LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIVORNO - Il paradosso Modigliani genio nel mondo e snobbato a Livorno
DOMENICA, 03 MARZO 2013 IL TIRRENO - Livorno




Un suo dipinto stato acquistato a Londra per 31 milioni di euro ma la sua citt continua a trattarlo con freddezza e imbarazzo

Dietro lostracismo interessi economici guerre e figuracce




Perch i livornesi non riescono a fare la pace con Mod? Ignorato in vita, snobbato sia dalle accademie dei macchiaioli che dalle avanguardie italiane, negli anni Ottanta fu sdoganato col Premio Modigliani ma ben presto ricacciato nelloblio dalla mostra-beffa delle false teste. Questultima vicenda segn la saldatura di alcuni elementi che rinnovarono il ferreo ostracismo verso lartista: alle logiche mercantili dei galleristi (che hanno magazzini strapieni di paesaggisti), si sommarono la coscienza sporca degli amministratori che organizzarono un evento di cui rise il mondo e la pessima figura di una serie di critici e storici darte politicamente caratterizzati (in primo luogo Giulio Carlo Argan). Il tutto condito da una furibonda guerra tra gli eredi di Mod e chi deteneva i diritti di autenticazione con anche una provincialissima diatriba tra i fratelli proprietari della casa natale. Insomma un guazzabuglio di interessi particolari, incapaci di guardare oltre e di pensare allinteresse generale della citt. Praticamente un paradigma della societ livornese attuale. (a.l.)


di Alice Barontini wLIVORNO Londra, Christie's: il dipinto Jeanne Hebuterne col cappello battuto all'asta 26,9 milioni di sterline, i nostri 31,1 milioni di euro. Milano, Palazzo Reale: apre Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti e, fino a giugno, il genio di Mod sar celebrato con opere della collezione Netter. Francia, tv pubblica nazionale: ad aprile all'interno del programma "La Galerie" andr in onda un documentario sulla vita dell'artista. Il commento della troupe che per qualche giorno ha girato in citt, alla ricerca di storie e monumenti da riprendere? In bilico tra il sorpreso e l'incredulo anche perch, purtroppo, da riprendere c' ben poco. Tanto che Nathalie Bourdon, caporedattrice del programma, si lasciata sfuggire alla stampa: Non mi pare che Livorno abbia la volont di organizzare qualcosa d'importante per Modigliani. Per noi inspiegabile, in Francia considerato un genio, come Monet e Van Gogh. Inutile trincerarsi dietro la vecchia storia dei cugini francesi antipatici, Nathalie, c' poco da dire, ha messo in luce un problema sotto gli occhi di tutti: il paradosso Modigliani, celebrato in tutto il mondo tranne che a Livorno, citt natale un po' madre un po' matrigna. Si, certo, abbiamo la Casa Natale, riaperta e in attivit dopo un lungo e travagliato cammino. I proprietari, i gemelli Guido e Giorgio Guastalla, l'hanno affidata a una cooperativa che organizza al suo interno visite guidate (sabato e domenica alle 17 e 18 o su appuntamento) e eventi sull'artista come rappresentazioni teatrali, concerti, lezioni di storia dell'arte... Ma anche corsi decisamente meno attinenti come decorazione floreale o decorazione di torte natalizie. Ancora poco per trasformare questa realt in un centro di studi e promozione di interesse internazionale. Manca poi una via, una piazza centrale dedicata: il Modigliani a cui stata intitolata la piazza davanti ai Bagni Pancaldi non Amedeo, l'artista, ma Giuseppe Emanuele, il fratello politico, tra i fondatori della sezione livornese del partito socialista. Amedeo si deve accontentare di una traversa alle Sorgenti. Per non parlare, infine, di un monumento: unica traccia dell'artista il busto in bronzo realizzato da Vitaliano De Angelis nel 55, "nascosto" in fondo al viale centrale di Villa Fabbricotti. Ma perch, viene da chiedersi, Livorno non valorizza Modigliani? Perch dal 1984 nessuna mostra pubblica stata dedicata, anche solo indirettamente, a lui? Qual il problema che travaglia da decenni il rapporto tra i livornesi e il loro illustre concittadino? Di sicuro i fondi esigui alla cultura hanno un ruolo importante in tutto questo ma, secondo i livornesi, c' di pi. Per Roberto Peccolo, gallerista, una conferma del fatto che nessuno profeta in patria. Il caso Modigliani - spiega infatti - il pi eclatante ma sono tante le cose che Livorno dovrebbe valorizzare. Purtroppo la colpa di un modo di gestire l'arte moderna e contemporanea che non funziona da decenni. Livorno cos occupata ad occuparsi d'altro che ha instaurato una sorta di blocco psicologico, di apatia, di impermeabilizzazione nei confronti di ci che non gi consacrato in citt. C' un problema di menti e quel poco che c'era crollato trenta anni fa in una burla che non stata a danno dei critici ma della nostra citt. Da quel momento stato chiuso il museo progressivo di Villa Maria e in citt attualmente abbiamo un solo museo, dedicato al padre dei macchiaioli Fattori. Anche Massimo Sanacore, direttore dell'Archivio di Stato di Livorno, pensa che tra le cause di questo oblio ci sia l'estate '84, che ha creato disagio alla citt, trasformando Modigliani in un tema scomodo. Poi, ripercorrendo la storia, amplia la prospettiva e spiega che a met degli anni '80, con l'arrivo della globalizzazione, Livorno ha vissuto un declino economico che ha portato la citt a chiudersi anche da un punto di vista socio-culturale. E ha perso la sua apertura anche nell'ambito dei beni culturali che oggi sono vissuti in un'ottica di conservazione e chiusura pi che di progettazione e valorizzazione. Chi invece estende il problema "alla provincia italiana" Michele Crestacci, attore interprete del monologo Modigliani torna...per favore: L'Italia non vede la cultura come risorsa economica, non mi sorprende che lo stesso faccia Livorno. Eppure i giovani livornesi sono affascinati dal mito di Mod: il grande problema che manca un progetto da seguire. Pi critico il collezionista Carlo Pepi: Livorno non ha mai capito Modigliani, un diverso, uno che del paesaggio non ne voleva sapere. I post macchiaioli lo videro come un traditore. Basti pensare che il Gruppo Labronico si formato nel 1920, con la morte di Mario Puccini: peccato che qualche mese prima mor anche Modigliani, senza ricevere nessun riconoscimento da parte dei suoi amici pittori livornesi. Oggi purtroppo le cose non sono cambiate. Questa chiusura verso l'arte d'avanguardia ancora molto radicata in citt. I paesaggisti livornesi vecchia maniera, i post post post macchiaioli, pur bravi nel loro genere, sono passati: eppure a Livorno in molti continuano a vedere in loro un modello e in Modigliani un traditore. La pensa cos anche Riccardo Ruberti, giovane artista: Modigliani era motivato da una pittura di ricerca avanguardistica, come poteva essere compreso dai pittori livornesi che lavoravano ancora sulla pittura di genere macchiaiola e post? Dopo tanti anni, questo scontro non finito e sono tanti gli artisti non uniformati a un gusto imperante che passano inosservati e sono costretti ad andar via. Giorgio Guastalla, uno dei proprietari della casa natale, prosegue: uno dei problemi principali sono le quotazioni altissime di Modigliani che non permettono al Comune di realizzare mostre, visto che solo di assicurazione costerebbero una fortuna. Poi c' il fattore mentalit: l'evoluzione francese dopo la formazione livornese ha indubbiamente creato una distanza tra Modigliani e Livorno e in citt, ancora oggi, domina un gusto che si rif alla tradizione macchiaiola e post macchiaiola. Se un livornese avesse a disposizione centomila euro per comprare un'opera forse sceglierebbe pi un quadro di Natali che un disegno di Modigliani.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news