LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fori imperiali senza auto la scommessa di Roma
di VITTORIO EMILIANI
14-07-13, IL TIRRENO





Se voleva suscitare, da subito, un vasto e animato dibattito, il nuovo sindaco di Roma, Ignazio Marino, riproponendo con forza la questione dei Fori, ha fatto centro. Il tema di quelli forti, strategici, per ragioni pi urbanistiche che "estetiche". La riduzione del traffico veicolare privato fino, in futuro, all'azzeramento, fa scattare reazioni negative o perplesse, ma non esaurisce la tematica del Parco dei Fori. Nel 1978 il sindaco di Roma, il grande storico dell'arte Giulio Carlo Argan, davanti ai marmi corrosi dallo smog, lancia il grido: O le automobili o i monumenti. Poco pi tardi, Antonio Cederna, veemente e documentato difensore di Roma storica (verde compreso), lancia il Piano per un parco dai Fori ai Castelli. Sul quale concorda pienamente Luigi Petroselli, sindaco dal 1979 al 1981, che crea l'isola pedonale fra Colosseo e Arco di Costantino, fin l portale del traffico pi intenso, e fra Campidoglio e Arco di Settimio Severo. Poi, pur continuando Cederna a proporre quel grandioso Parco e pur venendo ampliata di migliaia di ettari l'area protetta dell'Appia antica, il progetto finisce in archivio. Pertanto Marino non lavora sul nulla. Anzi. Per capirci, dobbiamo riandare al 28 ottobre 1932, quando Benito Mussolini inaugura lo stradone che va dritto da piazza Venezia al Colosseo (che lui pu cos rimirare dal suo studio). Prima di quei lavori, l'area archeologica pi nota al mondo, l'antico Campo Vaccino, stato il luogo prediletto dei viaggiatori del Grand Tour, a partire da Goethe, unitario e con un sapore ancora agreste pur fra scavi e ritrovamenti. Come si arrivati all'urbanistica-spettacolo di Via dell'Impero che lo spacca in due? Annota il pur colto ministro fascista Giuseppe Bottai: Nel termine ristretto di soli sette mesi, si sono demoliti ben 5.500 vani d'abitazione, si sono scavati e asportati 300.000 metri cubi di terreno, di cui la sesta parte, circa, costituita da roccia e da vecchi calcestruzzi romani. In realt - ci ha spiegato lo storico Italo Insolera in "Roma moderna" - in quell'area stata sbriciolata l'edilizia medioevale e completamente distrutto il quartiere costruito all'inizio della Controriforma, si sono atterrate due chiese, cancellate almeno dodici vie e tranciata, abbassata la collina della Velia, fra Colle Oppio ed Esquilino, cio uno dei Sette Colli dell'Urbs pi antica. Tant': gli abitanti di quelle "malfamate casupole" risultavano - al pari dei loro simili della Spina di Borgo davanti a San Pietro - proletari e sovversivi da "deportare" in nuove borgate come Primavalle. Un annientamento gi sperimentato a fine '800 e replicato a furia di picconate da Mussolini all'Augusteo e altrove. E qui cade la prima fondamentale osservazione urbanistica: con questa operazione, il duce fa di una citt policentrica (San Pietro, San Giovanni in Laterano, Quirinale, ecc.) - una metropoli nevroticamente monocentrica attorno alla ingestibile piazza Venezia. Al tempo della fulminea creazione di Via dell'Impero, in tutta Italia ci sono 188.000 autovetture, quindi a Roma appena poche migliaia. Ma, quando, dopo gli anni '50, si moltiplicheranno, il rettilineo mussoliniano diverr una sorta di autostrada urbana che rovescer sempre pi veicoli a motore dentro l'inadatto centro storico. Come avviene pi che mai dopo che i "varchi" elettronici per l'accesso alla citt antica (ma anche ad altre zone della "movida") entrano in funzione, la sera, con la giunta Alemanno, soltanto alle 23 lasciando entrare chiunque. Mussolini fa altri danni. Sin dal 1925 ha chiesto perentoriamente: Voi toglierete la stolta contaminazione tranviaria che ingombra le strade di Roma. E cos la capitale, che prima del fascismo contava oltre 400 Km di rete tranviaria, da record europeo, regredisce rapidamente (senza dotarsi che in poca parte di metropolitane). La mania di "grandezza" porta Mussolini a "raddrizzare" persino il corso del Tevere: le anse che ogni fiume disegna per sfogare la propria forza idraulica, fra Magliana e Spinaceto vengono tagliate da un "drizzagno" che accorcia il fiume di 2,7 Km, che dovrebbe portare ad un "aeroidroscalo", poi abbandonato, e che, alla fine, provocher - lo spiegano idraulici della statura di Gianmarco Margaritora - solo guai. "Raddrizzato", il fiume sfoga infatti la sua ineliminabile forza idraulica scavando all'indietro ed abbassando cos l'alveo, sino a Ponte Milvio Dunque, ridurre incisivamente il traffico dei veicoli privati sui Fori lasciando bus pubblici, taxi e piste ciclabili, un passo fondamentale per fare altrettanto in tutto il centro storico romano, riservando i permessi essenzialmente ai residenti (scesi a soli 85.000) e ridando orari e regole ormai dimenticate a camion, camioncini e furgoni che riforniscono pubblici esercizi, mercatini, ecc. Certo, in parallelo bisogna aumentare l'offerta di trasporto pubblico soprattutto coi pulmini elettrici e coi tram (da prolungare dove gi ci sono). Sollievo potr dare la linea C del metr che attraversa Roma storica. Ma la chiave di volta il trasporto, il servizio pubblico di superficie. Si profetizza che via dei Fori Imperiali e altre zone storiche pedonalizzate saranno occupate dagli orrendi camion-bar col contorno di centurioni. A parte che ad alcuni intellettuali (come il latinista Luca Canali) i centurioni piacciono, per i primi bisogna introdurre - con le Soprintendenze - regole molto severe. Da far rispettare. E qui gi vedo sorrisi scettici. Ma insomma, con gradualit e seriet, anche in un capitale resa difficile dalla posizione centrale di governo, parlamento, 15-20 ministeri, decine di doppie ambasciate (Italia e Vaticano), si pu fare. Se si vuole.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news