LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Fondi Ue, sprechi e incapacit. In Sicilia "spariti" 270 milioni
Mario Barresi
LA SICILIA Domenica 30 Giugno 2013


Su 2 miliardi di Poin e Pain per il Sud, 400 milioni erano destinati all'Isola, con corsia privilegiata per i siti Unesco. Esposto dell'ex presidente della Provincia di Siracusa, Bono, a Procura e Corte dei conti. Ma che fine hanno fatto tutti quei soldi?

Catania. C'erano una volta due miliardi di euro. Un "tesoretto" racchiuso in due scatole dai nomi astrusi: Poin (Programma operativo interregionale) e Pain (Programma attuativo interregionale). Due canali di finanziamento europeo, rispettivamente con un miliardo e cinquanta milioni destinati esclusivamente alle regioni-convergenza (Sicilia, Campania, Calabria e Puglia), e altri 950 milioni allargati, oltre a queste quattro aree, anche a Sardegna, Abruzzo, Molise e Basilicata, uscite da Obiettivo 1. Di questi soldi almeno 400 milioni erano destinati alla Sicilia, nei due progetti che l'Unione europea aveva costruito ad hoc proprio per favorire investimenti che diventassero attrattori culturali per le aree a maggiore vocazione in questo settore, e quindi con un canale privilegiato per i siti Unesco.
Che fine hanno fatto quei soldi? Uno dei pi ostinati rivendicatori l'ex presidente della (quasi ex) Provincia di Siracusa, Nicola Bono, anche nella veste di presidente dell'Associazione Province Unesco Sud Italia. Che, alla fine della battaglia, quasi del tutto persa, ha deciso di rivolgersi alla magistratura e alla Corte dei Conti, affinch si indaghi per individuare i responsabili che si sono resi colpevoli di tale scempio che ha negato il futuro a centinaia di migliaia di cittadini e giovani, figli del Sud, che ancora una volta sono stati traditi e sia fatta finalmente chiarezza sull'endemica incapacit di utilizzo del fondi Ue da parte del nostro Paese. Sotto accusa soprattutto i Poin Cultura e Turismo, una vera e propria orgia di disimpegni per mancata spesa, progetti di sponda e ricorso a usi impropri, che hanno fatto strame delle ingenti risorse europee, senza creare un solo posto di lavoro. Se si pensa poi che addirittura ben 200 milioni di euro sono stati indirizzati a finanziare interventi per l'assistenza di anziani non autosufficienti, si ha chiaro che siamo davanti a un vero scandalo.
E allora le risorse destinate alla Sicilia sono finite nel cassonetto della "raccolta differenziata" dei fondi europei? Fin quando ero vicepresidente della commissione sui fondi Ue all'Ars - ricorda il deputato regionale del Pd, Bruno Marziano - quei soldi c'erano, poi subentrata la rinegoziazione del governo Crocetta. Ma Marziano adesso mette in guardia da chi, come gli enti locali, spara nel mucchio contro un'indifferenziata "Regione", senza ammettere le proprie responsabilit nel flop Unesco. Non abbiamo sciolto il dubbio di partenza. Vincenzo Falgares, appena nominato dirigente generale del Dipartimento Programmazione della Regione, via sms ci d un indizio in pi: Gi prima del mio arrivo la competenza anche di coordinamento era transitata ai Beni culturali.
E quindi arriviamo (quasi) a destinazione. Perch l'assessore regionale Mariarita Sgarlata ci assicura che abbiamo recuperato 130 milioni di Poin, grazie al protocollo d'intesa siglato a maggio con il ministro della Coesione territoriale, Carlo Trigilia. I fondi "ripescati" saranno utilizzati per realizzare, d'intesa con il ministero dei Beni culturali, poli musaeali a Palermo, Trapani e Siracusa, oltre che di altri siti siciliani. Sgarlata ricorda di aver trovato, giacenti nei cassetti, progetti cantierabili per circa 98 milioni, al vaglio dei miei dirigenti. Adesso, ricorda l'assessore, non c' nemmeno un minuto da perdere perch dobbiamo fare i bandi entro l'estate per espletare le gare e impegnare le risorse prima del 31 dicembre di quest'anno, per poi certificare la spesa entro il 2015.
Ma, non per essere pignoli, all'appello mancano altri 270 milioni: quelli del Pain. All'assessore non risultano pi nella disponibilit dei Beni culturali, ma - di sabato pomeriggio - difficile avere la conferma definitiva dal dirigente generale Sergio Gelardi, irraggiungibile al telefonino, cos come Francesco Giordano, dirigente del Servizio "Rapporti con le Istituzioni comunitarie e internazionali" dell'assessorato. E, alle 23 di ieri sera, dobbiamo metterci un punto. Limitandoci a estorcere una notizia da confermare a Maria Pia Bottino, gentilissima componente della segreteria tecnica dell'assessore Sgarlata, che l'ha chiamata dalla Presidenza della Regione dove era responsabile del servizio che si occupa di fondi e programmi di spesa. A me questi 270 milioni di euro di Pain - dice Bottino - non risultano in capo al nostro dipartimento, probabilmente sono andati persi in precedenza. Ma possiamo sentirci luned per la conferma? . S, magari. Cos avremo un'altra notte per dormirci su. Sperando che quei soldi la Sicilia non li abbia persi per sempre.
twitter: @MarioBarresi


30/06/2013



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news