LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Gli ambientalisti plaudono al Tar Niente villette, niente cemento
Luca Signorelli
LA SICILIA Domenica 06 Ottobre 2013 Siracusa


Dopo lo stop alla realizzazione di 71 abitazioni anche il sindaco Garozzo soddisfatto dell'esito della sentenza. Intanto la societ Am Group annuncia il ricorso al Consiglio di giustizia amministrativa



Con lo stop al cemento di Epipoli, decretato dai giudici amministrativi, esulta il mondo ambientalista. Ma anche il nuovo governo della citt.
Il Tar di Catania, infatti, ha rigettato il ricorso presentato da Am Group contro la Soprintendenza per l'annullamento del provvedimento con cui negava il nullaosta alla realizzazione di 71 villette e di altre strutture ricettive su un terreno di propriet della societ, ma a ridosso del futuro parco delle Mura Dionigiane.
Il tribunale etneo ha quindi dato ragione al comitato regionale siciliano di Legambiente (intervenuto a supporto delle tesi della Regione e rappresentato in giudizio dagli avvocati Marilena Del Vecchio, Corrado Giuliano e Paolo Tuttoilmondo), sancendo l'infondatezza del ricorso anche riguardo l'adozione del Piano paesaggistico della provincia di Siracusa, che prevede per l'area in questione il massimo livello di tutela e un divieto assoluto di edificazione.
Dopo la sentenza del Tar - afferma Tuttoilmondo, presidente del circolo provinciale Chico Mendes di Legambiente - ormai chiaro, e se ne faccia una ragione chi intende continuare a speculare sull'area, che accanto alle mura Dionigiane con il vigente vincolo archeologico indiretto e ancor pi con le prescrizioni del piano Paesaggistico, sono consentiti solo interventi connessi all'ordinaria conduzione del fondo e alle normali opere di trasformazione agricola eventualmente necessarie. Niente villette e niente cemento.
Il tribunale amministrativo ha addirittura bacchettato la Soprintendenza poich all'epoca dell'approvazione del Prg sarebbe stata auspicabile una pi attenta valutazione sull'effettiva compatibilit dello strumento urbanistico con le previsioni del vincolo indiretto. Anche se - ha pure ammesso il Tar - le modalit di intervento non potevano essere note all'approvazione del Piano, essendo state stabilite con la stipula di convenzioni. Legambiente - aggiunge Tuttoilmondo - lo ha sempre sostenuto e se ci avessero dato retta si sarebbero evitati tanti scempi. Invece, nel marzo 2011 il Comune stipul con i proprietari dell'area una convenzione che contemplava il diritto della societ di realizzare l'importante intervento urbanistico. E in effetti tra la societ e la precedente amministrazione comunale sono stati stipulati due contratti grazie ai quali la prima ha ceduto una superficie di poco inferiore a 1,2 milione di metri quadri da destinare alla realizzazione del parco delle Mura, servizi pubblici, viabilit e parcheggi mentre il Comune ha autorizzato l'azienda alla realizzazione delle opere sulle aree edificabili. Con questa sentenza, in ogni caso, si rafforza il peso delle reiterate richieste ambientaliste sulla conclusione dell'iter di approvazione del piano paesaggistico, l'istituzione del parco archeologico delle Mura Dionigiane ma anche sull'avvio, finora solo verbale, della revisione del piano regolatore.
Nessun commento ufficiale dall'impresa, che preannuncia (com'era prevedibile) il ricorso al Cga, mentre dalle parole del sindaco Giancarlo Garozzo non sembra che il Comune stavolta voglia costituirsi in giudizio a sostegno del ricorso.
Sono soddisfatto dell'esito della sentenza - commenta - e spero che dopo l'eventuale appello si confermi il pronunciamento del Tar. Gi in sede di Consiglio comunale la nostra cultura politica ci vedeva osteggiare l'insediamento delle villette a ridosso delle mura Dionigiane. E la battaglia che ne segu, con relativi colpi di scena, lo conferma.
A luglio del 2011 dall'assise, infatti, si provati a diffidare il sindaco a non rinnovare il contratto da dirigente all'allora dirigente all'Urbanistica Mauro Calafiore (oltre a censurare il primo cittadino e l'assessore all'Urbanistica) perch responsabile di aver disatteso la delibera di Consiglio, sentitosi ridicolizzato con la firma della convenzione. Il difensore civico chiese spiegazioni, per quattro volte nell'arco di pochi mesi, su eventuali convenzioni stipulate dal Comune, ma senza ottenere alcuna risposta. La mozione di Consiglio venne infine respinta e l'ingegnere Calafiore ottenne in pratica l'avallo del Consiglio comunale alla sua riconferma. Decisione oggi pagata a caro prezzo, considerato che l'ingegnere stato retrocesso e assegnato al servizio Staff Attivit produttive con l'incarico di funzionario responsabile di posizione organizzativa fino alla fine dell'anno.
Siamo sollevati dalla scelta del Tar - conclude Carlo Gradenigo a nome di Sos Siracusa - e convinti che tutelare l'area dalla speculazione cementizia sia solo un primo passo fondamentale per poterla rivalutare. Gioielli come il castello Eurialo e le mura Dionigiane sono conosciuti in tutto il mondo ma spesso tagliati fuori dalle tratte dei normali tour operator e guide turistiche. In quest'ottica bisogna ripensare al parco archeologico come un unicum che comprenda tali siti (e non solo il Teatro Greco): sarebbe un ottimo strumento per raggiungere l'obiettivo e ottenere i fondi per realizzarlo.



06/10/2013



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news