LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il caso Verdi, in vendita a Busseto la casa dello scandalo
Rita Sala
Il Messaggero 11/11/2012

Verdi bicentenario con sfratto
A Busseto il cartello vendesi sulla casa in cui abit con Giuseppina Strepponi

Via Roma 56. Incredibile. Alle soglie dell'anno che ricorda il bicentenario di uno degli italiani in assoluto pi famosi al mondo, Giuseppe Verdi, la sua citt natale, Busseto, in provincia di Parma, vede il cartello vendesi campeggiare su Palazzo Orlandi, che fu la casa del maestro tra il 1849 e il 1851. La dimora venne acquistata dal compositore agli esordi della sua fortuna e in quelle stanze, salendo e scendendo il grande scalone centrale, sotto i soffitti affrescati che ora cadono a pezzi, convisse con Giuseppina Strepponi al di l del matrimonio, suscitando lo scandalo del piccolo paese emiliano in tempi di legalit codina e obbligatoria. Verdi fu talmente infastidito dalle chiacchiere e dai pettegolezzi suscitati dalla sua posizione che, per sfuggirvi, decise di trasferirsi nella vicina Sant'Agata. Ma a Palazzo Orlandi era riuscito a comporre capolavori come Rigoletto, Luisa Miller e Stiffelio. In una lettera del 12 agosto 1849, inviata da Verdi a Giovanni Ricordi, si legge tra l'altro: Nulla ho da dirti se non che qui spero di trovare, se non altro, la tranquillit. Il maestro era appena tornato a Busseto da Parigi dove, in piena instabilit politica, era scoppiata anche un'epidemia di colera. Dopo essersi sistemato a Palazzo Orlandi, acquistato poco prima del podere di Sant'Agata, nei tre mesi da agosto a ottobre si dedic alla composizione della Luisa Miller, come rivela una lettera del 7 settembre 1849 indirizzata a Vincenzo Flauto, impresario napoletano: Per l'opera che sto scrivendo sar a Napoli verso l'8 o 10 del mese di ottobre per andare in scena alla fine dello stesso mese.
ASSURDIT. A quanto pare, non interessa a nessuna istituzione, n locale, n nazionale, che casa Verdi vada in malora. Entrare attualmente a Palazzo Orlandi, avendo nozione di quanti eventi il mondo stia preparando in occasione del bicentenario, d la misura di quanto colpevole disinteresse esista, qui, nei confronti del patrimonio culturale. L'interno della dimora ha l'aspetto desolato di un magazzino in disuso, vuoto di mobili, di quadri, di suppellettili, ma ingombro di materiali edili, travi di legno e calcinacci. Nessuna maest conservata. Nessun rispetto. C' da augurarsi che, proprio in occasione del 2013, qualcuno faccia succedere qualcosa. E che Palazzo Orlandi, come recita la targa gi del Maestro Giuseppe Verdi, entri a far parte delle realt culturali accudite, restaurate e aperte alla visita e all'omaggio di quanti (e sono milioni) riconoscono nel musicista di Busseto, un italiano per eccellenza.

Riccardo Muti: Non posso pensare che l'Italia sia questa
Il maestro Riccardo Muti, che onora il bicentenario con tre direzioni di capolavori di Verdi all'Opera di Roma (Simon Boccanegra, I due Foscari e Nabucco) dice: Mi piacerebbe non dover pensare che l'Italia sia davvero diventata cos, un paese al quale nulla importa di conservare le proprie nobilissime radici. Verdi un orgoglio italiano diventato patrimonio universale perla sua capacit unica di mettere in musica la natura umana.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news