LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sotto la "targhetta" niente: il flop Unesco
Mario Barresi
LA SICILIA Domenica 30 Giugno 2013


La crisi dei 5 siti siciliani: Pi efficace una puntata della fiction di Montalbano che il prestigioso riconoscimento
Problemi e incompiute. Abusi, cemento e Piani di gestione solo sulla carta. E resta una chimera il +30% di presenze atteso post-marchio


Catania. Sotto la targhetta niente. O poco, pochissimo. Laddove non ci sia addirittura lo sfregio della cementificazione selvaggia e dell'abusivismo o la minaccia di mega-lottizzazioni, in Sicilia i siti Unesco sono uniti da un filo nero di problemi aperti e di incompiute: la disattenzione degli enti locali, l'assenza di Piani di gestione, nessun ritorno in termini di presenze turistiche e di occupazione. E cos, mentre la Sicilia festeggia la sua sesta "perla" - l'Etna, entrata nella World Heritage List nella sessione appena conclusasi in Cambogia - la domanda sorge spontanea: ma il riconoscimento davvero un valore aggiunto per la nostra terra? La risposta decisamente negativa, se si guarda a ci che Legambiente ha definito l'Unesco alla siciliana. Molto lontano dalle stime degli esperti del Patrimonio dell'Umanit, che in tutto il mondo hanno stimato in un gratificante +30% l'impatto medio sulle presenze di visitatori dopo l'ingresso nella lista mondiale.
Eccoli, i meravigliosi malati "griffati" Unesco: l'area archeologica di Agrigento, la Villa Romana del Casale di Piazza Armerina, le Eolie, le citt del tardo Barocco del Val di Noto, Siracusa e la necropoli rupestre di Pantalica. Il direttore di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna ha ammesso che prende davvero lo sconforto davanti a tanta desolazione, degrado, disattenzione, incuria, poich c' da vergognarsi nell'assistere all'aggressione continua, al disinteresse, alle inadempienze, al mancato rispetto degli impegni presi, al vuoto progettuale e di proposta. Oltre alla denuncia sulla perdita di cospicui finanziamenti (di cui ci occupiamo in dettaglio nell'articolo a pagina 2), Legambiente Sicilia mette il sale sull'altra principale ferita aperta: i Piani di gestione, strumenti operativi dei gestori dei siti Unesco, ma a distanza di anni ancora desaparecidos. A partire dal riconoscimento del Val di Noto - ricorda l'ex assessore regionale ai Beni culturali, Fabio Granata - l'Unesco ha introdotto l'obbligatoriet dei piani di gestione: a dieci anni di distanza dobbiamo constatare una serie di fallimenti e ripensare radicalmente la valorizzazione. L'insipienza stata fino ad oggi equamente distribuita tra Soprintendenze, Comuni e privati: serve un controllo pi attento e diretto da parte della Regione.
Alcuni dei cinque siti, come confermato da fonti del Comitato del patrimonio mondiale, rischiano l'estromissione dal "club" a causa delle gravi mancanze dei lavori di riqualificazione, restauro e gestione. Un'ipotesi tutt'altro che virtuale, come ammesso da Ray Bondin, ambasciatore permanente di Malta all'Unesco, il quale, ricordando il frequente invio di ispettori anche in incognita per controllare lo stato dei siti, ha sentenziato: Occorre da tempo che nei luoghi protetti vengano applicate le linee imposte dai piani di gestione, che riguardano valorizzazione, fruizione del bene, diffusione della cultura classica, servizi di accoglienza turistica, oggi assai carenti, e altro ancora. Di tutto questo purtroppo oggi in Sicilia non c' nulla. Senza i piani salta tutto, comprese le nuove opportunit di lavoro.
Sulla carta restano soltanto i buoni propositi, ma manca la sostanza: le azioni concrete per valorizzare i siti Unesco. Niente per Siracusa-Pantalica, come certifica Salvo Baio, ex presidente del consorzio universitario "Archimede", pi volte in prima linea nel denunciare quello che definisce senza mezzi termini uno scandalo, dovuto soprattutto all'inerzia dei gestori, che si sono accontentati di prendere la targhetta senza poi far sentire il fiato sul collo a Stato e Regione per avere i fondi spettanti. E nulla di nuovo nemmeno sotto il sole del Val di Noto, come ammette Lucia Trigilia, docente di Architettura e direttore scientifico del Centro internazionale di studi sul Barocco di Siracusa: Ci autososteniamo con la bellezza, taglia corto. Un sito che raggruppa otto citta "gemelle", nato grazie alla ribellione delle coscienza seguita alla ferita dovuta al crollo della cattedrale di Noto. E dopo il riconoscimento? Una maggiore consapevolezza diffusa sul tema della tutela - ammette Trigilia - senza un analogo riscontro per la valorizzazione e la manutenzione continua dei siti. E l'ammissione finale piuttosto amara: Purtroppo ha pi peso una puntata della fiction di Montalbano in tv che un riconoscimento cos prestigioso come quello del Patrimonio dell'Umanit, che rischia di restare fine a se stesso per gravissima colpa dei nostri amministratori. Una sensazione confermata da Angela L'Episcopo, presidente di Siciliantica di Piazza Armerina, altra bandiera Unesco con la Villa del Casale: Il riconoscimento non stato decisivo sul nostro territorio. A livello mediatico, e di conseguenza come attrazione di visitatori, hanno pesato molto di pi il tam-tam creato da Vittorio Sgarbi nei lavori di ristrutturazione e poi l'effetto-traino del ritorno della Venere ad Aidone.
Pi rassicurante il quadro alla Valle dei Templi di Agrigento, "mamma" di tutti i siti siciliani Unesco, con l'iscrizione alla lista risalente a 16 anni fa. stato uno sprone per fare meglio e ritengo che noi ci siamo riusciti, traendo dal marchio un beneficio certo, seppur non quantificabile, assicura Pietro Meli, ex sovrintendente di Agrigento ed ex direttore del Parco archeologico. Pur senza la condivisione del piano di gestione, redatto diversi anni fa, ma con quasi nessun ente che ebbe la sensibilit di rispondere alla convocazione, la realt agrigentina ha goduto di una rendita di posizione non indifferente: l'unico Parco in Sicilia a incassare direttamente i proventi della vendita dei biglietti d'ingresso, potendo quindi investire gli incassi in manutenzioni e servizi. Un modello che continua a funzionare e che magari si potrebbe estendere. Pi complesso il discorso delle isole Eolie, un sito tanto immateriale quanto difficile da controllare. E qui, oltre al mancato decollo del piano di gestione, tengono banco gli abusi, denunciati dal presidente del circolo eoliano di Legambiente, Giuseppe La Greca. L'attivit estrattiva delle cave di pomice (che fece scattare l'inserimento nella black list Unesco), i progetti dei porti turistici, il mancato decollo del Parco. Un fantasma che, secondo Legambiente Sicilia, aleggia anche su Agrigento (minaccia di cementificazione e abusivismo edilizio), sul Barocco del sud-est (sventramento del cuore di Catania per il progetto Rfi di raddoppio ferroviario e serio rischio che Noto perda quel suo particolare e unico colore dorato a causa della rimozione selvaggia dell'intonaco) e su Pantalica, per lo scellerato progetto del ponte d'acciaio sul torrente Calcinara.
twitter: @MarioBarresi


30/06/2013



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news