LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Villa dei Papiri di Ercolano? A Madrid
16 ottobre 2013 (modifica il 17 ottobre 2013)


Alla Casa del Lector una mostra realizzata col contributo del Museo archeologico virtuale della citt vesuviana

NAPOLI- Il piacere dell'archeologia gustato attraverso la tecnologia pi moderna. La celebre Villa dei Papiri di Ercolano, cos ribattezzata perch nel XVIII secolo fu ritrovata una biblioteca con circa 1800 papiri, potr essere esplorata, virtualmente, alla Casa del Lector di Madrid. Per la Casa del Lector, rileggere il passato imprescindibile per capire e assimilare il lungo viaggio della lettura fino ai nostri giorni. Con l'esposizione La Villa dei Papiri, concepita assieme al Museo Archeologico Virtuale di Ercolano (Mav), la Biblioteca nazionale e il Museo archeologico nazionale di Napoli, vogliamo mantenere lo spirito del sapere e della conoscenza del passato comune, senza il quale il mondo oggi non sarebbe lo stesso. Cos il direttore ed ex ministro della cultura, Cesar Antonio Molina, ha presentato oggi in conferenza stampa l'evento espositivo della stagione, che dal 17 ottobre al 23 aprile prossimo sar ospitato alla Casa del Lector, prestigiosa sede della Fondazione spagnola German Sanchez Ruipierez, nella cittadella culturale dell'ex matadero (mattatoio) di Madrid.

Al Mav il tour virtuale nella Villa dei Papiri

Dedicata alla Villa dei Papiri, dove nella met del XVIII secolo fu portata alla luce l'unica biblioteca classica dell'antichit che si conserva, la mostra propone un'approssimazione al tema della scrittura e della lettura, pubblica e privata, nell'epoca romana, attraverso la ricostruzione virtuale della dimora ercolanese realizzata dal Mav e oltre 100 reperti archeologici. Un'iniziativa senza precedenti per la sua tematicit, che unisce al grande rigore scientifico la spettacolarit e la finalit didattica, come ha sottolineato Nicola Oddati, curatore dell'esposizione assieme allo spagnolo Carlos Garcia Gual. A spiegare l'articolazione del percorso espositivo - realizzato con il contributo del Museo Archelogico Nacional di Madrid, la Real Academia de Bellas Artes de San Fernando, il Patrimonio Nacional e il Museo di Scienze Naturali Csic - stato il direttore di programmi della Casa del Lector, Jos Vicente Quirante, gi direttore dell'Istituto Cervantes di Napoli e di Palermo. La prima parte, Lectura, Herculano, 79 fissa il modo di leggere e scrivere nell'antica Roma, attraverso gli strumenti artigianali originali usati - stilus, tavolette cerate, calamai - e soprattutto, i papiri custoditi dalla Biblioteca nazionale di Napoli, i rotoli impilati a triangolo sopravvissuti sotto montagne di cenere. Straordinarie testimonianze del passato, che rivivono nella spettacolare ricostruzione virtuale e degli ambienti fatta dal Mav, con installazioni multimediali ed interattive ad hoc.

La grandezza e la bellezza della mostra parlano da sole, ha osservato il direttore del Mav, Ciro Cacciola, nel qualificarla con due aggettivi: Innovativa e coraggiosa. il primo esempio in Europa che fonde e integra perfettamente archeologia e tecnologia, ha osservato. E ricostruisce virtualmente la villa, che nella realt visibile solo in parte. La tecnologia affiancata ai reperti archeologici e alle pitture pompeiane prestate dal Museo archeologico nazionale di Napoli, ispirate alla tematica della scrittura e della lettura, come ha ricordato la direttrice, Valeria Sampaolo. La seconda parte dell'esposizione, intitolata Relecturas, Herculano, 1750, una rilettura del passato, dedicata agli scavi archeologici voluti da Carlo III e ai libri del VIII secolo, con due esposizioni bibliografiche che comunicarono quelle scoperte all'intera Europa. qui esposto l'unico papiro che si conserva integro, il celebre Papiro Lungo, lungo 3,40 metri, che ha lasciato per la prima volta la Sala Giacinto Gigante della Biblioteca Nazionale di Napoli, seguendo meticolose norme di sicurezza, come ha ricordato il direttore della biblioteca, Mauro Giancaspro. Come la macchina per srotolare i papiri, ideata dall'abate Antonio Piaggio, anche questa al suo primo viaggio all'estero.

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/arte_e_cultura/2013/16-ottobre-2013/giro-villa-papiri-ercolano-2223489837994.shtml


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news