LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - I fondali autentici scrigni preziosi
LA SICILIA Mercoled 31 Luglio 2013

custoditi per secoli i resti della storia. Tante scoperte nel corso degli ultimi anni





Gela. Per secoli i fondali del litorale di Gela sono stati "scrigno prezioso" per custodire i resti della sua storia. Ed una fetta di quel passato riaffiorata nel 1988 quando il mare antistante contrada Bulala - a 2 chilometri dall'emporio greco - ha restituito due relitti di imbarcazioni di nave greca, uno dei quali stato interamente recuperato nel 2008.
Alla scoperta del relitto greco, di et arcaica, hanno contribuito sue subacquei che, proprio nel 1988, consegnarono al Museo Archeologico, alcuni materiali antichi che avevano recuperato nei fondali marini, nel tratto di mare antistante la costa di contrada Bulala. Al personale del Museo Archeologico, i due subacquei, tra le altre cose, consegnarono quattro arule fittili, un tripode bronzeo ed il frammento di una grande coppa a figure nere. Un materiale di notevole importanza che diede l'input prima alla soPRintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali di Agrigento - all'epoca competente sul territorio della giurisdizione nissena, e poi a quella di Caltanissetta, ad una serie di ricerche subacquee che portarono alla scoperta di un'imbarcazione affondata ad 800 metri dalla costa e giacente ad una profondit di 4/5 metri, con la prua rivolta verso il mare aperto. Cos si giunse all'individuazione della nave di et arcaica (500-480 a. C.) affondata per le cattive condizioni del mare prima di raggiungere Gela e di lasciare il carico commerciale trasportato da vendere in citt. La nave - lunga 21 metri e larga 7 - era stata costruita con la tecnica antichissima della cucitura dei legni con fibre vegetali. Qualche anno dopo stata scoperta la seconda nave, pi piccola e databile al V sec. a. C.
La scoperta del secondo relitto risale al 1990. Anche in questo caso, alla sua scoperta contribu un subacqueo. Una prima ricerca fu intrapresa nel 1995 e fu tesa ad accertare la presenza di resti lignei al di sotto delle pietre. I saggi di scavo portarono all'individuazione di una porzione delle tavole del fasciame ed al recupero di una piccola olpe globulare e di due frammenti ceramici acromi. Il relitto, pur contenendo reperti degli inizi del V sec. a. C., databile al terzo venticinquennio dello stesso secolo. La seconda nave giace di fronte al tratto di costa di Gela dove sorge l'insediamento in mattoni crudi scoperto a Bosco Littorio identificato con l'emporio dell'antica colonia prossimo sia alla foce del fiume Gela, ma anche ad un punto del litorale che, per la sua naturale rientranza, poteva costituire un facile punto di approdo per le navi. Durante i lavori di costruzione del gasdotto libico nei pressi della foce del fiume Dirillo stato individuato un altro relitto di et greca. Di un quarto sono state trovate tracce a Bulala qualche anno fa.


31/07/2013



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news