poteri di proposta, impulso e controllo spettanti al titolare dell'attivit, al fine di assicurarne la rispondenza agli obiettivi definiti ai sensi del comma 4";

ii) all'articolo 122;
1) al comma 1, dopo la lettera b) aggiunta la seguente: "e) di quelli versati ai sensi dell'articolo 41, comma 2, fino allo scadere dei termini indicati al comma 1 dello stesso articolo."',
2) al comma 2, dopo la parola: "provvede" sono inserite.le seguenti: ", ove ancora operante

Art. 3 (Modifiche alla Parte quarta)
1. Alla Parte quarta del decreto legislativo n. 42 del 2004 sono apportate le seguenti modifiche:
a) all'articolo 163, comma 1, dopo le' parole: "del Capo V sono inserite le seguenti: "del Titolo I della Parte seconda";
b) all'articolo 173, comma 1, lettera e), le parole: "diritto di" sono soppresse;
e) all'articolo 179, comma 1, la parola: "imitazione" sostituita dalla seguente: "imitazioni";

Art. 4 (Modifiche alla Parte quinta)
1. Alla Parte quinta del decreto legislativo n. 42 del 2004 sono apportate le seguenti modifiche:
a) all'articolo 182: 1) il comma 1 sostituito dai seguenti:
"1. Fino alla data ed agli effetti indicati all'articolo 29, comma 9-bis, acquisisce la qualifica di restauratore di beni culturali:
a) colui che consegue un diploma presso una scuola di restauro statale di cui all'articolo 9 del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, ovvero presso una scuola di restauro regionale di durata non inferiore a quattro anni, ovvero consegue un diploma di laurea specialistica in conservazione e restauro del patrimonio storico-artistico che preveda ore di insegnamento di restauro operativo manuale in laboratori presso la struttura formativa del corso o in cantieri-scuola in consegna al soggetto formatore in misura non inferiore al cinquanta per cento del totale, previo accordo con gli organi ministeriali preposti alla tutela dei beni all'uopo utilizzati, in tutti e tre i casi purch risulti iscritto ai relativi corsi alla data del 1 maggio 2004;
b) colui che, alla data d entrata in vigore del decreto del Ministro 24 ottobre 2001, n. 420, ha conseguito un diploma prsso una scuola di restauro statale o regionale di durata non inferiore a due anni e ha svolto, per un periodo di tempo almeno doppio rispetto a quello scolare mancante per raggiungere un quadriennio e comunque non inferiore a due anni, attivit di restauro dei beni suddetti, direttamente e in proprio, ovvero direttamente e in rapporto di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa con responsabilit diretta nella gestione tecnica dell'intervento, con regolare esecuzione certificata da parte dell'autorit preposta alla tutela dei beni o dagli istituti di cui all'articolo 9 del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368;
c) colui che, alla data di entrata in vigore del decreto del Ministro 24 ottobre 2001, n. 420, ha svolto, per un periodo di almeno otto anni, attivit di restauro dei beni suddetti, direttamente e in proprio, ovvero direttamente e in rapporto di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa con responsabilit diretta nella gestione tecnica dell'intervento, con regolare esecuzione certificata dai competenti organi ministeriali o dagli istituti di cui all'articolo 9 del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368;
d) colui che ha conseguito a seguito di corso triennale un diploma presso la Scuola europea in formazione specialistica dei beni librari di Spoleto.

1-bis. Pu altres acquisire la qualifica di restauratore di beni culturali, ai medesimi effetti indicati all'articolo 29, comma 9-bis, previo superamento di una prova di idoneit, secondo modalit stabilite con decreto del Ministro da emanarsi di concert con il Ministro dell'istruzione, dell'universit e della ricerca, previo parere della Conferenza unificata, entro il 30 ottobre 2006:

a) colui che, alla data di entrata in vigore del decreto del Ministro 24 ottobre 2001, n. 420, ha svolto, per un periodo almeno pari a quattro anni, attivit di restauro dei beni suddetti, direttamente e in proprio, ovvero direttamente e in rapporto di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa con responsabilit diretta nella gestione tecnica dell'intervento, con regolare esecuzione certificata da parte dei competenti organi ministeriali o, degli istituti di cui all'articolo 9 del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368;
b) colui che abbia conseguito o consegua entro il 2005 un diploma presso una scuola di restauro statale o regionale di durata non inferiore a due anni.

I-ter. Ai fini dell'applicazione dei commi 1, lettere b) e c), e 1-bis, lettera a):
a) la durata dell'attivit di restauro documentata dai termini di consegna e di completamento dei lavori, con possibilit di cumulare la durata di pi lavori eseguiti nello stesso periodo;
b) il requisito della responsabilit diretta nella gestione tecnica dell'intervento deve risultare esclusivamente da atti di data certa anteriore all'entrata in vigore del presente decreto emanati, ricevuti o comunque custoditi dall'autorit preposta alla tutela del bene oggetto dei lavori o dagli istituti di cui all'articolo 9 del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368; i competenti organi ministeriali rilasciano agli interessati le necessarie attestazioni entro trenta giorni dalla richiesta.

1-quater. La qualifica di restauratore di beni culturali attribuita, previa verifica del possesso dei requisiti ovvero previo superamento della prova di idoneit, secondo quanto disposto ai commi precedenti, con provvedimenti del Ministero che danno luogo all'inserimento in un apposito elenco, reso accessibile a tutti gli interessati. Alla tenuta dell'elenco provvede il Ministero medesimo, sentita una rappresentanza degli iscritti. L'elenco viene tempestivamente aggiornato, anche mediante inserimento dei nominativi di coloro i quali conseguono la qualifica ai sensi dell'articolo 29, commi 7, 8 e 9.

1-quinquies. Nelle more dell'attuazione dell'articolo 29, comma 10, ai medesimi effetti di cui al comma 9-bis dello stesso articolo, acquisisce la qualifica di collaboratore restauratore di beni culturali - operatore qualificato sui beni culturali:

a) colui che ha conseguito un diploma di laurea universitaria triennale in tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali, ovvero un diploma di Accademia di belle arti con insegnamento almeno triennale in restauro;
b) colui che ha conseguito un diploma presso una scuola di restauro statale o regionale di durata non inferiore a tre anni;
c) colui che, alla data di entrata in vigore del decreto del Ministro 24 ottobre 2001, n. 420, ha svolto lavori di restauro di beni ai sensi dell'articolo 29, comma 4, anche in proprio, per non meno di quattro anni. L'attivit svolta dimostrata mediante dichiarazione del datore di lavoro, ovvero autocertificazione dell'interessato ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, accompagnate dal visto di buon esito degli interventi rilasciato dai competenti organi ministeriali;
d) il candidato che, essendo ammesso in via definitiva a sostenere la prova di idoneit di cui al comma I-bis ed essendo poi risultato non idoneo ad acquisire la qualifica di restauratore di beni culturali, venga nella stessa sede giudicato idoneo ad acquisire la qualifica di collaboratore restauratore di beni culturali - operatore qualificato sui beni culturali";

2) il comma 2 sostituito dal seguente:
"2. In deroga a quanto previsto dall'articolo 29, comma 11, ed in attesa della emanazione dei decreti di cui ai commi 8 e 9 del medesimo articolo, con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universit e della ricerca di concerto con il Ministro, la Fondazione "Centro per la conservazione ed il restauro dei beni culturali La Venaria Reale" autorizzata ad istituire ed attivare, in via sperimentale, per un ciclo formativo, in convenzione con l'Universit di Torino e il Politecnico di Torino, un corso di laurea magistrale a ciclo unico per la, formazione di restauratori dei beni culturali ai sensi del comma 6 e seguenti dello stesso articolo 29. Il decreto predetto definisce l'ordinamento didattico del corso, sulla base dello specifico progetto approvato dai competenti organi della Fondazione e delle universit.''';
b) all'articolo 183:
1) al comma 2, le parole: "degli articoli 5 e 44" sono sostituite dalle seguenti: "degli articoli 5, 44 e 182, comma 2,";
2) al comma 5, dopo le parole: "in attuazione" sono inserite le seguenti: "degli articoli 44, comma 4, e".

Art. 5 (Modifiche allAllegato A)
1. All'Allegato A del decreto legislativo n. 42 del 2004 sono apportate le seguenti modifiche:
a) nella rubrica, le parole: "Previsto dagli" sono sostituite dalle seguenti: "Integrativo della disciplina di cui agli";
b) alla lettera A, il punto b) del numero 13 sostituito dal seguente: "Collezioni aventi interesse storico, paleontologico, etnografico o numismatico. " ;
li
c) alla lettera A, in fine, il periodo che inizia con le parole: "/ beni culturali" e finisce con le parole "alla lettera B" soppresso.

Art. 6 (Abrogazioni)
1. Sono abrogate le seguenti disposizioni:
a) decreto legislativo 31 marzo 1998', n. 112, limitatamente agli articoli 154 e 155;
b) decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, limitatamente all'articolo 10;
e) decreto legge. 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, limitatamente all'articolo 27, commi 1-12;
d) decreto legge 26 aprile 2005, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 giugno 2005, n. 109, limitatamente all'articolo 2-decies.


II presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sar inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
Dato a Roma, add...
Il Presidente della Repubblica
II Presidente del Consiglio
II Ministro per i beni e le attivit culturali
II Ministro per gli affari regionali


aggiungi commento



news

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

20-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2017

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

Archivio news