LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SASSUOLO - Nel Pronto soccorso delle opere d'arte
Stefano Rejec
Gioia, 03/05/2013

In camice bianco, i restauratori hanno allestito a Sassuolo un vero e proprio ospedale da campo. Per curare i beni feriti dal sisma

Povero Cristo! Sta l abbandonato sul pavimento, crocifisso due volte. Innaturale, in posizione orizzontale, lui homme vertical, che si stagliava nella penombra della chiesa di S. Pietro in Elda, grappolo di case circondato dai campi della provincia di Modena. Contro il terremoto del maggio 2012 non ha potuto niente e ha dovuto riparare sotto i soffitti alti e sicuri del Palazzo Ducale di Sassuolo.
Insieme ad altre 1300 opere artistiche. Tante sono arrivate finora nell'ex sede estiva dell'Accademia militare di Modena dai luoghi dell'Emilia colpiti dal sisma: sculture, dipinti, arredi liturgici. E tante continuano ad arrivare, via via che sono messi in sicurezza gli edifici che le ospitavano o vengono rimosse le macerie che le avevano sepolte. Per fortuna c' spazio dove, nel Seicento, il duca Francesco I d' Este si riparava dall'afa dell'estate padana, all'ombra di stucchi e affreschi barocchi. Il palazzo fuori della zona sismica e appartiene allo Stato, dunque pu conservare le opere a costo zero. Per questo diventato il pronto soccorso artistico del territorio dice Stefano Casciu, soprintendente dei Beni storici e artistici di Modena e Reggio Emilia che insieme a Laura Bedini e Marco Mozzo, gestisce l'operazione. E come in un vero ospedale, sculture e dipinti sono accolti da personale in camice bianco, pronto a imbracciare, se necessario, una siringa. Una task force che classifica gli oggetti ricoverati in base alla gravit della loro condizione. Un vero e proprio codice solo che, al posto del colore, utilizza il tempo del recupero a breve, medio o lungo termine.
Cos gli esperti e gli allievi dei due Istituti nazionali, quello superiore dei Beni Culturali di Roma e quello dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze, intervengono subito sui casi pi urgenti. Obiettivo: stabilizzare e mettere in sicurezza i pezzi pi danneggiati. Rimuovono la polvere, fonte di degrado, che nasconde lo stato di conservazione, stendono veline protettive sui dipinti per evitare distacchi di colore.
Nel caso delle tele deformate da urti le stendiamo di nuovo spiega Costanza Longo, restauratrice dell'istituto romano, e rimuoviamo le schegge d'intonaco o pietra conficcate nello strato pittorico: il primo obiettivo contenere il danno, evitando che aumento o diventi permanente.
Finora abbiamo sistemato quasi 400 opere dice Stefano Casciu, ma il nostro un deposito dinamico. Abbiamo gi restituito qualcosa ai proprietari, altri beni sono nei centri di restauro o in mostra: per in arrivo l'intera pinacoteca di Cento
E' in buona compagnia il crocefisso di S. Pietro in Elda, in attesa di tornare a guardare Peppone dall'alto in basso.



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news