LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CECINA Restituiamo alla citt la Piet esposta al museo
16-07-13, IL TIRRENO Cecina







L'interesse per il palazzo del Comune Vecchio crea fervore anche perch, questo simbolo visivo, rappresenta il riferimento storico di Cecina dopo la demolizione dell'antico Castello dei Medici, il Fitto, avvenuta all'inizio degli anni sessanta, dopo il grave danneggiamento subito nell'ultima guerra. Con tale perdita, l'amministrazione comunale decise di mantenere il legame con le radici della storia attraverso il recupero, ed il restauro, dell'affresco della Cappella cinquecentesca devota a S. Ranieri, insediata all'interno dell'antico palazzo: dando all'opera artistica nuova collocazione decorativa nella sala del consiglio comunale e della giunta, situata nella sede di Piazza Carducci. L'affresco recuperato e intavolato, sotto la tutela della Soprintendenza per i Beni Artistici, fu posto alla parete della sala sul lato di via Manzoni, e alla vista degli amministratori locali. Attualmente, la suddetta opera, si trova esposta nel Museo etrusco - romano della Cinquantina, tanto da far provare un senso di impoverimento della sua importanza storica, e con l'auspicio che una nuova sensibilit istituzionale riconsideri la sua giusta collocazione nella futura sala dell'Arte, che dovr sorgere nel Comune Vecchio di Piazza Guerrazzi. Tra l'altro, l'affresco della "Piet Cecinese", di autore ignoto, che risale al 1595, fa interpretare l'omaggio all'eredit di Michelangelo con 1'avvenuta fondazione dell'Accademia del Disegno in suo onore, istituita nel 1588; oltre a far sentire l'influenza del Concilio di Trento (1545 - 1563) , che aveva riabilitato nelle chiese: altari, sacerdoti , e immagini sacre, allontanati dal protestantesimo. Tuttavia, quest'opera stata la prima raffigurazione conosciuta, che ha messo in relazione l'arte rinascimentale con il nostro territorio della Maremma, insalubre e malarico; ci avvenne nel contesto di una nuova rivendicazione spirituale per risvegliare il sentimento religioso. Infatti, l'affresco dipinto, con la Maddalena, Cristo, la Vergine, e S. Caterina da Siena, dette inizio alla forma educativa tramite la dottrina cristiana, rivolta ai bifolchi, garzoni, operanti di lavorie, ed a quanti si avventuravano lungo la strada maremmana, attraversando le boscaglie di Cecina. Per cui oggi, questa rara testimonianza del nostro passato, deve ritornare a far interpretare lo spirito e la storia dal suo luogo naturale, nell'attuale contesto delle passioni creative e dell'evoluzione delle arti figurative, che hanno sempre avuto un intenso richiamo educativo. Ilio Nencini



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news