LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Da un anellino d'oro nacque il Museo Vagliasindi prezioso tesoro di Randazzo
LA SICILIA Domenica 27 Gennaio 2013

Tutto ebbe inizio quando una contadina, lavorando nel feudo di sant'Anastasia di propriet del barone Paolo Vagliasindi, a sei chilometri da Randazzo, trov un anellino d'oro. Con sollecitudine corse a consegnarlo al barone che, intuendone il valore storico, intraprese i primi lavori di scavo. Giorno dopo giorno veniva alla luce una necropoli di cui si intuiva l'importanza. Stabiliti i primi contatti con la Direzione delle antichit di Palermo, Antonio Salinas intraprese una regolare campagna di scavi che lo impegn dal 1889 al 1890 nelle contrade S. Anastasia e Mischi. Successivamente nel 1904 Paolo Orsi, direttore della Soprintendenza della Sicilia orientale, port alla luce le altre tombe (una trentina in tutto, coperte da grandi tegole poste a spiovente e per tale motivo definite "a cappuccina"). Considerevole il corredo funerario (monete, vasi, anfore, statuette, monili, utensili) risalente al V e IV sec. a. C.
Per le norme in vigore, la maggioranza dei preziosi reperti fu trasferita al Museo nazionale di Palermo e a quello archeologico di Siracusa. Per gli altri manufatti (i reperti rinvenuti nelle prime indagini) e in particolar modo per l' "oinochoe Vagliasindi", il pi prezioso tra i ritrovamenti (un prezioso vaso in terracotta a figure rosse su fondo nero), il barone Vagliasindi oppose una strenua resistenza, rifiutando ogni offerta. Volle che ci che restava della preziosa raccolta rimanesse a Randazzo. Destin pertanto una sala del suo palazzo alla custodia dei reperti della necropoli di S. Anastasia e ne garant la fruibilit per i visitatori. All'ispettore del Museo nazionale di Roma, Giulio Emanuele Rizzo, si deve l'encomiabile impegno che lo port, nel 1904, a catalogare i preziosi reperti. fornendone in seguito un'interessante testimonianza in una breve pubblicazione.
A curarsi della collezione dopo la morte di Paolo Vagliasindi, avvenuta nel 1913, fu il figlio Vincenzo, ma i bombardamenti del 1943 danneggiarono gravemente il palazzo: molti reperti andarono in frantumi, altri furono saccheggiati. Fortunatamente i Padri Cappuccini del vicino convento recuperarono i pezzi superstiti, che negli anni '60 vennero custoditi, in via provvisoria, nella casa di riposo di Randazzo che, a detta di Vincenzo Cantarella, nipote di Vincenzo Vagliasindi, doveva essere in origine, con buone probabilit, il cosiddetto "Pubblico Mendicicomio", istituito dal barone Paolo Vagliasindi per dare ospitalit a chi ne avesse bisogno, assicurando un pasto caldo ed un giaciglio.
Finalmente, nel 1998, la collezione archeologica ha trovato una degna collocazione nel castello di S. Martino, il castello svevo di Randazzo, il maniero che il barone Carmelo Vagliasindi, nel 1813, fu costretto a cedere in enfiteusi al Comune, essendo entrate in vigore le leggi sull'abolizione della feudalit. Il museo si articola su cinque sale. La raccolta comprende ceramiche di fabbricazione greca, 700 reperti provenienti da Atene, da Corinto e dalla Ionia; non mancano quelli di produzione locale. Sono stati catalogati, inoltre, 70 reperti bronzei greci e romani, 17 reperti in ferro, greci, romani e medievali, Ricchissima la collezione numismatica, Preziosissima l'oinochoe Vagliasindi, ma a questa dovremo dedicare un altro capitolo


27/01/2013



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news