LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - C'erano pure cinque siti archeologici iblei nella convenzione al centro di una truffa
michele barbagallo
LA SICILIA Gioved 29 Novembre 2012





Non riguarda la provincia di Ragusa, almeno in termini economici, la presunta truffa che sarebbe stata organizzata da un'associazione temporanea d'impresa e che ha portato ieri all'arresto di un romano da parte della Gdf. Era a capo delle imprese che, a partire dal 2003, avevano siglato una convenzione con la Regione per la gestione dei punti vendita e delle biglietterie nei principali siti archeologici della Sicilia orientale.
Tra questi, convenzione alla mano, anche i siti archeologici dell'area iblea e in particolare il museo archeologico Ibleo di Ragusa, la Cava di Ispica a Modica, la zona archeologica di Caucana, il museo regionale Kamarina e l'area archeologica di Santa Croce Camerina. La societ si presentata qualche volta negli uffici della Soprintendenza ma nei fatti non ha mai attivato il servizio previsto dalla convenzione e dunque, per fortuna, l'area iblea non toccata dalla presunta truffa che invece riguarda gli altri siti archeologici siciliani dove i ticket venivano regolarmente incassati dall'azienda privata ma poi non venivano versati alla Regione.
"Attualmente - spiega il soprintendente Alessandro Ferrara - i ticket vengono pagati direttamente in loco, nei siti archeologici iblei, e il ricavato viene versato alla Regione e in parte percentuale ai Comuni in cui risiedono i siti, in forza di una legge regionale. In teoria i Comuni dovrebbero accantonare le somme e poi restituirle in servizi vari agli stessi siti archeologici. Abbiamo dunque gestito le entrate in modo diretto, senza avvalerci di altre societ".
Questa stata da una parte una fortuna, visto che in altre realt adesso si piange, ma dall'altra parte non sempre la Regione ha restituito ai siti archeologici le somme introitate. Chi va nei musei o nei parchi archeologici iblei paga un ticket che finisce per il 70% in un unico calderone di uno dei capitoli del bilancio regionale. In teoria queste somme dovrebbero poi servire per i musei e i parchi che invece restano nella maggior parte dei casi all'asciutto. E con il 30% versato ai Comuni, i parchi ricevono alcuni servizi come scerbatura delle erbacce e altri servizi migliorativi.
Il caso ad esempio del parco archeologico di Camarina che ha gi attivato una convenzione con il Comune di Ragusa. Sembra che l'ente pubblico abbia rispettato i patti e che, una volta introitate le somme derivanti dal ticket di ingresso al parco, ha poi fornito servizi per pari importo.
Non ci sono dati ufficiali ma ogni anno in media il museo di Camarina fa circa 10 mila euro di ingressi. A Cava d'Ispica si introitano circa 20 mila euro l'anno. Anche in questo caso dalla Regione non ritornano adeguate risorse per la gestione del sito. E cos i direttori sono costretti a compiti che non competono, come trovare sponsor privati e organizzare iniziative culturali tramite interventi pubblici o con l'aiuto di privati, mentre di certo non possibile pensare a grandi promozioni dei siti.


29/11/2012



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news