LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nessuno tocca i reperti di Roma
di Mariarosaria Barbera *
30/10/2013 IL TEMPO

Gentile Direttore

non possiamo che rallegrarci di come sia letteralmente decollata l'attenzione per l'archeologia de Il Tempo , da quando Lei ha assunto la direzione del foglio di Palazzo Wedekind. Se non che, l'articolo del 25 ottobre, intitolato "Anfore, statue, colonne e capitelli. Centro storico abbandonato", a firma di Davide Di Santo e Natalia Poggi, riporta riflessioni errate e contraddittorie che richiedono una precisazione da parte della Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma. In particolare:

1) come evidenziato da una delle fotografie pubblicate, le anfore conservate vicino alla Domus Tiberiana, in collocazione temporanea, sono protette da strati di tessuto traspirante. Pu capitare che il vento ne sposti il bordo ma si tenga presente che le anfore non sono "vasellame in balia delle intemperie", come scritto da Il Tempo : chiunque conosca il Monte dei Cocci sa, infatti, che si tratta di anfore accumulate e "in balia delle intemperie", da venti secoli circa, ma si conservano inalterate;

2) a poche righe dalla drammatica sottolineatura appena descritta, Il Tempo se la prende con i capitelli "incappucciati", vicino al tempio della Magna Mater. I quali capitelli sono l collocati in attesa di essere rimontati al termine del restauro in corso. L'incappucciamento serve proprio per non lasciarli "in balia delle intemperie".

3) n nelle vicinanze della Magna Mater n altrove la Soprintendenza abbandona reperti che possano essere "infilati nello zainetto". Sappiano i lettori che per spostare capitelli e segmenti di colonna occorrono verricelli meccanici. Dunque non proprio il prototipo di souvenir che un turista possa trafugare;

4) altra accusa occhiuta: nell'area della Domus Flavia la fontana del peristilio sarebbe invasa da erbacce e (sic!) "dai fiori di plumbago". Che orrore, un'aiuola invasa da fiori! Purtroppo di quella fontana rimasto ben poco e il perimetro popolato con essenze dai fiori azzurri vuole ricordare la presenza dell'acqua: se la plumbago invade la fontana, grazie alla determinante collaborazione idro-termica dell'ottobre 2013, l'effetto progettato garantito. Vero che anche qualche essenza spontanea germogliata, ma questo capita nelle zone all'aperto;

5) le spettacolari pavimentazioni musive della Domus Flavia sarebbero coperte di muschio. Il primo errore che si tratti di mosaici, essendo invece marmi montati in perfetta adiacenza, quel che gli archeologi chiamano opus sectile. Se ne conserva ancora oggi una piccola parte, perfettamente visibile, giacch ancora non esiste un'essenza, muschio compreso, in grado di radicare sul marmo. Perci quel che i vostri giornalisti hanno visto avrebbe potuto essere descritto come un pavimento che conserva limitate parti di opus sectile, ancora visibili nella loro colorata composizione, mentre - nelle parti mancanti - la pozzolana stata coperta da una suggestiva fioritura di un bel verde muschio; certo preferibile al beige polvere.

6) l'articolo chiude con una sventagliata di accuse, stavolta per i "tesori nascosti, quelli coperti per periodi spesso lunghissimi dalla sabbia". Ragionamenti cos superficiali, almeno su un foglio tanto prestigioso, si potrebbero evitare se - prima di scrivere - il giornalista interpellasse i tecnici che per missione e passione proteggono le strutture antiche, anche con la sabbia se occorre, pur di renderle un giorno fruibili a tutti.

In conclusione, si vuole ribadire che la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma ben felice di illustrare il proprio operato ai cronisti e non ha mai fatto mistero delle difficolt operative che condizionano tempi e risultati delle operazioni di tutela.

Quel che amareggia, in questo articolo, la volont di trasmettere ai lettori un senso di sciatteria, senza alcuna verifica delle ragioni di chi opera, per una pi equilibrata considerazione dei meriti e dei limiti.

* Soprintendente



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news