LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA RICERCA NELLAGENDA DEL PROSSIMO GOVERNO
LUIGI NICOLAIS
DOMENICA, 06 GENNAIO 2013 LA REPUBBLICA - Napoli


Nelle regioni meridionali vive il pi gran numero di giovani. Una risorsa strategica per il Paese


Un programma ambizioso che ha il vantaggio di cadere su un terreno fertile perch la ricerca italiana di qualit elevata; internazionalmente competitiva; ha credito presso il sistema produttivo pi avanzato e innovativo; attrae numerosi giovani. Inoltre, la ricerca ha il vantaggio di conseguire risultati importanti anche laddove le attivit vengono svolte in realt difficili per condizioni socio-economiche e bassa presenza di insediamenti industriali hi-tech come, purtroppo, le regioni meridionali.
Qui i centri di ricerca, cos come le universit, rappresentano per dimensioni, numeri, attivit, valori, le infrastrutture post industriali pi dinamiche e attive, capaci di proporre risposte originali e positive con cui affrontare le attuali crisi delleconomia finanziaria e manifatturiera. Per restare nel solo ambito Cnr sufficiente ricordare i contributi degli istituti meridionali allo sviluppo dei settori scientifici a pi alto potenziale applicativo - dalla biochimica ai nuovi materiali; dallenergia allambiente; dal mare alle nanotecnologie, dai beni culturali allagroalimentare, dalle scienze della vita a quelle mediche; dai beni culturali alle nuove tecnologie della comunicazione - fino allimpegno nellavanzamento delle frontiere della conoscenza in ogni settore disciplinare. O ancora, alla occupazione in essi di oltre 1.500 giovani ricercatori al di sotto dei 35 anni.
Ed in queste regioni, che le fabbriche della conoscenza concorrono a creare e a diffondere, pi che altrove e con maggiore pervasivit, innovazione culturale, organizzativa, sociale. Lo fanno a volte inconsapevolmente, in modo episodico. Ma sempre con grande energia, coinvolgimento, entusiasmo. Cos soprattutto in queste regioni che, ad esempio, i centri di ricerca e le universit, in aggiunta ai compiti istituzionali, mostrano con maggior efficacia la capacit creativa, la dimensione sociale ed economica del sapere, del saper fare e del saper far fare.
in questi luoghi che la conoscenza esprime con maggior evidenza il potenziale di crescita, anzi essa stessa si fa sviluppo senza per sostituirsi agli interventi industriali ed economici, ma di essi diviene collante, leva, facilitatore, amplificatore. In queste aree, le fabbriche dei saperi difendono e tutelano il patrimonio storico artistico ambientale occupando luoghi prestigiosi della cui manutenzione si fanno carico pur nella ristrettezza dei propri bilanci. Spingono le imprese a innovare e se possibile a diventare pi grandi e competitive.
E sono sempre queste fabbriche della conoscenza ad arginare lindebolimento sociale assicurando offerte culturali e formazione continua di qualit e di largo respiro. Nellultimo decennio, poi, tali realt sono state al centro di politiche locali sullinnovazione, le quali, utilizzando le risorse comunitarie, hanno svolto una duplice azione. Da un lato, hanno favorito laggregazione per masse critiche nei settori a pi elevata capacit di sviluppo tecnologico e il decollo di modelli misti, pubblico-privato, di crescita competitiva. Dallaltro hanno permesso a queste realt di contenere gli effetti dei tagli lineari nazionali e tenere alto il livello di produttivit e relazioni internazionali.
In queste regioni, poi, vive il pi gran numero di giovani. Una risorsa strategica per il Paese da formare, tutelare, valorizzare e attrarre alle attivit di studio e ricerca. Attivit che, per lentusiasmo, la creativit e lintraprendenza dei giovani, potranno compiere balzi in avanti, innovare il tessuto sociale e produttivo, fare uscire il Paese dal cono dombra della crisi.
Il 2013 va, quindi, salutato riconoscendo fiducia al ruolo positivo della ricerca, ricordando ai giovani la storia del Cnr e il lascito morale di autorevoli testimoni, come ad esempio Renato Dulbecco e Rita Levi Montalcini, due campioni di ottimismo e volont, scomparsi nel 2012.
Da qui, linvito a investire con coraggio e convinzione. Lautoreferenzialit, limmobilismo, le miopie di bottega, che impantanano e oscurano il lavoro di tanti, si sconfiggono attraverso la denuncia civile, ma ancor pi sottraendo terreno, smontando alibi, lanciando sfide sul piano della responsabilizzazione, della trasparenza, dellinteresse generale e dellefficacia. Abbiamo innanzi a noi urgenze cogenti e prime tra queste il futuro dei ricercatori precari e quello di una crescita complessiva del sistema ricerca.
Le soluzioni possibili presuppongono che le risorse necessarie per tali obiettivi vengano assunte, da subito, come investimenti piuttosto che essere rubricate come voci di spesa. Vanno poi utilizzati tutti gli strumenti disponibili per favorire la creazione e laffermazione di un sistema unico della ricerca nazionale che superi le attuali distinzioni e riconosca anche agli enti di ricerca autonomie analoghe a quelle universitarie, nella consapevolezza che un ente di ricerca non pu essere governato con le stesse regole di un ministero o di un Comune e che, pertanto, prioritario incentivare la valutazione dei risultati e valorizzare il merito invece di impaludarsi in controlli e burocrazia.
Anche per questo vanno, da subito, esperite le opportunit del decreto ministeriale dello scorso novembre che consentono a professori e ricercatori universitari di svolgere attivit di ricerca presso un ente pubblico e ai ricercatori degli enti pubblici di ricerca di svolgere attivit didattica e di ricerca presso ununiversit. Cos come va riportato, nel settore delluniversit e della ricerca, il turnover al 100% delle risorse liberate dai pensionamenti, abbinandovi un piano straordinario di assunzioni garantendo continuit e qualit al lavoro delle decine di migliaia di giovani ricercatori attualmente precari.
Nel 2012 la priorit stata gestire la crisi finanziaria e di conseguenza il lancio di un modello di sviluppo basato sulla conoscenza stato rinviato. Continuare per in tale direzione sarebbe un grave errore con effetti devastanti sul piano della competitivit e della tenuta occupazionale in ogni settore. Se, nel 2013, su ricerca e innovazione il prossimo governo sapr assumere scelte decisive e lungimiranti, davvero sar un bel modo di festeggiare e ricordare i novanta anni del Cnr.
Lautore presidente del Cnr



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news