LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Rapporto federculture. Presentato ieri l'annuario 2013.
Massimo Gucciardo
LA SICILIA Gioved 26 Settembre 2013

Segnale negativo anche nella fruizione: diminuisce la spesa per il cinema e per lo sport. Piccoli, ma costosi, musei con appena 131 paganti



Palermo. Crolla in Sicilia la fruizione culturale, attestandosi nel 2010 al 5,8% dei consumi delle famiglie contro una media nazionale del 7,3%. Lo rivela il "Rapporto annuale 2013" presentato a Palermo da Federculture. Quasi tutti gli indici sono in negativo, dalle visite ai monumenti (-5% nel 2012 rispetto al 2011), ai concerti (-12,8%), agli eventi sportivi (-16,5%). Di conseguenza calano le spese: se nel 2011 i siciliani avevano pagato 32 milioni di euro per assistere ad eventi sportivi, nel 2012 si scesi a 21; per il teatro si passa da 20 a 18 milioni; per il cinema da 38 a 30. In controtendenza le presenze a teatro, +4,8% sul 2011, al cinema (+2%), e la spesa per balli e concertini (+70%, 96 milioni contro 56).
In grossa difficolt i 111 siti culturali siciliani, che sebbene ospitino oltre un quarto del patrimonio nazionale, attraggono solo il 9,2% dei visitatori (3,7 milioni) e incassano appena 13,5 milioni di euro. L'Isola la quarta regione in entrambe le classifiche, ma - ad esempio - la sola Pompei incassa pi di tutti i siti siciliani (17 milioni l'anno) e registra circa 2,5 milioni di accessi. Al contrario nella nostra Regione si raggiungono in alcuni casi punte imbarazzanti: Nel 2012 - analizza Roberto Grossi, presidente Federculture - il museo di Santa Venera al Pozzo (Catania) ha incassato 173 euro, con una media di 2 visitatori al giorno. Quello di Lentini ha attratto in un anno 131 persone, che hanno pagato in tutto 386 euro. In Sicilia la cultura impiega 60mila persone e crea valore aggiunto per 2,4 miliardi, bruscolini se paragonati alla Lombardia, che impiega 290mila lavoratori e produce ricavi per quasi 19 miliardi.
Sebbene i turisti siano aumentati nel 2012 (grazie al +7,4% degli stranieri), solo uno su quattro si reca in citt d'arte o in siti monumentali, con un calo per musei e aree archeologiche sia di visitatori (-3,2% l'anno scorso) che di incassi (-6,3%). Una discrepanza che si spiega osservando il contemporaneo crollo degli ingressi a pagamento (-9,2% rispetto a 12 mesi prima) e l'aumento di quelli gratuiti (+4%).
Tra le province, le migliori performances le ottengono Enna (+30,4% di incassi, +15% di visite) e Catania (+4,3% di introiti). Tanti i segni negativi, dal -21,6% di paganti a Caltanissetta, al crollo di Palermo (-14,1% di incassi, -16,4% di ingressi), passando per i cali di Siracusa (-11,5% di paganti), Trapani (-8,2% di incassi) e Messina (-11% di ricavi).
Dopo oltre 10 anni di crescita del consumo nazionale di cultura, nel 2012 - osserva Grossi - c' stato un crollo della spesa per la drastica diminuzione dell'offerta. Per invertire la rotta bisogna tornare ad investire nel settore, puntando sulla gestione, altrimenti il monumento diventa solo un costo, come testimoniano i vari casi di musei piccolissimi con pochi visitatori e decine di funzionari, ad esempio Aidone. Ci vuole una strategia a lungo termine che coinvolga i privati, dato che il pubblico da solo non ce la fa. La Sicilia ha espresso talenti in tutte le arti, per voltare pagina bisogna tornare a creare contenuti: altrimenti si finisce col vizio del monumentalismo, un finto blasone di civilt che va a perdersi.


26/09/2013



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news