LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA-Gasdotto dall'Azerbaigian (un progetto da 4 miliardi) arriver a Melendugno
Tonio Tondo
www.lagazzettadelmezzogiorno.it, 28/06/2013

Questa mattina, a Baku capitale dell Azerbaigian, ore 9 in Italia, i dirigenti del consorzio Shah Deniz che gestisce gli enormi giacimenti di gas del Mar Caspio daranno la comunicazione ufficiale del vincitore della gara per il gasdotto di 870 chilometri che arriver in Italia, punto dapprodo il tratto di costa tra San Basilio e Chicalindia, poco a nord di San Foca, la marina di Melendugno nel Salento. La gara a due stata vinta dal consorzio Tap (Trans Adriatic Pipelin) costituito dalla svizzera Axpa, dalla norvegese Statoil e dalla tedesca E.On. E stata scelta la soluzione pi vantaggiosa dal punto di vista economico, ha riferito un dirigente della societ. Il secondo progetto, il Nabucco, punto di arrivo in Austria, dopo aver attraversato i Balcani, aveva un costo maggiore del 50 per cento. Le cifre dellinvestimento non sono ancora note, ma si parla di 4 miliardi.

Lopera considerata di interesse nazionale. LItalia, infatti, aspira a diventare lhub europeo del gas proveniente dal Caspio, oltre a quello proveniente dal Nord Africa. Uno degli elementi che ha convinto il consorzio dei pozzi di Shah Deniz a scegliere Tap stata lalta domanda preventiva di acquisti da parte delle societ della distribuzione: il doppio rispetto al Nabucco, cio 17 miliardi di metri cubi lanno contro 8. Il progetto del Tap prevede il trasporto di 10 miliardi di metri cubi lanno, raddoppiabili.

Il governo pi volte ha espresso il suo interesse per Tap, dando anche un dispiacere alla societ Eni, pi interessata a curare i rapporti con la russa Grazpom, promotrice del progetto South Stream. Prima laccordo intergovernativo con Albania e Grecia, gli altri due Paesi fortemente favorevoli allinvestimento, poi il disegno di legge approvato dal consiglio dei ministri presieduto da Enrico Letta per recepire la proposta: da questa forte convinzione nazionale deriva il particolare procedimento amministrativo che sar adottato sia per la valutazione di impatto ambientale (Via) sia per la concessione dellautorizzazione unica.

La procedura Via sar avviata a settembre, da parte del ministero dellambiente, e si prolungher per 10-12 mesi. Il parere della regione non avr valore vincolante e gli enti locali non potranno intervenire nel procedimento. La regione si detta gi contraria allopera, sulla base di un pronunciamento della commissione regionale per la Via.

Il gasdotto arriva dallAlbania fino alla costa salentina. I rappresentanti del consorzio hanno sempre sottolineato la loro particolare attenzione ai temi ambientali. I soci della societ sono di Paesi considerati allavanguardia. Gli ambientalisti norvegesi - rivela un dirigente Tap - sono molto pi analitici dei nostri. E ampiamente risaputo che i Paesi scandinavi sono tra i pi attenti in Europa alla salvaguardia dellambiente.

In realt, il primo progetto Tap, 350 metri pi a nord dellattuale approdo, sinfrangeva su una falesia ad alto rischio idrogeologico, attraversava un parco archeologico ad Acquarica di Lecce (Lecomuseo della pietra) e solo lopposizione dellautorit di bacino e del ministero dei beni culturali ha costretto Tap a cambiare progetto e tracciato.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news