LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

A.A.A. Candidato volenteroso cercasi per programma culturale
16 gennaio 2013


In Italia si pu ripartire dalla cultura. Ne sono convinti i promotori di un manifesto programmatico che aspira a diventare azione politica. Intanto sono aperte le sottoscrizioni online
Ripartire dalla cultura si pu

Milano. Mentre le Primarie della Cultura del Fai, accompagnate dallo slogan se non puoi scegliere il candidato, scegli le sue idee, sono in pieno svolgimento, nonostante gli eventi che hanno interessato i vertici della Fondazione (dallautosospensione alle dimissioni irrevocabili della presidente Ilaria Borletti Buitoni, precedute da quelle di Salvatore Settis da consigliere della Fondazione), un nuovo appello gi stato lanciato per ripartire dalla cultura. Cultura intesa come fattore di sviluppo sociale ed economico, non costo improduttivo da tagliare, e su questa base sono state delineate proposte e obiettivi contenuti nel manifesto pubblicato sul sito (http://www.ripartiredallacultura.it/). I promotori (lAssociazione Italiana Biblioteche, lAssociazione Nazionale Archivistica Italiana, Icom Italia, lAssociazione Bianchi Bandinelli, il Comitato per la Bellezza, Federculture, Italia Nostra, Legambiente) chiedono ai partiti e ai candidati politici di aderire alle proposte contenute nel manifesto e di impegnarsi a inserirle nei programmi elettorali. Di qui la raccolta di firme finalizzata a sostenere liniziativa che, tra i primi firmatari, annovera diversi esponenti del mondo della cultura italiana: Tullio De Mauro, Tomaso Montanari, Luciano Canfora, Giuliano Montaldo, Salvatore Settis.

Cinque le proposte in programma: puntare sulla centralit delle competenze; promuovere e riconoscere il lavoro giovanile nella cultura; investire sugli istituti culturali, sulla creativit e sullinnovazione; modernizzare la gestione dei beni culturali; avviare politiche fiscali a sostegno dellattivit culturale. Dieci gli obiettivi concreti che riguardano ambiti differenti: dalla promozione degli sgravi fiscali per lassunzione di giovani laureati in ambito culturale, alla riorganizzazione del Mibac in relazione alle reali esigenze del nostro Patrimonio. Dalla digitalizzazione del patrimonio culturale e alla sua messa in rete, alla creazione di una strategia nazionale per la lettura che valorizzi la produzione editoriale. Come anche il sostegno a una fiscalit di vantaggio, per linvestimento privato e per lattivit di volontariato organizzato e del settore non profit a favore della cultura, e alla fruizione culturale, attraverso la detraibilit delle spese per lacquisto di libri, visite a musei, partecipazione ai concerti. Oltre ai riferimenti al mondo delle biblioteche, dei musei, degli archivi, del patrimonio culturale, alle questioni legate allaccesso alla conoscenza, allistruzione, alleducazione musicale.
Una lista di proposte e obiettivi che, si spera, possa essere oggetto di impegno vincolante per quei politici che vorranno sottoscrivere il manifesto.
Liniziativa partita dallAssociazione Italiana Biblioteche che, dopo una prima elaborazione del testo condivisa con Anai e Icom (riunite in Mab Musei Archivi Biblioteche), ha deciso di ampliare il confronto, coinvolgendo associazioni ed esperti del settore culturale.
Il risultato un manifesto dai contenuti molto ampi, in cui presente tutto ci che pu essere utile al nostro Paese per affermare che puntiamo sulla cultura e sulla capacit di leggere i nostri beni culturali, e che siamo in grado di utilizzare queste capacit per vivere meglio il presente e guardare con fiducia il futuro, spiega Stefano Parise, presidente Aib. Alla base, vi la volont di superare una retorica di annunci e dichiarazioni, in merito allesigenza e allimportanza della cultura, e di passare a una dimensione di concretezza.
I nominativi dei politici che aderiranno al programma, saranno resi noti sul sito. In febbraio previsto un incontro pubblico con i leader dei partiti, o con i responsabili dei programmi culturali, per discutere pubblicamente dei temi proposti dal manifesto. E dopo le elezioni, tutti i promotori saranno impegnati a vigilare sullattivit che i candidati, se saranno eletti, svolgeranno sia come membri del Governo sia come parlamentari, verificando la corrispondenza tra promesse e azioni di chi chiamato a gestire la cosa pubblica. Parola di Stefano Parise.

http://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/2013/1/115395.html


news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news