LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tavolini senza dehors nel cuore di Firenze
Corriere Fiorentino 28/4/2013

Givone: questa piazza orribile, rifacciamola con un concorso d'idee e un referendum popolare

Una battaglia di idee per la futura piazza della Repubblica. Una nuova vita che non contempla, tra l'altro, la presenza degli chiacchieratissimi dehors. Magari ci potrebbero essere dei tavoli che appoggiano direttamente sulla pietra anzich sulla formica di quelle "astronavi". Ci potrebbe essere un monumento al centro, e poi si potrebbe dare alla gente la possibilit per una volta di dirigere lo sguardo in basso anzich in alto. E scoprire, magari attraverso un vetro, quello che c' sotto la piazza, il vero cuore di Firenze: il castrum romano.
Quello di Sergio Givone, assessore alla cultura di Palazzo Vecchio, un sogno da esteta, perch il compito di ripensare e di progettare lo lascio a chi ne sa pi di me.
Per ci sta pensando seriamente, l'assessore-prof, a ridare alla citt una nuova piazza della Repubblica, e lo sta facendo con l'idea di dar vita ad un concorso di idee che coinvolga una serie di architetti di fama, invitati a presentare dei progetti di riqualificazione, che poi andrebbero esposti e valutati dai cittadini, come in una sorta di referendum popolare.
Piazza della Repubblica cos com' uno spazio sbagliato, nato male, un aborto di piazza. Quel cuore della citt a vita nuova restituito (come si legge nella grande lapide che sovrasta l'arco, ndr), un cuore tristissimo. E s che si parla del vero centro nevralgico di Firenze, quello da cui tutto prese forma, lo stesso punto in cui un tempo si incrociavano il cardus e il decumanus, le due arterie dell'assetto romano e dove, fino allo sventramento tardo ottocentesco si trovava il ghetto ebraico. Vorrei rompere una volta per tutte il tab del "com'era dov'era", ovvero del dover necessariamente cristallizzare tutto cos com' continua Givone Vale la pena fare un lavoro di utopia, un po' visionario, immaginando qualcosa che ci porti al di l di questo anonimo e opaco presente. E questo non significa necessariamente stravolgere in toto l'immagine attuale. Guai ad agire con l'idea che il nuovo per forza sinonimo di buono, ma altrettanto sbagliato congelare. Una citt un organismo vivente, se viene congelata muore. per questo che credo che quella piazza vada ripensata senza paura e con una precisa consapevolezza critica. Nei piani di Givone che gi andato a bussare a una serie di imprenditori fiorentini, che si sono mostrati interessati al progetto, per l'eventuale finanziamento dei lavori c' quello di organizzare un concorso a chiamata, che inviti quegli architetti (italiani ma non solo), piccoli e grandi, che nel tempo hanno manifestato amore e interesse per la citt e per le sue evoluzioni. Penso che ci sia bisogno di andare alla radice del problema e chi, se non un architetto, pu farlo? Per questo ho intenzione di mandare una serie di inviti a tutti quegli architetti che hanno dimostrato di avere Firenze nel cuore. E, ragionando per ipotesi, una volta presentati i progetti, cosa dovrebbe succedere? Chiederei di realizzare anche dei modelli, che vedrei bene esposti in una mostra al Forte Belvedere, alla quale i fiorentini sarebbero chiamati a partecipare, per dire la loro e scegliere il vincitore. Con la possibilit, ca va sans dire, che nessuno dei partecipanti aggradi i cittadini e che quindi tutto rimanga cos com'.
D'altronde di tentativi o proposte di riqualificazione-cambiamento-rinnovamento negli anni ne sono stati fatti a bizzeffe. Dal direttore degli Uffizi Antonio Natali che ha pi volte auspicato ad un ritorno della scultura dedicata a Vittorio Emanuele II, fatta spostare nel 1932 al centro del piazzale Vittorio veneto alle Cascine, fino all'idea, di tre anni fa, dell'allora novello sindaco Matteo Renzi che propose di creare un ufficio informazioni turistiche in cristallo che riprendesse le fattezze del cubo-Apple store sulla Fifth Avenue a New York. Passando per la pi recente terrazza-nuvola, un parallelepipedo in cemento che sarebbe andato ad innalzare l'attuale edificio che ospita La Rinascente. Ad oggi niente di tutto ci stato realizzato, ma l'idea di ragionarne ancora potrebbe essere un nuovo punto di partenza.
Il primo passo per ancora tutto da fare. Per prima cosa c' da confrontarsi con la citt, con le soprintendenze e con altri soggetti chiarisce Givone E poi c' da trovare i denari. Anche solo fare un concorso ha dei costi, non proibitivi, ma devo essere sicuro di poterli sostenere. Sono fiducioso, i colloqui con alcuni imprenditori fiorentini mi fanno ben sperare. Ho l'impressione che la grande installazione di Mimmo Palladino in piazza Santa Croce (in occasione di Florens 2012, lo scorso novembre, ndr) abbia fatto da apripista. I fiorentini si sono resi conto che le loro piazze possono essere spazi aperti a nuove forme di vita, d'arte e di cultura.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news