LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ALEPPO-La guerra civile e il destino di Aleppo
Giuseppe Talarico
www.opinione.it, 27/06/2013

Il recente vertice del G8 tenutosi in Irlanda, ancora una volta e dimostrando che non vi una identit di posizioni tra i grandi Paesi sulla delicata crisi siriana, dove la guerra civile si perpetua da lungo tempo, ha fatto emergere limpotenza e lindifferenza della comunit internazionale nei riguardi di questo terribile e cruento conflitto civile. Recentemente avvenuta la riconquista della citt di Qusayr da parte dellesercito regolare, che agisce e compie le sue azioni militari ricorrendo a qualsiasi tipo di armamento, pur di difendere e tenere in vita il vacillante e dispotico regime di Bashar Al Assad, definito sulla stampa internazionale Sirian Killer.

Lesercito regolare riuscito in questa impresa militare, sottraendo la citt di Qusayr agli insorti e ai ribelli che si oppongono al regime di Assad, poich ha potuto contare ed ottenere il sostegno e laiuto degli Hezbollah. Nella comunit internazionale ha creato preoccupazione e suscitato grande sgomento la dichiarazione, che proviene dagli ambienti governativi siriani, secondo la quale il regime di Assad si accingerebbe ad attuare e mettere in campo unazione militare per liberare Aleppo dagli insorti e ricondurre questa importante citt, la pi ricca del Paese, sotto il dominio politico del regime illiberale e dispotico di Damasco. Ancora una volta, durante il vertice del G8 in Irlanda, si registrata e si stati costretti a prendere atto dellinsuperabile divergenza tra Putin, che non vuole che siano forniti i missili terra-aria agli insorti, e il presidente Obama che, di fronte al dramma della guerra civile in Siria, mostra un atteggiamento che oscilla tra la preoccupazione e lincapacit ad assumere una linea di politica estera che sia efficace e chiara nei suoi obiettivi.

Nel nostro tempo Aleppo divenuta la citt simbolo della vittoria degli insorti contro il regime autocratico di Bashar Al Assad, poich questa citt stata liberata dalla presenza dellesercito regolare del regime dai ribelli e dagli insorti, senza che vi sia stato laiuto e il sostegno della comunit internazionale. I ribelli, che hanno il dominio politico sulla citt di Aleppo, si oppongono sia alla dittatura di Damasco sia al rischio rappresentato dallislamismo radicale. Dovrebbe destare grande timore e forte preoccupazione la dichiarazione del governo di Assad negli ambienti internazionali, giacch esiste il rischio che, pur di abbattere e superare la resistenza degli insorti di Aleppo, il regime non esiti a compiere azioni cruente e devastatrici, che potrebbero provocare ulteriori morti tra i civili, e produrre gravi danni alla citt, ricca di storia e cultura. Infatti, com stato denunciato da autorevoli esponenti del mondo della cultura, il regime di Assad ha gi fatto ricorso alle armi chimiche, superando la linea rossa tracciata dalla comunit internazionale, la quale in presenza di questo grave e inaspettato fatto e di questa sconvolgente novit ha ostentato indifferenza e unincomprensibile e inaccettabile impotenza.

La comunit internazionale e la classe dirigente delle maggiori democrazie occidentali non pare che siano turbate e scosse pi di tanto da un dato terribile e doloroso: il conflitto civile in Siria, che vede contrapposto il regime autocratico di Assad ai ribelli che sognano e aspirano alla democrazia e alla libert, ha prodotto fino a questo momento la morte di oltre centomila civili. Per capire cosa voglia dire riprendersi la citt di Aleppo, nel linguaggio adoperato dal regime di Assad, sufficiente meditare sui metodi adoperati in questi due anni di guerra civile, dolorosa e terribile, durante la quale si tentato in tutti i modi di soffocare e spegnere linsurrezione dei ribelli, spingendosi anche a distruggere ogni cosa, in modo da infliggere una sorta di punizione a chi si oppone alla dittatura. Come ha ricordato in un suo bellissimo articolo il filosofo francese Bernard Henri Levy, apparso domenica scorsa sulle colonne del Corriere della Sera, Aleppo una citt che, per la sua storia e la ricchezza inestimabile del suo patrimonio artistico e culturale, appartiene allumanit intera. Infatti ad Aleppo, cos come avvenuto in altre citt importanti del mondo antico, come Atene, Babilonia, Susa o Persepoli, stata inventata e creata la civilt urbanistica, che si sviluppata lungo i secoli. Aleppo una citt che, durante la sua secolare e lunga storia, stata sotto linfluenza degli Ittiti e di Alessandro Magno, dei Romani, dei Califfi, degli Omayyadi, dei Mongoli e di Saladino. Durante il Medioevo Aleppo fu il punto di approdo della celebre Via della seta.

Per comprendere il rischio e il pericolo che la guerra civile possa distruggere e ridurre in un cumolo di macerie questa importante citt della Siria, si deve ricordare e tenere presente che Aleppo fu il crocevia, lungo i secoli, di lingue, religioni, popolazioni e culture che si sono contaminate e mescolate fra di loro, lasciando tracce notevoli sul piano artistico della loro presenza. Infatti in questa citt vi stata la pacifica convivenza tra arabi, turchi, curdi, ebrei, veneziani, armeni, cristiani siriaci e copti. Esiste il rischio che la guerra civile possa portare e condurre allannientamento delle opere darte che vi sono ad Aleppo, il bazar con le porte di legno scolpite, il mercato famoso per le sue spezie, i tanti monumenti disseminati nel centro storico di grande valore culturale, la cittadella, che stata descritta ed evocata dai poeti e dagli scrittori nelle loro opere letterarie. Assistere impotenti alla distruzione di Aleppo significherebbe tollerare che sia commesso un crimine contro lo spirito e la cultura universale, a cui appartiene questa citt meravigliosa e importante. Nel recente passato si permesso che venisse, ventanni fa, bombardata Dubrovnik, che fosse incendiata la biblioteca di Sarayevo, che fossero distrutti i Buddha di Bamiyan dai talebani afghani, che venissero dati alle fiamme i testi sacri di Timbuctu dai fondamentalisti islamici maliani.

La comunit internazionale non pu rimanere inerme e indifferente mentre Aleppo esposta al rischio di subire la stessa sorte. Se questo accadesse, verrebbe ridotta in macerie e annientata una citt che, per la sua storia e importanza artistica, appartiene allumanit e alla civilt universale. La ipotetica ed eventuale capitolazione politica di Aleppo, citt nella quale si trovano asserragliati gli insorti e i ribelli che vogliono e desiderano liberare la Siria dalla dittatura di Assad, avrebbe delle implicazioni politiche. Infatti, nel caso in cui Assad riuscisse a riprendersi e ad impadronirsi di Aleppo, questo fatto politico implicherebbe un mutamento dei rapporti di forza nel contesto della cruenta guerra civile a vantaggio del suo regime illiberale e autocratico. Inoltre la probabile e temuta caduta di Aleppo nelle mani dellesercito regolare di Assad, come i migliori analisti sostengono, rischia di segnare la fine della insurrezione, il rafforzamento e la resurrezione politica del regime di Damasco, e segnerebbe la fine delle primavere arabe, il cui inizio risale a due anni fa e che tante aspettative aveva suscitato nel mondo arabo, il quale sogna la libert e agogna la modernizzazione laica dellIslam. Si spera che la comunit internazionale impedisca che questo fosco e terribile scenario politico possa divenire possibile e prendere forma in Siria, dopo due anni di una sanguinosa e dolorosa guerra civile.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news