LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Livorno. Addio sms della storia
Marco Gasperetti
Corriere Fiorentino 22/2/2013

Livorno, i secolari graffiti sul ponte del quartiere Venezia rischiano di sparire per l'incuria

Il volto di questi antichi e improvvisati graffitari si perso per sempre nel tempo. Come lacrime sotto la pioggia di quattro secoli di storia. Sono rimasti per i loro segni, le incisioni sul marmo, le magiche implorazioni al Cielo, alla Patria, all'Amore, all'Esistenza, all'Italia. Simboli cristiani, esoterici, patriottici. Potete vederli all'ingresso nell'antico quartiere della Venezia, a Livorno, sulla spalletta orientale del ponte di San Giovanni Nepomuceno.
E, nonostante l'incuria, labbandono e l'indifferenza, sarete rapiti da queste testimonianze. Sono sms ante litteram accompagnati da simboli, archetipi delle smile, le faccine, con i quali oggi comunichiamo con tablet e smartphone. Un cenotafio consacrato dai figli della Venezia livornese alla memoria dei loro morti, lo defin commossa Angelica Palli Bartolommei, la poetessa (nata a Livorno alla fine del diciottesimo secolo ma di origine greca), femminista ante litteram (la chiamavano la Saffo labronica), patriota risorgimentale ed educatrice tanto che a lei stato intitolato l'ex Istituto Magistrale oggi Liceo Pedagogico. La maggioranza dei graffiti per lo pi seicenteschi, settecenteschi e ottocenteschi sono dedicati effettivamente ai cari estinti.
Gente semplice: facchini, barcaioli, marinai, mercanti e pescatori. S'inchinavano, gli antichi graffitari, sul ponte di marmo che guada i fossi medicei e conduce sino al cuore della citt. E incidevano epigrafi, per ricordare compagni e parenti scomparsi. Ma non solo: con scalpelli o chiodi arrugginiti s'inventavano scritte e segni per esorcizzare i fantasmi di un mondo difficile, oppure per inneggiare alla gloria di qualche ente supremo e superiore, mostrare la tolleranza delle decine di religioni che popolavano questa piccola Costantinopoli dove convivevano chiese protestanti e cattoliche, sinagoghe e moschee (addirittura quattro) e le logge massoniche invece che agli affari e al potere guardavano al perfezionamento dell'uomo. E infine, ai tempi eroici del Risorgimento, quando gli odiati austriaci negavano la libert e l'autodeterminazione, per immortalare un W l'Italia con un amore della Patria oggi dimenticato. Adesso queste testimonianze uniche, che rappresentano un capitolo meno conosciuto della citt, rischiano di scomparire per sempre. Sotto la pioggia (vera e non metaforica, stavolta), il libeccio, lo smog. I graffiti si stanno cancellando, pochi si leggono ancora. E nulla si fa per salvarli. Le casse dell'assessorato sono vuote spiega Mario Tredici, responsabile della Cultura e purtroppo facciamo fatica a mantenere le istituzioni culturali volute dai livornesi, come il teatro, i musei, l'istituto musicale, le biblioteche. Non possiamo farci niente. vero ci che dice l'amministratore. Anche se a Livorno (e lo stesso Tredici lo ammette con onest intellettuale) c' un grave problema di razionalizzazione della spesa pubblica. Non sempre si speso bene, non sempre si speso giusto, quasi mai si puntato a un progetto culturale che guardasse pi in l (vedi il colpevole atteggiamento su Amedeo Modigliani, ma l'elenco dei grandi livornesi caduti nell'oblio sarebbe lungo e amarissimo) di quei nasi.
Che forse non sono stati tutti trinariciuti (anche se qualcuno in citt ne dogmaticamente convinto), ma certamente insensibili ad alcuni profumi culturali. Eppure un progetto, quando ancora il morso violento della crisi non c'era, era stato avviato pochi anni fa.
L'allora assessore alle Culture, il compianto Massimo Guantini, dette incarico alla a Cooperativa Amaranta Service, di eseguire alcuni calchi in gesso delle iscrizioni. Poi per nessuno ha pensato anche a un restauro delle iscrizioni (ma quanto coster mai?) e a preservarle dall'erosione. Non possiamo attendere sempre che le situazioni si aggravino per poi rammaricarsi di non essere intervenuti ha denunciato pubblicamente Lorenzo Del Lucchese, consigliere comunale dell'Idv adesso bisogna agire immediatamente per tutelare un pezzo della nostra storia. E anche i graffitari dei secoli passati appartengono alla Livorno che non ti aspetti. Quella che, nel bene o nel male, ha fatto la storia della citt.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news