LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - I fondali autentici scrigni preziosi
LA SICILIA Mercoled 31 Luglio 2013

custoditi per secoli i resti della storia. Tante scoperte nel corso degli ultimi anni





Gela. Per secoli i fondali del litorale di Gela sono stati "scrigno prezioso" per custodire i resti della sua storia. Ed una fetta di quel passato riaffiorata nel 1988 quando il mare antistante contrada Bulala - a 2 chilometri dall'emporio greco - ha restituito due relitti di imbarcazioni di nave greca, uno dei quali stato interamente recuperato nel 2008.
Alla scoperta del relitto greco, di et arcaica, hanno contribuito sue subacquei che, proprio nel 1988, consegnarono al Museo Archeologico, alcuni materiali antichi che avevano recuperato nei fondali marini, nel tratto di mare antistante la costa di contrada Bulala. Al personale del Museo Archeologico, i due subacquei, tra le altre cose, consegnarono quattro arule fittili, un tripode bronzeo ed il frammento di una grande coppa a figure nere. Un materiale di notevole importanza che diede l'input prima alla soPRintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali di Agrigento - all'epoca competente sul territorio della giurisdizione nissena, e poi a quella di Caltanissetta, ad una serie di ricerche subacquee che portarono alla scoperta di un'imbarcazione affondata ad 800 metri dalla costa e giacente ad una profondit di 4/5 metri, con la prua rivolta verso il mare aperto. Cos si giunse all'individuazione della nave di et arcaica (500-480 a. C.) affondata per le cattive condizioni del mare prima di raggiungere Gela e di lasciare il carico commerciale trasportato da vendere in citt. La nave - lunga 21 metri e larga 7 - era stata costruita con la tecnica antichissima della cucitura dei legni con fibre vegetali. Qualche anno dopo stata scoperta la seconda nave, pi piccola e databile al V sec. a. C.
La scoperta del secondo relitto risale al 1990. Anche in questo caso, alla sua scoperta contribu un subacqueo. Una prima ricerca fu intrapresa nel 1995 e fu tesa ad accertare la presenza di resti lignei al di sotto delle pietre. I saggi di scavo portarono all'individuazione di una porzione delle tavole del fasciame ed al recupero di una piccola olpe globulare e di due frammenti ceramici acromi. Il relitto, pur contenendo reperti degli inizi del V sec. a. C., databile al terzo venticinquennio dello stesso secolo. La seconda nave giace di fronte al tratto di costa di Gela dove sorge l'insediamento in mattoni crudi scoperto a Bosco Littorio identificato con l'emporio dell'antica colonia prossimo sia alla foce del fiume Gela, ma anche ad un punto del litorale che, per la sua naturale rientranza, poteva costituire un facile punto di approdo per le navi. Durante i lavori di costruzione del gasdotto libico nei pressi della foce del fiume Dirillo stato individuato un altro relitto di et greca. Di un quarto sono state trovate tracce a Bulala qualche anno fa.


31/07/2013



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news