LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CARRARA, LE CAVE DI BUONARROTI. Dalla Piet ai dentifrici, ora il marmo cura la carie
di Andrea De Carolis e Ferruccio Sansa
"Il Fatto Quotidiano", 12 nov. 2012


Da Carrara. Dalla Piet di Michelangelo ai dentifrici. Il marmo di Carrara, loro bianco con cui artisti di ogni tempo hanno plasmato capolavori, finisce nei tubetti di mezzo mondo. O meglio, a finirci (anche) il carbonato di calcio: sostanza base del marmo, utile nelligiene orale come abrasivo. Un dato che racconta la nemesi della roccia nobile di Carrara: un tempo riservata agli artisti, ora in gran parte destinata ad altri usi. Nella Mecca degli scultori opera una multinazionale svizzera, che rivende in tutto il mondo i detriti delle cave: ossia, circa l80% del marmo estratto. Gi, perch i detriti sono ottimi per i dentifrici, come per pneumatici, vernici, carta e mille altri prodotti dellindustria chimica. Poi, certo, c il marmo di pregio, quello in blocchi. E in particolare il marmo statuario, ideale per opere darte come per pavimenti e arredi di lusso. A comprarlo arrivano dalla Cina e dallIndia, le nuove potenze. Elementi diversi di una realt amara: lindustria locale del marmo se la passa male, con tendenza al peggio. Loro delle cave venduto molto sotto il prezzo di mercato, quasi sempre in forma grezza. E cos le botteghe di Carrara hanno sempre meno lavoro.
Lecologista Riccardo Canesi, dellIdv: Siamo passati dai 14mila addetti di un secolo fa ai circa mille attuali. Le esportazioni di marmo lavorato sono diminuite come quantit e valore, mentre quelle di materiale grezzo continuano a crescere. In generale viene venduto a prezzi bassissimi. Il risultato finale che amministrazioni e imprese locali perdono una valanga di denaro: decine di milioni di euro allanno. Bel guaio per Carrara, che ha il comune pi indebitato dItalia dopo Tori-no. Su ragioni e colpe della crisi il dibattito rovente. Guido Palmerio (Fli) ha lavorato per anni in unazienda del settore: Il marmo andrebbe estratto in base a concessioni, come prevede la legge, con regole precise: quantit minima di estrazione di blocchi, e obbligo di lavorare parte del marmo a Carrara. Ma il Comune non rilascia concessioni e non fa osservare lobbligo di vendita a prezzi di mercato.
Le aziende estraggono in base ad accordi con lamministrazione, per tariffe ridicole: comprano per 13,5 euro a tonnellata, quando ne vale 150-200. Eppure ci sono imprese che pagherebbero il valore reale. Non solo: C unenorme quantit di marmo pregiato venduto in nero, lo sanno tutti. Lanno scorso i deputati di Fli Raisi e Della Vedova hanno rivolto uninterpellanza sul caso allallora ministro dellEconomia, Tre-monti. Scrivevano: Il valore del marmo in blocchi estratto ogni anno (900mila tonnellate) di 300 milioni, ma il Comune ne incassa sei. Una situazione come questa favorisce linfiltrazione della criminalit organizzata. Fabio Granata, anche lui di Fli, e Legambiente di Carrara hanno chiesto alla commissione antimafia di indagare. E proprio Legambiente ricorda: Nel secondo lotto dei lavori per la costruzione della strada dei marmi (inaugurata in aprile, ndr), la Dia di Firenze ha segnalato la costante presenza di membri di una famiglia ritenuta affiliata a una ndrina di Crotone. In procura, a Massa, depositato pi di un esposto. Il sindaco di Carrara, Angelo Zubbani (Psi), replica: Indaghino pure, ma sono convinto che qui la mafia non ci sia. La vendita in nero? C, ma su quello non possiamo fare nulla, spetta alle autorit. Rimangono tutti gli altri problemi. Il sindaco sostiene: Le concessioni non le rilasciamo perch, con le regole attuali, dovrebbero essere per 29 anni e con rinnovo automatico, contro tutte le norme europee. Per modificare il regolamento comunale dobbiamo aspettare che cambino la legge regionale di settore, ora in revisione. Abbiamo chiesto regole stringenti sui blocchi e per la lavorazione in loco: per le imprese qui sono pigre, preferiscono vendere il grezzo, pi semplice.
I prezzi per sono bassissimi, e avete un mare di debiti: Dovevamo tenerli bassi, come sanzione per ricorsi persi alla Corte europea. Ma dal 1 gennaio abbiamo aumentato i canoni, talvolta anche del 400%. I debiti? Abbiamo speso 120 milioni per la strada dei marmi. Prima nel centro citt passavano 800 camion al giorno carichi di marmo, pensi che aria si respirava.
Una volta qui veniva Michelangelo a scegliere il marmo per la sua Piet. Oggi otto tonnellate su dieci diventano scarti. Dentifricio. Intanto la grande montagna bianca, che sotto il sole scintilla come neve, giorno dopo giorno sparisce.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news