LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Gladius hispaniensis quello di Centuripe un esemplare raro
Rosario Patan
LA SICILIA Venerd 25 Ottobre 2013


SCAVI ARCHEOLOGICI
La spada, nonostante la materia prima, il ferro, riuscita a sopravvivere alla ruggine che distrugge il metallo
Il gladius hispaniensis una spada con una lama a due tagli, lunga una sessantina di centimetri, in uso nell'esercito romano dalla seconda guerra punica al primo impero. Un esemplare stato trovato a Centuripe, nello strato di distruzione di una casa, databile dopo la met del I secolo a. C.; l'unico altro esemplare da un contesto di scavo databile proviene da Delos. L'importanza dell'oggetto si deve quindi sia alla rarit (il ferro particolarmente deperibile), sia al contesto di scavo ben databile.
Nel caso Centuripe la distruzione improvvisa non sembra essere dovuta ad eventi bellici, ma piuttosto ad una situazione di disordini connessa alla riorganizzazione di Augusto nel 22 a. C. La spada era conservata in un angolo di un ambiente, assieme ad attrezzi agricoli di ferro. Nel portico antistante erano un palco di corna e un elemento di rivestimento per l'impugnatura di una di quelle lame; finito ma mai usato (nessun segno di ruggine sui forellini per i chiodi). Quindi: materia prima e un prodotto semilavorato. Al momento della distruzione della costruzione, si stava lavorando alla spada e agli attrezzi agricoli per rifinirli o ripararli. Altri oggetti in corno o in osso, una coppia di cerniere, una paletta per cosmetici, possono far pensare alla stessa attivit; ma possono anche fare parte del corredo della casa.
Lo scavo archeologico ovviamente non si limita al recupero di cose; nel corso di uno scavo scientificamente condotto, si raccolgono una serie di elementi, si registrano una serie di osservazioni; l'interpretazione di tutto ci porta alla ricostruzione della "scena del crimine". Lo scavo archeologico indagine distruttiva: determinate osservazioni si possono fare solo nel corso di uno scavo condotto secondo le regole; e vanno registrate in diretta. Le deduzioni, il ragionamento, si faranno dopo, su quegli elementi.
Poi vengono i problemi della presentazione. La scena del crimine pu essere discussa in una pubblicazione accademica (tale da fornire agli addetti ai lavori tutti gli elementi e la possibilit di valutare la correttezza delle deduzioni) e/o presentata in una pubblicazione dal taglio pi divulgativo (pi scorrevole e tale da comunicare con i non addetti). Pu essere presentata in un filmato (che presenta pi o meno gli stessi problemi della pubblicazione a stampa). Altra cosa la musealizzazione degli oggetti e l'archiviazione dei dati. E' chiaro che bisogna garantire l'integrit e la non dispersione degli oggetti e dei dati. Ma se ci si limita a disporre gli oggetti in teche a vetri, ben illuminate, si finisce per non comunicare. La presentazione asettica va bene per l'addetto ai lavori che avesse bisogno di visionare direttamente l'oggetto, conoscendo gi la pubblicazione relativa; non riesce certo a comunicare con l'appassionato che vuole saperne di pi, con la scolaresca, con il cittadino che va a vedere le "memorie patrie" (in sostanza: con l'utente del museo).
Una spada e una roncola pi o meno corrose dalla ruggine non sono particolarmente affascinanti; non lo sarebbero neanche da nuove, ma il restauro blocca (o comunque rallenta) la corrosione, non ripristina quello che non c'. Ricorrere a illuminazioni sapienti ed effetti speciali, per creare spettacolarizzazione, rischia di avere un effetto deludente. Una qualsiasi spada di I secolo a. C. non la punta della lancia che trafisse il costato di Ges Cristo. Chiunque si rende conto che un manufatto di ferro vecchio di oltre venti secoli per ci stesso un oggetto raro. Per il resto c' bisogno di un'esposizione che evochi tutto un blocco di dati. Evocazione, appunto, non organica informazione: chi vuole informarsi sta a casa e legge un libro, al museo si va per vedere.
Una ricostruzione grafica stata realizzata essenzialmente per la divulgazione, per esporre sinteticamente tutti i dati (con questa finalit infatti utilizzata nell'esposizione al Museo archeologico di Centuripe, nel presentare gli oggetti relativi). Il crollo di grandi tegole curve documenta con certezza il tipo di copertura. Nell'ambiente antistante c' una colonna di mattoni, ma non stato identificato un crollo di tegole: possibile quindi ipotizzare una tettoia di frasche. Sulla parete del portico si apre l'imboccatura di una cisterna. Le due figure umane sono state inserite non solo per le proporzioni, ma anche per compiere delle azioni, quelle documentate dai rinvenimenti. Ovviamente, la finestra congetturale (il muro in quel punto non abbastanza conservato). All'angolo stata posta una mensola, con sopra gli oggetti di ferro e una coppa (i frammenti sono stati trovati in maniera tale da far pensare che stava in alto). Un elemento della ricostruzione chiaramente inventato, per contribuire a rendere l'ambiente, la cassa sulla quale stato disposto il vasellame; ci si attenuti a un criterio di verosimiglianza, ispirandosi a diverse raffigurazioni compatibili per epoca ed ambiente.
In cortile doveva essere collocata una macina per le granaglie per il consumo domestico, ne rimane un grosso frammento: si tratta di una macina rotativa manuale, di un tipo attestato in diverse parti del mondo greco almeno dal III secolo a. C.; in Sicilia almeno un esemplare di mola rotativa manuale noto da Morgantina, negli strati pi tardi di occupazione della citt. I singoli oggetti non dovrebbero porre particolari problemi di riconoscibilit; l'unica eccezione costituita dai due elementi di cerniere, due cilindretti forati di interpretazione non certo immediata: si preferito non affidarsi a un dettaglio della scena ricostruttiva, ma mettere accanto all'oggetto un disegnino schematico che ne fa capire la funzione.


25/10/2013



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news