LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lurano (BG). Il trasloco che spacc il paese
P.T.
Corriere della Sera - Bergamo 30/4/2013

La quadreria in restauro il segno di continuit pi forte tra la chiesa moderna e quella antica, entrambe dedicate a San Lino. Quando la nuova chiesa fu ultimata, i dipinti furono spostati da quella storica. Un passaggio tutt'altro che indolore. La sostituzione della parrocchiale, infatti, segn profondamente il paese alla fine degli anni '50 quando si cominci a discutere del progetto. Lurano si divise in due fazioni, quelli che volevano la chiesa nuova, e quelli che invece erano affezionati allo storico tempio del '500. Una spaccatura forte, con la tensione alle stelle tra le due parti che invest anche le istituzioni. Nel partito della vecchia chiesa, infatti, militava il sindaco Attilio Ubbiali che governava il paese da 10 anni. Un passato da sostenitore del regime fascista, era centurione delle Camice nere, e poi la svolta nel Dopoguerra con l'iscrizione al Pci, Ubbiali, decritto come un oratore appassionato e in grado di accendere gli animi, aveva trasformato Lurano in un'isola rossa in una provincia che era un feudo democristiano. Questo fino al termine del decennio, quando appunto nacque l'idea di una nuova parrocchiale. Ubbiali si schier per il no senza se e senza ma. L'opinione pubblica per non lo segu. Dalle elezioni del 1960 usc vincitore il candidato della Dc, l'ingegner Giuseppe De Biasi, forestiero di Bergamo, arrivato in paese per gestire i beni dei Secco Suardo e sostenitore della chiesa nuova. Govern per due mandati. Dieci anni che servirono per dimenticare la spaccatura al termine dei quali Ubbiali fu rieletto, rimanendo sindaco poi per altri tre mandati. Nel 1964 intanto la nuova chiesa, con le sue linee moderne e verticali, fu inaugurata mentre la vecchia San Lino, sconsacrata, fu ridotta a un magazzino. Prima per una ditta di maglieria del paese, e poi come deposito per l'oratorio. Un abbandono che si concluse all'inizio degli anni '90 quando, monsignor Roberto Amadei, divenuto vescovo, permise l'acquisizione dell'edificio al Comune. Dopo un primo restauro di consolidamento, la vecchia San Lino dovette attendere il 1999 per l'apertura del cantiere che l'ha riportata agli antichi splendori. L'Amministrazione l'ha trasformata in un auditorium per le iniziative culturali del paese. L'inaugurazione avvenuta nel 2001. Da qualche settimana per i ponteggi sono tornati a circondare l'ex tempio. partito l'intervento di messa in sicurezza del tetto precisa il sindaco Dimitri Bugini Siamo riusciti a ottenere un finanziamento di circa il 50%. Il costo totale del rifacimento del tetto di 140 mila euro.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news