LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SIBARI - Dai mosaici alle terme, tutto il parco archeologico stato travolto dalla furia del Crati che ha rotto gli argini
GIUSEPPE BALDESSARRO
LA REPUBBLICA 30 GENNAIO 2013



Le pompe idrovore dei vigili del fuoco hanno fatto molto, ma servono altri mezzi.

Lappello degli intellettuali
Sibari




I mosaici non ci sono pi. Li ha tutti sepolti il fango trascinato dal Crati. Lacqua ha invaso ogni spazio, si infilata in ogni buco, ha scalato ogni mattone. Il fiume ha rotto gli argini ed piombato sullintero parco come una furia. La piena ha sommerso la necropoli, il teatro, i cortili, i pozzi, le terme e le ville romane. Dove cerano le testimonianze di secoli di storia, sabato 19 affioravano soltanto pochi mozziconi di colonne e qualche muro. Il Parco archeologico di Sibari stato devastato in una notte. Cinque ettari di scavi (lintero parco di 12 ettari) sono stati inghiottiti da unonda che ha provocato danni incalcolabili, impossibili da quantificare e forse anche irrimediabili.
sparita Sybaris, antica colonia degli achei, realizzata nel 720 a. C. e distrutta nel 510 a. C. dai crotoniani. scomparsa Thurii, fondata nel 443 a. C. dai sibariti superstiti che avevano ricostruito la loro antica citt. E infine, non c pi la polis romana di Copia, edificata nel 194 a. C., sullo stesso sito dove erano state alzate le statue di Sybaris e Thurii. Il fiume riuscito
nellimpresa in cui non erano stati capaci gli eserciti. Ha devastato tre citt in un colpo solo. C riuscito il Crati, ma luomo ha fatto la sua parte. I pompieri massacrati da turni di lavoro di 24 ore hanno quasi finito di tirar via lacqua. E mentre i motori delle pompe continuano a ronzare coprendo le voci, indicano un punto in direzione della foce. In quel punto venuto gi largine. Il fiume si ingrossato per due giorni di pioggia imponente, vero. Ma vero anche che pi a monte i nuovi agrumeti hanno formato una barriera che non consente il deflusso delle acque. Com altrettanto innegabile che questestate nessuno ha fatto manutenzione sulle sponde. A una settimana dallesondazione le pompe idrovore dei vigili del fuoco e degli uomini del consorzio di bonifica, hanno fatto il loro lavoro. Ma non finita. I primi danni sono
gi visibili, alcune creste dei muri sono state spazzate via. Ora, per, il vero problema quellimpasto micidiale di terra ed erba, di limo e arbusti, che se si indurisse diventerebbe fatale per intonaci e mosaici.
Una situazione difficile da affrontare e su cui i tecnici e i responsabili della Soprintendenza ai Beni archeologici della Calabria si stanno interrogando. Dovranno evitare che il fango si asciughi bruscamente e diventi crosta ingestibile, difficile da togliere. Servono professionalit specializzate e risorse, perch laffitto delle pompe per aspirare il fango costa, e tanto. Per questo la Soprintendenza e il Sindaco di Cassano allo Jonio, Giovanni Papasso, stanno ipotizzando di utilizzare le idrovore per mantenere un filo dacqua, quindi, di tenere umido il fango. Una scelta temporanea, ma necessaria.
Il sindaco Papasso disperato: uno spettacolo triste. Ed innegabile la solitudine in cui ci hanno lasciato. Ho chiesto aiuto a tutti, ma qua non si visto nessuno. una vergogna. Racconta una tragedia annunciata: Gi nel 2008 il fiume aveva rotto gli argini, lacqua non era arrivata allarea ar-
cheologica, ma cera mancato poco. La Regione aveva stanziato quattro milioni di euro per la messa in sicurezza e ad attuare il piano doveva essere la provincia di Cosenza. Poi Catanzaro aveva avocato a s liter e non si pi saputo nulla di quelle risorse. Nei giorni successivi allalluvione lunica mobilitazione partita stata quella di studiosi, accademici, intellettuali, che hanno lanciato dalle colonne del Quotidiano della Calabria lappello Salviamo Sibari per richiamare lattenzione sul sito in pericolo. Le adesioni sono state migliaia da tutto il mondo, ma servono interventi concreti.
Papasso si rivolto al Governo attraverso i ministeri competenti, alla Regione ed ha scritto anche al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, chiedendogli di adoperarsi per risolvere la situazione di emergenza.
Il telefono del sindaco squilla in continuazione: Mi chiamano in tanti. Sono volontari, universitari, gruppi e associazioni. bello quello che sta avvenendo. Ma qua gli angeli del fango non bastano. Qui ci vuole un piano dintervento preciso, mezzi e specialisti.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news