LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

EMERGENZA MALTEMPO Appello al ministro Bray: salviamo Metaponto




I luoghi sono importanti, sono la nostra grande casa, sono i ricordi della nostra vita, le foto che trasmettiamo ai nostri figli. L'acqua venuta gi si mischiata agli ingorghi sedimentati della nostra strafottenza rispetto a quello che di pi prezioso abbiamo, il nostro ambiente, i nostri fiumi. Dobbiamo mettere un argine altrimenti non saremmo diversi da quei mafiosi delle navi dei veleni che intercettati furono sorpresi a ridere: e il mare? E chi se ne fotte del mare.

di LUCIA SERINO



APPELLO AL MINISTRO BRAY
SALVIAMO METAPONTO
di LUCIA SERINO
E' la seconda volta in due anni che pubblichiamo le foto dell'area archeologica di Metaponto immersa nell'acqua. La nostra storia, la nostra memoria, la nostra eredit, quello che ci fa essere diversi da un tedesco, da uno svizzero, da uno svedese, affonda nella melma della nostra incuria. E' davvero impressionante il silenzio di questi giorni dopo l'alluvione che ha portato morte, danni alle aziende, dispersione, dolore. E suona come una beffa quell'annuncio di tre milioni pronti da parte dell'assessore Benedetto. Ricordo benissimo per quanti mesi gli agricoltori, gli imprenditori, i sindaci del Metapontino hanno protestato per avere i risarcimenti della passata catastrofe. E quanti, l'altro giorno, al vertice col prefetto, hanno ricordato che aspettano ancora, che non ce la fanno, che soprattutto si sentono soli. Non una gara a chi ha pi bisogno. Ma la politica, nella regione che candida Matera a capitale europea, non pu non avere come co-priorit la salvezza della sua indentit culturale e storica. Questo alluvione beffardo la metafora di questi giorni che sta attraversando la Basilicata, travolta dall'insipienza di una politica che non riuscita a programmare nulla che servisse a mettere al riparo questa straordinaria ricchezza magnogreca da disastri sicuramente prevedibili. Mai tant'acqua venuta gi, ci dicono. E due anni fa? Ringrazio Salvatore Russillo per l'appello che qui pubblichiamo. Ricorda e io con lui la grande mobilitazione che il Quotidiano della Calabria riusc a fare per l'area archeologica di Sibari finita nella melma come Metaponto. Il grande cuore dei calabresi, l'orgoglio di molti intellettuali, lo scatto delle intelligenze pi vive seppe fare rete e pressione. L'allora ministro Barca si precipit a Sibari. Viaggiava da un posto all'altro, fece molto per Pompei, non disdegn l'ultima striscia del Paese garantendole e mantenendo impegno su progetti e tutela. Il minsitro Bray stato a Matera solo qualche settimana fa. A lui rivolgiamo lo stesso appello. Ma soprattutto lo rivolgiamo ai tanti lucani che ancora sanno sentire un briciolo di passione e dolore per ci che gli viene tolto. Quella alluvionata una zona da sempre esposta ai disastri. Ma i greci seppero fare bene e a lungo. Non che all'epoca non ci fossero guerre. Di sicuro l'alba di una battaglia era pi nobile di quella che azzanna i miseri figuranti della nostra politica. Quando abbiamo pubblicato nei dettagli tutta la programmazione delle opere prevista dal memorandum, una cosa mi colp: la mancanza di una sintesi, di un'idea prima, di un percorso di sistema. Abbiamo fame, di questi tempi. E il panico del futuro ci rende tutti pi egoisti e maldestri. Ma i luoghi sono importanti, sono la nostra grande casa, sono i ricordi della nostra vita, le foto che trasmettiamo ai nostri figli. L'acqua venuta gi si mischiata agli ingorghi sedimentati della nostra strafottenza rispetto a quello che di pi prezioso abbiamo, il nostro ambiente, i nostri fiumi. Dobbiamo mettere un argine altrimenti non saremmo diversi da quei mafiosi delle navi dei veleni che intercettati furono sorpresi a ridere: e il mare? E chi se ne fotte del mare.
la seconda volta in due anni che pubblichiamo le foto dell'area archeologica di Metaponto immersa nell'acqua.



La nostra storia, la nostra memoria, la nostra eredit, quello che ci fa essere diversi da un tedesco, da uno svizzero, da uno svedese, affonda nella melma della nostra incuria. davvero impressionante il silenzio di questi giorni dopo l'alluvione che ha portato morte, danni alle aziende, dispersione, dolore.

E suona come una beffa quell'annuncio di tre milioni pronti da parte dell'assessore Benedetto. Ricordo benissimo per quanti mesi gli agricoltori, gli imprenditori, i sindaci del Metapontino hanno protestato per avere i risarcimenti della passata catastrofe. E quanti, l'altro giorno, al vertice col prefetto, hanno ricordato che aspettano ancora, che non ce la fanno, che soprattutto si sentono soli.

Non una gara a chi ha pi bisogno. Ma la politica, nella regione che candida Matera a capitale europea, non pu non avere come co-priorit la salvezza della sua indentit culturale e storica. Questo alluvione beffardo la metafora di questi giorni che sta attraversando la Basilicata, travolta dall'insipienza di una politica che non riuscita a programmare nulla che servisse a mettere al riparo questa straordinaria ricchezza magnogreca da disastri sicuramente prevedibili. Mai tant'acqua venuta gi, ci dicono. E due anni fa?

Ringrazio Salvatore Russillo per l'appello che qui pubblichiamo. Ricorda e io con lui la grande mobilitazione che il Quotidiano della Calabria riusc a fare per l'area archeologica di Sibari finita nella melma come Metaponto. Il grande cuore dei calabresi, l'orgoglio di molti intellettuali, lo scatto delle intelligenze pi vive seppe fare rete e pressione. L'allora ministro Barca si precipit a Sibari. Viaggiava da un posto all'altro, fece molto per Pompei, non disdegn l'ultima striscia del Paese garantendole e mantenendo impegno su progetti e tutela.

Il ministro Bray stato a Matera solo qualche settimana fa. A lui rivolgiamo lo stesso appello. Ma soprattutto lo rivolgiamo ai tanti lucani che ancora sanno sentire un briciolo di passione e dolore per ci che gli viene tolto.

Quella alluvionata una zona da sempre esposta ai disastri. Ma i greci seppero fare bene e a lungo. Non che all'epoca non ci fossero guerre. Di sicuro l'alba di una battaglia era pi nobile di quella che azzanna i miseri figuranti della nostra politica. Quando abbiamo pubblicato nei dettagli tutta la programmazione delle opere prevista dal memorandum, una cosa mi colp: la mancanza di una sintesi, di un'idea prima, di un percorso di sistema. Abbiamo fame, di questi tempi. E il panico del futuro ci rende tutti pi egoisti e maldestri.

Ma i luoghi sono importanti, sono la nostra grande casa, sono i ricordi della nostra vita, le foto che trasmettiamo ai nostri figli. L'acqua venuta gi si mischiata agli ingorghi sedimentati della nostra strafottenza rispetto a quello che di pi prezioso abbiamo, il nostro ambiente, i nostri fiumi. Dobbiamo mettere un argine altrimenti non saremmo diversi da quei mafiosi delle navi dei veleni che intercettati furono sorpresi a ridere: e il mare? E chi se ne fotte del mare.

gioved 10 ottobre 2013 18:26

http://www.ilquotidianoweb.it/news/cronache/717790/Appello-al-ministro-Bray--.html#.UlepM-Gpmns.facebook


news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news