LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Parco cancellato e ora lottizzazione
Pinella Leocata
LA SICILIA Luned 04 Marzo 2013 CATANIA

Interessate le aree pregiate della collina Casalotto, con i suoi mulini ad acqua medievali, e della Gazzena

Quello che appena 10 giorni fa avevano denunciato come un possibile rischio accaduto, in tempi strettissimi: sono stati approvati i piani di lottizzazione nell'area di Santa Venera al Pozzo per anni tutelata da un vincolo d'immodificabilit assoluta. Vincolo temporaneo - ed questo il problema - in quanto apposto con provvedimento urgente a tutela del territorio nell'imminente minaccia di un danno irreversibile. Un vincolo di carattere paesaggistico scaduto e rinnovato una seconda volta in attesa dell'approvazione del piano paesaggistico che, avviato nel 2001 dal sovrintendente Gesualdo Campo, non ancora arrivato a definizione. Proprio per questo appariva di estrema importanza la conferma del parco archeologico delle Aci che avrebbe incluso queste aree tra quella da tutelare.
E, invece, come abbiamo denunciato il 12 febbraio scorso, il nuovo dirigente regionale dei Beni culturali Sergio Gelardi - caso unico in tutta la Sicilia - su parere della sovrintendente Vera Greco, ha cancellato tutti i parchi della Provincia di Catania, compreso quello di Santa Venera al Pozzo.

Non sussistono le condizioni logistiche e i presupposti scientifici, ha scritto la sovrintendente, aggiungendo che la gestione migliore di questi luoghi quella diretta della sovrintendenza. E di fronte al grido d'allarme sulla tutela del territorio di Santa Venera al Pozzo, il direttore Gelardi assicurava che per la tutela dalla speculazione edilizia esistono gi i vincoli di legge. Peccato che questi vincoli siano scaduti e che, prontamente, i piani di lottizzazione sono stati approvati e interessano due zone di grande pregio paesaggistico e archeologico: la collina di Casalotto - un altro versante della collina di Vampolieri devastata da uno scempio edilizio tra l'altro inconcepibile in una zona geologicamente a rischio - e l'area della Gazzena. Mentre la prima zona accoglie i resti della via dei mulini ad acqua medievali, l'altra - basti guardare la bibliografia di Leonardo Vigo - zona di importanti ritrovamenti archeologici. Questa, infatti, era un'importante area di insediamenti rurali di epoca romana. Per questo, nell'ottica della tutela, negli anni 90, l'allora dirigente Maria Grazia Branciforti avvi un piano di esproprio dei terreni in mano privata, ora diventati demaniali, e, con i fondi comunitari, provvide ad una campagna di scavo, alla sistemazione ambientale e alla realizzazione dei percorsi di visita. Anche per questo, in quanto area protetta, questo diventato un luogo di migrazione, caratterizzato da una fauna e da una vegetazione particolare, oltre che sede di un erbario. L'obiettivo era salvaguardare non soltanto le terme romane, ma il contesto in cui i viaggiatori di un tempo dovevano vederle. Interventi, iniziative e progetti ora drasticamente ridimensionati dalla prossima lottizzazione edilizia. E sono in tanti a domandarsi se era questo il progetto sotteso all'eliminazione dei parchi archeologici, tanto pi che per gli altri, a partire da quello di Catania, si comincia a parlare di una marcia indietro della Regione. Domande e preoccupazione cui, ancora una volta, la sovrintendente preferisce non rispondere riservandosi di farlo in futuro. Ma due cose ci tiene a precisare: la prima che il parere favorevole stato dato nel 2010, quando Campo aveva lasciato la sovrintendenza e la sede era vacante, dunque a firmare il parere sono stati funzionari di cui la Greco preferisce non fare i nomi. E la seconda che la costituzione del parco non avrebbe inciso dal momento che, per renderla operativa, sarebbe stato necessario, comunque, molto tempo.
C' un motivo in pi per chiedere alla Regione un ripensamento sulla cancellazione dei parchi archeologici e per sollecitare subito un intervento per fermare questa lottizzazione.


04/03/2013

http://giornaleonline.lasicilia.it/GiornaleOnLine/giornale_foto_zoom.php?nome_foto=GONJPG/201303/ALTE/LaIPCR10204720130304SR.JPEG&id_articolo=1878394&DataPubb=20130304


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news