LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE - Gare truccate nelle regge, 5 arresti
MEO PONTE
La Repubblica 08/10/2013, pagina 2 sezione TORINO




ALL' ALBA arrivano i carabinieri. Primaa casa di Francesco Pernice, 62 anni, ex sovrintendente ai beni architettonici del Piemonte e ora direttore del settore Conservazione Beni Architettonici del consorzio di valorizzazione della Reggia di Venaria. Poi a casa di Ezio Enrietti, 77 anni, presidente socialista della Regione Piemonte tra il 1980 e il 1983. Alla stessa ora altre pattuglie del Nucleo di polizia giudiziaria dell' Arma bussano alle porte di Giuliano Ricchiardi, funzionario regionale, di Francesco Paolo Della Rossa, titolare della Cooperativa Edil Atellana, e di Claudio Santese, amministratore dell' impresa Les. I militari hanno un ordine di cattura per tutti e cinque che spazia dalla turbativa d' asta alla truffa, dal falso alla frode passando naturalmente per la corruzione. Finiscono in carcere in quattro, la cella viene risparmiata, per ragioni d' et, soltanto ad Enrietti che resta prigioniero in casa. Non sono ancora le 9 del mattino e i militari si presentano a Palazzo Chiablese, sede della Soprintendenza, dove perquisiscono l' ufficio di Pernice e, in quello dell' attuale direttore Mario Turetta, sequestranoi faldoni relativi alla Reggia di Venaria e al Castello di Racconigi. Pi tardi arriver dai palazzi ministeriali di Roma la decisione di inviare un' ispezione alla Venaria. E dalle carte dell' inchiesta trapela che ci sono altri dodici indagati: tra loro la moglie di Enrietti, la funzionaria regionale Maria Grazia Ferreri, il presidente del consorzio che costruisce il nuovo grattacielo della Regione, Paolo Rosa, e il sindaco di Beinasco, Maurizio Piazza. L' atto d' accusa messo insieme dai pm Stefano De Montis, Francesco Pelosi e Giancarlo Avenati Bassi racconta una nuova storia di favorie prebende. purtroppo (come nel caso Soria, come in quello della Gec) il solito intreccio di amicizie e parentele. In questo caso un funzionario di altissimo rango come Pernice, in cambio di lavori di ristrutturazione nella sua abitazione, ha fornito indicazioni e consigli agli imprenditori coinvolti per formulare offerte (al ribasso ma vincenti) in diverse gare d' appalto bandite dal consorzio di valorizzazione La Venaria Reale o dalla Regione Piemonte. Negli uffici della Procura della Repubblica fanno l' elenco delle gare "turbate": Da quella per il restauro della Chiesa di Sant' Uberto (150.680 euro), al quella per la sistemazione del terrazzo del Garove (499 mila euro), da quella per i parcheggi e la viabilit nel complesso della Reggia di Venaria (5 milioni 788 mila) a quella per il restauro dei Giardini di Palazzo Reale a Torino (un milione 753 mila euro) sino a quella per la progettazione esecutiva ed esecuzione delle opere di completamente della Certosa di Valcasotto (1 milione 990 mila). Per poi aggiungere: Oltre alla turbativa d' asta sono stati contestati anchei reati di truffa aggravatae falso in atto pubblico, in relazione ad un subappalto per i lavori di scavo e movimento terra nel cantiere della nuova sede dell' ente regionale, oltre al reato di frode per l' esecuzione di lavori relativi alla variante di Borgaretto e infine alla corruzione. L' inchiesta dei carabinieri della Procura nasce nei primi mesi del 2011. Partendo dalla scoperta che Marco, il figlio di Francesco Pernice, lavora per l' impresa di Maurizio Ottaviano (indagatoa piede libero), gli investigatori ricostruiscono la trama dell' inghippo. Che poi semplice. Pernice guida le offerte non solo di questa impresa ma anche delle altre nelle gare d' appalto avendone in cambio quelle che il gip chiama utilit economiche: tinteggiatura e lavori di carpenteria nella sua casa torinese. Scoprono anche che Ezio Enrietti il socio occulto della Les di Claudio Santese: il giudice lo definisce scaltro e con una indubbia caratura delinquenziale. E che pu contare su "gancio" formidabile in Regione: la seconda moglie, Maria Grazia Ferreri, il "numero uno" del settore Patrimonio. Tra i vari raggiri Enrietti e Santese, stando alle imputazioni, ne fanno uno da commedia all' italiana: eseguendo i lavori per la variante di Borgaretto sistemano l' asfalto in strati pi sottili di quelli richiesti dal capitolato d' appalto, ma poi guidano i controlli dove lo spessore del manto pi alto della media. Nelle 500 pagine dell' ordinanza del giudice Bianco il malaffare descritto nel dettaglio e confermato da un mare di intercettazioni. Gli imprenditori, grazie alle amicizie e ai rapporti coni funzionari pubblici coinvolti, sanno tutto prima degli altri, posso affrontare le gare d' appalto con offerte al ribasso riservandosi per di ricorrere pi tardi alle compensazioni in corso d' opera. Il tutto "en plein air", parlando tranquillamente al telefono, convinti di essere al di sopra di qualsiasi punizione. La sensazione per che gli arresti di ieri siano il punto di partenza di un' inchiesta destinata ad arrivare in alto ma che gi oggi si accentra sul cantiere della nuova sede della Regione.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news