LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Ecco la chiesa dei primi cristiani
ANTONIO FERRARA
La Repubblica 10/07/2013, pagina 1 sezione NAPOLI




PRUDENZA. Ma anche voglia di raccontare una scoperta che potrebbe cambiare la storia della presenza del cristianesimo in Campania e in Italia. Viene da Nola, dove nella cripta di San Felice, che occupa i sotterranei del Duomo, l' archeologo Nicola Castaldo, con la guida di Giuseppe Vecchio, della soprintendenza di Napoli e Pompei, ha rinvenuto i resti di una casa romana utilizzata quasi certamente come luogo di culto della comunit cristiana. NON c' ancora la certezza ufficiale, ma quella venuta alla luce potrebbe essere la prima "domus ecclesiae", cio la pi antica "casa della chiesa" attestata in Campania, e forse in Italia. Un' abitazione dove si riunivano clandestinamente i primi seguaci di Cristo. Il rinvenimento fa risalire la presenza dei cristiani a Nola all' et apostolica, prima di Napoli e della vicina Cimitile. La scoperta riapre il dibattito sulla presenza di due santi che portano il nome di Felice: questo di Nola, vescovo, e il Felice presbitero delle basiliche di Cimitile, citato negli scritti di San Paolino. Le ricerche sono state finanziate da don Angelo Masullo, decano del Capitolo cattedrale. La grande parete affrescata venuta alla luce si data tra la fine del primo secolo e la met del secondo secolo dopo Cristo, ed la stessa parete dove da sempre si venera San Felice, primo vescovo di Nola, morto nel 95 d.C. in seguito alle persecuzioni dell' imperatore Domiziano. Si tratta dei resti dell' esedra del giardino della casa romana, poi inglobati nel basilica paleocristiana di IV-V secolo, perch l era stato sepolto San Felice. E su quella prima chiesa, poi, nel XIV secolo fu costruita la Cattedrale di Nola. Siamo di fronte a una continuit di insediamento sacro molto significativa - spiega l' archeologo Castaldo - e tutte le analisi condotte sulle malte e sulle strutture esplorate nella cripta ci confermano una datazione al I-II secolo dopo Cristo. Le strutture murarie portate alla luce consentono di attestare l' antichit del luogo di culto sorto in un' area gi insediata in epoca romana: una domus utilizzata poi come ecclesia, l' embrione attorno a cui si sarebbe sviluppata la prima basilica cristiana. La scoperta sar presentata domani nel corso del convegno "La cripta di San Felice nell' insula episcopalis di Nola", promosso dalla soprintendenza archeologica di Napoli e Pompei e dalla Curia arcivescovile. Resti di affreschi sono stati rilevati anche in altri punti della parete, sia nella parte mediana che in quella superiore prossima alla volta della cripta, sottoposte a quelli quattrocenteschi. La muratura - precisa Nicola Castaldo - poteva anche far parte di un' aula absidata di una vasta domus della prima et imperiale, impiantata sui resti di un precedente edificio di epoca ellenistico-romana. Dietro l' altare della cripta di San Felice sono stati condotti dei saggi di scavo. Ora gli archeologi cercano la conferma definitiva alla loro scoperta: la tomba di San Felice che potrebbe trovarsi dietro il marmo dal quale fuoriesce la "manna miracolosa". Il 15 novembre e l' 8 dicembre di ogni anno - racconta il parroco don Mimmo De Risi, che sulla manna ha scritto anche un libro - i fedeli affollano la cripta per il miracolo della manna di San Felice. Le gocce del liquido vengono raccolte in un calice tramite un canaletto in argento conficcato nell' apertura della lastra marmorea che dovrebbe nascondere la tomba di San Felice. Ma per questo servono nuovi scavi, che consentirebbero di indagare un luogo di culto utilizzato ininterrottamente dai primi secoli dell' Impero romano fino a oggi.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news