LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Sgarlata: Non siano solo i singoli Comuni a sostenere i costi
LA SICILIA Luned 22 Luglio 2013


Sanare il gap con le altre regioni, valorizzando ogni specifica professionalit e promuovendo la lettura

Assessore ai beni culturali, Mariarita Sgarlata, la Regione Sicilia l'unica, insieme con la Campania, a non avere una legge regionale sulle biblioteche: come vi state muovendo per eliminare questo gap?
La competenza esclusiva assegnata all'assessorato regionale dei beni culturali con il decreto del presidente della Repubblica n. 635 del 1975 ha "replicato" in Sicilia l'articolazione statale anche in materia di accademie e biblioteche. Ma il vuoto legislativo si avverte ed stato segnalato sin dai primi anni dell'autonomia regionale: oggi la difficolt principale la comparazione delle nuovissime esigenze, in continua trasformazione, delle biblioteche, non pi luogo di conservazione ma veri e propri centri della conoscenza e dell'aggregazione, con l'articolazione strutturale e amministrativa degli enti locali. E' evidente che le crescenti difficolt rendono ardua la determinazione di norme la cui applicazione rischia di scontrarsi con i problemi e i deficit accumulati nel tempo. Per questo ritengo necessario stimolare il tema della cooperazione, su scala comprensoriale, per affrontare (come accade in tante regioni) i costi di gestione dei sistemi bibliotecari non per singolo Comune ma per forme associative.
C' in itinere un ddl presentato dall'Aib: a che punto ? Quali tempi si possono prevedere?
Abbiamo ricevuto la proposta dell'Aib e se ne sta valutando l'applicabilit nel senso sopra esposto. L'iter parlamentare agli inizi e non si possono ancora prevedere i tempi. Ma credo sia di tutti la volont di sanare la distanza rispetto alle altre regioni.
Cosa succeder a chi gi lavora nelle biblioteche, visto che le nuove assunzioni dovrebbero avvenire per concorso (quando saranno sbloccati)?
Mai come col governo Crocetta si avverte l'esigenza di un cambiamento, la speranza che le assunzioni nella pubblica amministrazione tornino ad avvalersi del sistema dei concorsi pubblici, con la valutazione delle migliori professionalit in un settore che richiede sempre maggiore specializzazione e conoscenze. Questo ovviamente non esclude che, in una fase di transizione, sia necessario salvaguardare il personale che da anni, con forme diverse di "volontariato" o precariato, garantisce tra mille difficolt il funzionamento delle biblioteche.
Senza una legge regionale, le biblioteche sono lasciate alla buona volont dei singoli: eppure le biblioteche sono fondamentali per una cultura antimafia. Quale il livello di sensibilit della Regione su questo tema, fermo restando tutte le difficolt di reperire fondi a causa della crisi economica?
Pur nella consapevolezza della ristrettezza dei fondi, che ereditiamo da stagioni difficili e di cattiva amministrazione, il governo regionale crede fortemente che la crescita sociale prima e culturale passi obbligatoriamente attraverso la disponibilit, per tutte le classi sociali e per tutte le aree, degli strumenti della conoscenza. E' il tema della legalit che ritorna se solo rinnoviamo nel pensiero le parole di Gesualdo Bufalino, pronunciate circa vent'anni fa alla riapertura della Biblioteca Lucchesiana di Agrigento: "Ogni biblioteca un avamposto contro la mafia".
Esiste poi un problema dei profili professionali, visto che quelli di archivista e bibliotecario, in seguito a un accordo con i sindacati, sono stati unificati: come pensate di muovervi in tal senso?
Ogni scelta lascia scontento qualcuno. Dato che il discorso ancora aperto, la mia idea che ogni specifica professionalit debba essere valorizzata e che le competenze e il percorso formativo di un bibliotecario non possano essere assimilati a quelli dell'archivista e del paleografo.
La Regione ha gi attuato o ha in programma attivit per incrementare la lettura?
Se oggi assumono sempre maggiore valore l'informazione, la conoscenza e la creativit, di contro si modificano in direzione inversa i luoghi dell'aggregazione sociale, sostituiti dai centri commerciali e legati all'intrattenimento. Emerge anche una maggiore richiesta di luoghi terzi dove poter coltivare interessi conoscitivi di varia natura e avere occasioni di incontro e di scambio, luoghi fisici polivalenti, un terreno neutrale dove le persone si sentono a loro agio e hanno modo di incontrarsi e socializzare. La biblioteca pu essere un "luogo terzo" per eccellenza ma, aggiungerei, anche un luogo astratto per incentivare la cultura digitale.
La biblioteca cambia volto: non pi solo libri, ma "piazza" di cultura, incontri, integrazione: l'assessorato intende promuovere - e se s in che modo - questa nuova veste delle biblioteche?
Circa vent'anni fa l'attivit della Regione nel settore delle biblioteche era probabilmente pi incisiva e allineata agli andamenti nazionali; i censimenti, realizzati in connessione con i programmi nazionali, hanno portato alla nascita ed allo sviluppo del Servizio bibliotecario nazionale. Da questo censimento era emerso un quadro sconfortante: il 26% delle sedi erano dichiarate "monumentali" (quindi con problemi di adeguamento) e solo un decimo delle biblioteche poteva offrire almeno 10 posti-lettura. Oggi le "forme della lettura" cambiano e prescindono dal luogo "biblioteca" e dal possesso diretto del libro; le esperienze pi interessanti sono quelle della "promozione" sin dalla prima infanzia, della costruzione del rapporto tra la persona e la lettura. Molte biblioteche hanno aderito ai programmi dell'Aib che si muovono in questa direzione. E anche noi vorremmo poter prendere lo stesso treno, pur con i ritardi e le carenze che ci separano da altre realt italiane, e trasferire in Sicilia i programmi dell'Aib, almeno nelle biblioteche direttamente dipendenti dall'assessorato regionale ai beni culturali.
M. A. B.


22/07/2013



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news