LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il caso Verdi, in vendita a Busseto la casa dello scandalo
Rita Sala
Il Messaggero 11/11/2012

Verdi bicentenario con sfratto
A Busseto il cartello vendesi sulla casa in cui abit con Giuseppina Strepponi

Via Roma 56. Incredibile. Alle soglie dell'anno che ricorda il bicentenario di uno degli italiani in assoluto pi famosi al mondo, Giuseppe Verdi, la sua citt natale, Busseto, in provincia di Parma, vede il cartello vendesi campeggiare su Palazzo Orlandi, che fu la casa del maestro tra il 1849 e il 1851. La dimora venne acquistata dal compositore agli esordi della sua fortuna e in quelle stanze, salendo e scendendo il grande scalone centrale, sotto i soffitti affrescati che ora cadono a pezzi, convisse con Giuseppina Strepponi al di l del matrimonio, suscitando lo scandalo del piccolo paese emiliano in tempi di legalit codina e obbligatoria. Verdi fu talmente infastidito dalle chiacchiere e dai pettegolezzi suscitati dalla sua posizione che, per sfuggirvi, decise di trasferirsi nella vicina Sant'Agata. Ma a Palazzo Orlandi era riuscito a comporre capolavori come Rigoletto, Luisa Miller e Stiffelio. In una lettera del 12 agosto 1849, inviata da Verdi a Giovanni Ricordi, si legge tra l'altro: Nulla ho da dirti se non che qui spero di trovare, se non altro, la tranquillit. Il maestro era appena tornato a Busseto da Parigi dove, in piena instabilit politica, era scoppiata anche un'epidemia di colera. Dopo essersi sistemato a Palazzo Orlandi, acquistato poco prima del podere di Sant'Agata, nei tre mesi da agosto a ottobre si dedic alla composizione della Luisa Miller, come rivela una lettera del 7 settembre 1849 indirizzata a Vincenzo Flauto, impresario napoletano: Per l'opera che sto scrivendo sar a Napoli verso l'8 o 10 del mese di ottobre per andare in scena alla fine dello stesso mese.
ASSURDIT. A quanto pare, non interessa a nessuna istituzione, n locale, n nazionale, che casa Verdi vada in malora. Entrare attualmente a Palazzo Orlandi, avendo nozione di quanti eventi il mondo stia preparando in occasione del bicentenario, d la misura di quanto colpevole disinteresse esista, qui, nei confronti del patrimonio culturale. L'interno della dimora ha l'aspetto desolato di un magazzino in disuso, vuoto di mobili, di quadri, di suppellettili, ma ingombro di materiali edili, travi di legno e calcinacci. Nessuna maest conservata. Nessun rispetto. C' da augurarsi che, proprio in occasione del 2013, qualcuno faccia succedere qualcosa. E che Palazzo Orlandi, come recita la targa gi del Maestro Giuseppe Verdi, entri a far parte delle realt culturali accudite, restaurate e aperte alla visita e all'omaggio di quanti (e sono milioni) riconoscono nel musicista di Busseto, un italiano per eccellenza.

Riccardo Muti: Non posso pensare che l'Italia sia questa
Il maestro Riccardo Muti, che onora il bicentenario con tre direzioni di capolavori di Verdi all'Opera di Roma (Simon Boccanegra, I due Foscari e Nabucco) dice: Mi piacerebbe non dover pensare che l'Italia sia davvero diventata cos, un paese al quale nulla importa di conservare le proprie nobilissime radici. Verdi un orgoglio italiano diventato patrimonio universale perla sua capacit unica di mettere in musica la natura umana.



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news