LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA Fontego dei Tedeschi, qual il significato culturale e sociale di una simile operazione?
Stefano Boato
Il Gazzettino-Venezia, 01/03/2013

La discussione sulla trasformazione del Fontego dei Tedeschi da attrezzatura pubblica a nuovo centro commerciale (certo non mancava a Venezia) si concentrata solo sulla necessit di non stravolgere la spazialit e i valori architettonici e fisici dell'edificio di matrice cinquecentesca (che andrebbero invece rivalorizzati al massimo). Manca per un approfondimento (chiesto pubblicamente da mesi) sul significato culturale, sociale e urbanistico di un'operazione che deve essere fatta garantendo prima di tutto l'interesse pubblico, che non pu che essere di garantire che il Fondaco resti almeno in parte, per quanto possibile, un luogo di incontro e di servizio pubblico.
L'obiettivo principale da realizzare di lasciare stabilmente ai nostri figli la propriet pubblica di parte dell'immobile; come minimo almeno dell'intero piano terra e di altri spazi ai livelli superiori. Non credo proprio che sia accettabile di poter solo "utilizzare il campiello per eventi culturali per l0 giorni all'anno e l'accesso e uso pubblico di alcuni locali per una superficie pubblica di 200 mq" (come dalla proposta di convenzione). Gli strumenti per garanire questo primario interesse pubblico ci sono.
1) Va versata alla collettivit la maggior parte (non il 51 % ma il 66 % come nel Piano Regolatore di Roma) dell'incremento di valore determinato dalla variante urbanistica. Con l'eliminazione della destinazione a standard pubblico e la concessione del cambio d'uso ad attivit commerciale il valore d'acquisto di 53 milioni di euro viene circa raddoppiato o di quanto viene aumentato? Qualunque sia la stima comparata in un preciso contraddittorio tecnico pubblico-privato, il valore dovuto alla collettivit mi sembra molto ma molto maggiore dei 6 milioni di Euro ipotizzati.
2) La nuova attivit commerciale dovrebbe avere una superficie di vendita "non inferiore a 6.800 mq". Le norme urbanistiche vigenti prevedono che la nuova attivit commerciale deve cedere all'amministrazione pubblica una "area da destinare a servizi" pari a quasi un metro (0,80 mq) per ogni mq di superficie di vendia.
Questo valore e questa superficie da cedere, pi correttamente valutati e dimensionati, consentono di mantenere la propriet pubblica di tutto il piano terra e altre superfici ai piani superiori. Propriet al pubblico da lasciare alle future generazioni.
Stefano Boato
professore associato
di Urbanistica Iuav



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news