LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'ambiente e lo sviluppo
Antonio Ballarin Denti
Corriere della Sera - Milano 25/2/2013

La scomparsa di una visibile proposta politica ecologista nel confronto elettorale in corso deve far riflettere anche chi si appresta a governare la Lombardia. Le ragioni di questa retrocessione del tema ambientale nel dibattito politico nazionale sono comprensibili: se, nelle agende di governo, ci si limita solo a contrapporre i problemi dell'ambiente a quelli dell'economia, del lavoro, della dilagante corruzione, la partita persa in partenza. Nessuno si sentirebbe infatti di anteporre aria pulita, difesa del suolo, energie rinnovabili al sostegno dei redditi e dei consumi, ai posti di lavoro per i giovani o alla lotta contro l'illegalit.
Allora cambiamo punto di vista e chiediamoci: come mai in regioni europee motori d'Europa come la nostra Lombardia, anch'esse soggette alla perdurante crisi economica, l'ambiente resta al centro delle proposte di nuove strategie di sviluppo?
La risposta che in queste regioni d'Europa l'ambiente non viene concepito come alternativo alla logica delle imprese e dei consumi, cio come una sottrazione di risorse dal sistema economico-sociale alla protezione della natura. La mitigazione del cambiamento climatico, il miglioramento della qualit dell'aria urbana, lo sviluppo di energie rinnovabili vengono piuttosto considerati benefici addizionali ottenibili da investimenti per lo stimolo di nuovi prodotti, tecnologie innovative e pi virtuosi consumi.
Conosciamo bene le criticit ambientali della nostra regione: una qualit dell'aria urbana che minaccia seriamente la salute, un diffuso inquinamento dei suoli e delle acque da attivit industriali e agrozootecniche, suoli continuamente sottratti all'agricoltura e alle aree verdi da cementificazioni spesso inutili. Se pensiamo, come si fatto finora, che per risolvere questi problemi si debbano introdurre ulteriori vincoli e restrizioni al sistema produttivo, agricolo e commerciale ritorniamo alla drammatica sindrome dell'Ilva. Ambiente contro lavoro, salute contro crescita. E la battaglia per un ambiente migliore persa.
Proviamo invece a concepire politiche integrate di ricerca scientifica, innovazione tecnologica, formazione di risorse umane e stimoli al sistema delle imprese mirate a creare sistemi energetici pi efficienti, trasporti pi flessibili e meno inquinanti, processi e prodotti a minore impiego di risorse naturali, reti logistiche, di comunicazione e di servizi funzionali a un sistema economico pi competitivo.
Proviamo a estendere alle nostre aree urbane l'esperienza del teleriscaldamento di Brescia o a impiegare energie rinnovabili a basso impatto ambientale con tecnologie gi presenti sui mercati europei, o ad avviare piani territoriali che affrontino al tempo stesso il dissesto idrogeologico e i rischi connessi al cambiamento climatico, o a favorire un'edilizia che, invece di consumare aree verdi, riesca a ristrutturare in termini energetici ed estetici le nostre belle citt. Il compito non facile. Occorre che il futuro governo della Lombardia porti al potere non solo competenza, ma anche fantasia. Come diceva un celebre slogan del '68. Ma anche come hanno sempre fatto gli artefici delle grandi rivoluzioni industriali dell'occidente.



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news