LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - I finanzieri di Milano sequestrano a New York un Picasso da 11,5 milioni
Corriere della Sera-Milano, 27/06/2013

L'opera apparteneva a due coniugi arrestati nel 2011 per bancarotta e peculato in un'inchiesta sui rifiuti di Napoli

La Guardia di finanza di Milano ha sequestrato a New York il quadro Compotier et Tasse, dipinto nel 1909 da Picasso, del valore di 11,5 milioni di euro. L'opera di propriet di Gabriella Amati, imprenditrice milanese arrestata nel 2011 per peculato e bancarotta. Il quadro era in esposizione in una galleria d'arte di New York e avrebbe dovuto essere venduto all'asta: luned le autorit statunitensi ne avevano bloccato la vendita.
LA PERQUISIZIONE - Il quadro stato trovato durante una perquisizione domiciliare eseguita lo scorso settembre dagli uomini del comando provinciale di Milano. Le fiamme gialle hanno scoperto che l'opera era riconducibile alla coppia di milanesi, Angelo Maj, ora deceduto, e Gabriella Amati, entrambi arrestati nel 2011 per bancarotta e peculato nell'ambito di un'inchiesta coordinata dal pm di Milano Sergio Spadaro. Per i pm milanesi, marito e moglie erano stati gli amministratori di fatto della Aip (Azienda Italiana Pubblicit) dal 2001 al 2009. La Aip, che aveva sede a Milano, per dieci anni avrebbe riscosso le tasse sui rifiuti di Napoli e di altri Comuni, incassando oltre 50 milioni di euro, che non avrebbe mai versato agli enti locali. Ai coniugi e ad altri tre dirigenti della Aip era stata contestata anche l'ipotesi di bancarotta fraudolenta per una distrazione di 18 milioni di euro dalle casse della societ, che nel frattempo era fallita.

L'ALTRA INCHIESTA - Tracce del quadro di Picasso sono emerse nell'ambito di un'altra inchiesta della Procura di Milano, condotta dai pm Stefano Civardi e Mauro Clerici che nel 2012 aveva portato all'arresto dell'avvocato Mariano Baldini, vicino alla criminalit organizzata. L'avvocato casertano, con studio a Roma e Londra, sarebbe stato a capo di un'associazione a delinquere che attraverso un sistema di trust avrebbe protetto il patrimonio di alcuni pregiudicati. Tra le carte sequestrate, i pm hanno trovato la documentazione relativa ad un deposito di un quadro da 10 milioni in Svizzera effettuato da Gabriella Amati.

DIECI MILIONI DI ASSICURAZIONE - L'opera era assicurata per 10 milioni di euro. Gli inquirenti hanno cercato di rintracciare il quadro, che era transitato per diversi depositi in Svizzera per poi finire in una galleria d'arte di New York per essere venduto all'asta. Prezzo base, 11,5 milioni di dollari. I pm di Milano hanno chiesto una rogatoria e la polizia di New York ha bloccato la vendita del capolavoro, che ora nella disponibilit della magistratura milanese. Gabriella Amati, sentita dai magistrati, non ha voluto rivelare la provenienza del capolavoro.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news