LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CECINA Restituiamo alla citt la Piet esposta al museo
16-07-13, IL TIRRENO Cecina







L'interesse per il palazzo del Comune Vecchio crea fervore anche perch, questo simbolo visivo, rappresenta il riferimento storico di Cecina dopo la demolizione dell'antico Castello dei Medici, il Fitto, avvenuta all'inizio degli anni sessanta, dopo il grave danneggiamento subito nell'ultima guerra. Con tale perdita, l'amministrazione comunale decise di mantenere il legame con le radici della storia attraverso il recupero, ed il restauro, dell'affresco della Cappella cinquecentesca devota a S. Ranieri, insediata all'interno dell'antico palazzo: dando all'opera artistica nuova collocazione decorativa nella sala del consiglio comunale e della giunta, situata nella sede di Piazza Carducci. L'affresco recuperato e intavolato, sotto la tutela della Soprintendenza per i Beni Artistici, fu posto alla parete della sala sul lato di via Manzoni, e alla vista degli amministratori locali. Attualmente, la suddetta opera, si trova esposta nel Museo etrusco - romano della Cinquantina, tanto da far provare un senso di impoverimento della sua importanza storica, e con l'auspicio che una nuova sensibilit istituzionale riconsideri la sua giusta collocazione nella futura sala dell'Arte, che dovr sorgere nel Comune Vecchio di Piazza Guerrazzi. Tra l'altro, l'affresco della "Piet Cecinese", di autore ignoto, che risale al 1595, fa interpretare l'omaggio all'eredit di Michelangelo con 1'avvenuta fondazione dell'Accademia del Disegno in suo onore, istituita nel 1588; oltre a far sentire l'influenza del Concilio di Trento (1545 - 1563) , che aveva riabilitato nelle chiese: altari, sacerdoti , e immagini sacre, allontanati dal protestantesimo. Tuttavia, quest'opera stata la prima raffigurazione conosciuta, che ha messo in relazione l'arte rinascimentale con il nostro territorio della Maremma, insalubre e malarico; ci avvenne nel contesto di una nuova rivendicazione spirituale per risvegliare il sentimento religioso. Infatti, l'affresco dipinto, con la Maddalena, Cristo, la Vergine, e S. Caterina da Siena, dette inizio alla forma educativa tramite la dottrina cristiana, rivolta ai bifolchi, garzoni, operanti di lavorie, ed a quanti si avventuravano lungo la strada maremmana, attraversando le boscaglie di Cecina. Per cui oggi, questa rara testimonianza del nostro passato, deve ritornare a far interpretare lo spirito e la storia dal suo luogo naturale, nell'attuale contesto delle passioni creative e dell'evoluzione delle arti figurative, che hanno sempre avuto un intenso richiamo educativo. Ilio Nencini



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news