LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - E ai piedi della colonna di Traiano ecco due edifici pi antichi dei Fori
(sara grattoggi)
La Repubblica 21/06/2013, pagina 3 sezione ROMA


UNA nuova pagina della storia urbanistica di Roma riemerge ai piedi della Colonna di Traiano. A tornare alla luce, grazie al lavoro della Soprintendenza ai Beni archeologici di Roma, sono due antichissimi edifici romani, fondati nel VI secolo a.C., rimaneggiati successivamente e infine demoliti per far posto al Foro di Traiano, e una strada ancor pi antica che dall' Isola Tiberina arrivava alle mura serviane. I resti del complesso architettonico, che nel I secolo d.C. era stato adibito a magazzino alimentare per sfamare una popolazione che gi allora raggiungeva il milione di abitanti, furono poi inglobati nel sottosuolo del cortile della Colonna di Traiano, inaugurata nel 113 d.C. E nell' alto medioevo divennero la cripta funeraria della chiesa di S. Niccol de Columna, come rivelano i resti scheletrici rinvenuti nell' area. Una parte delle strutture era gi stata scoperta nel 1932, ma era stata coperta da un solaio di cemento armato per ampliare la sede stradale, che aveva nascosto anche l' emiciclo a nord della Colonna, realizzato da Pio VII per circoscrivere gli scavi napoleonici. Ed proprio grazie ai lavori per ripristinare quell' emiciclo, avviati nel 2009 in collaborazione con la Sovrintendenza capitolina (sotto la responsabilit di Maurizio Anastasi), che gli antichi edifici hanno potuto rivedere la luce ed essere studiati dopo un' accurata pulizia. Si sono cos ricostruite le fasi edilizie del complesso, dal VI secolo a.C. alle sostanziali modifiche del I d.C., quando venne suddiviso in piccole celle pavimentate in opus spicatum, cio con mattoncini disposti a spina di pesce. Ci che riemerso di grande importanza dal punto vista storico - spiega Roberto Meneghini, direttore scientifico dello scavo - perch apre una finestra sulla topografia e l' urbanistica di Roma prima dei Fori Imperiali. Ma lo anche dal punto di vista progettuale - sottolinea Rossella Rea, responsabile dell' area - perch dimostra che qui basta pulire per scoprire e riscoprire. In quest' ottica, secondo Rea, bisogna tornare alla sinergia fra Stato e Comune, interrotta alcuni anni fa, che aveva prodotto un programma di interventi per la valorizzazione di tutta l' area archeologica centrale. Da questo punto di vista, il proposito del nuovo sindaco di pedonalizzare progressivamente via dei Fori imperiali riceve il plauso della Soprintendenza, come tassello fondamentale per riqualificare l' area. Bisogna ridare dignit ai Fori Imperiali, che molti non conoscono e scambiano con il Foro Romano. Dopo gli scavi e gli studi, entro fine luglio, le strutture riscoperte verranno protette e interrate per riportare l' area all' unit architettonica dell' et traianea.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news