LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA -Cultura, rebus Scaletti: unaltra donna se lascia
SIMONA POLI
GIOVED, 28 FEBBRAIO 2013 LA REPUBBLICA - Firenze



Lanticipazione

Il rimpasto di Rossi Ceccobao fuori Ceccarelli ai trasporti


FUORI Ceccobao, dentro Bugli. Dopo il terremoto delle politiche, in Toscana si rinnova la giunta regionale dove Rossi rimescola le carte e la distribuzione delle deleghe. Tra meno di una settimana il presidente annuncer ufficialmente le novit a cui sta gi lavorando. Per completare il quadro manca ancora un tassello, ossia la questione delluscita dellassessore Cristina Scaletti, seconda nella lista toscana della Camera di Centro Democratico. Il suo seggio in Parlamento scatter solo se Bruno Tabacci, capolista in due regioni, opter per il collegio della Sicilia (dove il partito ha preso pi voti) e non per quello della Toscana. Alla sua decisione legata non solo la sorte personale di Scaletti ma anche il nuovo disegno degli incarichi.
Uno dei cambiamenti riguarda lassessorato ai Trasporti, finora guidato da Luca Ceccobao del Pd, ex sindaco di Chiusi, dal 2001 al 2009 membro della deputazione generale della Fondazione Monte dei Paschi di Siena e, allepoca della sua chiamata in giunta, uomo di fiducia di Franco Ceccuzzi con cui durante gli ultimi due anni sembra per che avesse raffreddato i rapporti. Una delega spinosa quella che gli era stata affidata e non solo per le continue proteste dei pendolari delle ferrovie toscane e le sanzioni per disservizi e ritardi con cui puntualmente ogni anno la Regione colpisce Trenitalia (azienda di cui Ceccobao stato peraltro dipendente). Il compito pi delicato di questa prima fase
della legislatura stata la gara unica per il trasporto pubblico su gomma, che ha subto notevoli ritardi ed ha incontrato pi difficolt del previsto. A met mandato Rossi decide cos di affidare la gestione di un dipartimento pesante come quello delle Infrastrutture a un uomo di maggiore esperienza, laretino Vincenzo Ceccarelli del Pd, consigliere regionale. Al posto dellex assessore al Bilancio Riccardo Nencini, leader del Psi eletto al Senato nelle Marche, non entrer un socialista ma un altro dei Democratici, lattuale capogruppo in consiglio regionale Vittorio Bugli, empolese.
Se Scaletti diventasse deputata, Rossi spacchetterebbe la sua delega. Commercio e Turismo andrebbero a Bugli mentre la Cultura
diventerebbe un assessorato a s. E Rossi vorrebbe affidare quellincarico a un nome di prestigio, possibilmente una donna, che
dovr avere come requisiti fondamentali lessere gi nota e apprezzata nel settore dei Beni culturali, avere capacit manageriali e organizzative, sensibilit artistica e pedigree di fiorentina doc. Non sar facile trovare una figura che corrisponda al profilo ideale che il governatore ha in mente, di sicuro lo scouting inizier nel momento stesso in cui Scaletti dovesse essere eletta. Bilancio e Personale, le deleghe che aveva Nencini, potrebbero non andare a nessuno, sembra che Rossi abbia intenzione di assumerne direttamente la responsabilit.
Se Bugli entrasse in giunta si
aprirebbe la questione del capogruppo del Pd e qui potrebbero entrare in gioco i renziani del consiglio che da tempo reclamano un posto di maggiore visibilit. I nomi possibili sono quelli di Nicola Danti e di Enzo Brogi, entrambi vicini al sindaco di Firenze. Sar il gruppo a dare la sua preferenza. In ogni caso Rossi, nella ritrovata armonia con Renzi, sembra propenso ad assecondare questa soluzione, contando sul fatto che anche il rimpasto di Palazzo Vecchio faccia emergere elementi di novit e di contaminazione tra le componenti ex rivali alle primarie.
In vista del rimpasto anche il Pdl manda a Rossi un messaggio: Il presidente colga loccasione per risparmiare un bel po di soldi pubblici, dice il capogruppo berlusconiano Alberto Magnolfi. Attui da subito la riduzione a otto degli assessori, che sar comunque obbligatoria nella prossima legislatura. Sarebbe un modo semplice e concreto per dimostrare che si capito qualcosa del forte messaggio emerso dalle urne. Invece Rossi apparecchier poltrone inutili per ragioni di equilibri politici interni al Pd e alla maggioranza .



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news