LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali. Ministero da snellire. E rifondare
Vittorio Emiliani
L'Unit 2/11/2013

Lassetto del dicastero ha dimensioni assurde
Al vertice ben 9 ruoli da direttore generale e altri 17 regionali
Eppure la tutela del patrimonio indebolita

Stanno per concludersi i lavori delle commissioni di riforma insediate dal ministro Massimo Bray titolare ora dei Beni culturali, dello Spettacolo e del Turismo. Una, snella, presieduta da Salvatore Settis per migliorare lattuazione del Codice per i beni culturali e paesaggistici (di cui lo stesso Settis fu coautore, in sostanza, con Francesco Rutelli). Unaltra, che ha terminato ieri i propri lavori, molto pi corposa, presieduta dal giurista Mario DAlberti, incaricata di rivedere tutta la struttura di un Ministero nato quasi 40 anni fa unendo beni culturali e ambientali e che ha subito incisive modifiche, tuttaltro che positive. Esso stato assai presto mutilato della omogenea parte ambientale per la pressione di potenti lobby. Cos i Parchi, a cominciare da quelli nazionali, rientrano nella competenza del Ministero dellAmbiente (che a volte ha nominato, al ribasso, ex sindaci, ex assessori, magari ex dirigenti locali di associazioni venatorie, con Altero Matteoli persino agenti immobiliari), mentre la fondamentale tutela del paesaggio rimasta al MiBAC e alle Soprintendenze. Che per hanno quadri tecnico-scientifici sempre pi ridotti: appena 487 architetti ognuno dei quali dovrebbe esaminare, e risolvere, per giorno lavorativo dalle 5 alle 10 pratiche, a Milano (secondo la denuncia dellallora direttore generale Roberto Cecchi) addirittura 79 pratiche al giorno. Per un territorio coperto da vincoli al 47 per cento e con quasi 59.000 immobili vincolati, pi interi centri storici (Urbino ad esempio).
E sotto accusa, da anni ormai, la struttura abnorme del Ministero che perso lAmbiente e inglobato lo Spettacolo (ora tocca al Turismo) presenta un testone assurdo con 9 ruoli da direttore generale, pi un segretario generale, e altri 17 direttori generali regionali, tutti a stipendi doppi rispetto ai soprintendenti territoriali e di settore: 167.000 euro lordi contro nemmeno 79.000. E gli archeologi e gli storici dellarte che dirigono musei formidabili? Funzionari di terza fascia con buste-paga mensili da 1.700-1.800 euro, circa 35.000 euro lordi lanno.
Anni fa i direttori generali centrali erano 4, le Soprintendenze regionali (gi discusse) si limitavano a fungere da organismi di coordinamento, non esistevano ancora i Poli museali imposti dal centro a citt (succede spesso nel Centro-Nord) dove c un solo importante museo nazionale e una corona di musei civici di peso che vanno per conto loro. Questa struttura ha potenziato la tutela attiva del patrimonio? Direi di no. Al punto che il ministro Bray orientato a ridurre le direzioni generali centrali (da 9 a 5, ma va creata quella per il Turismo) e pure quelle regionali (da 20 a 12, pare) riportando queste ultime a compiti, sovra regionali in alcuni casi, di coordinamento. Alleate alla struttura forte delle direzioni generali centrali, alcune di quelle regionali hanno drenato uomini e mezzi alle Soprintendenze. In una regione del Nord, in clima di revisione della spesa, la direzione generale ha fruito di ben 8 milioni di euro per la propria sede, mentre ai quattro musei nazionali della regione sono toccati gli spiccioli, 60.000 euro in tutto. Cos come i Poli museali ,spesso astratti, hanno tolto risorse a musei importantissimi (a Roma, per esempio) per organizzare mostre su mostre. Il mostrificio, del resto, sta provocando, nei fatti, la chiusura di musei locali.
Ovviamente ogni taglio proposto per posti di potere suscita e susciter reazioni energiche (specie in presenza di un governo non saldissimo sulle gambe). Tanto pi che qualche membro della commissione ha definito magmatico il documento uscito dalla commissione DAlberti. Dovrebbero esserci al centro due direzioni generali, una per la tutela e unaltra per gli istituti. Verrebbero riaccorpati archivi e biblioteche, con non pochi mugugni. Sparirebbe la direzione per la valorizzazione creata da Sergio Bondi per Mario Resca ex Mc Donalds e nessuno la rimpianger. Si riuniscono spettacolo dal vivo e cinema. Di questo ambito fondamentale in commissione non si praticamente parlato, a quanto si sa. A conferma del potere autonomo di cui gode. Come non si parlato quasi per nulla di arte contemporanea e qui forse bruciano ancora le vicende recenti e dolenti del Maxxi di ornaghiana memoria. La commissione avanzerebbe poi la proposta di creare una scuola sul modello della cole du patrimoine, col fine di formarvi i funzionari dei Beni culturali, ma anche di altri Ministeri, aprendola anche ai privati. Buona idea che rimonta alla visione originaria del MiBAC per il quale lultimo direttore generale di vero spicco, Mario Serio, parlava di Ministre de patrimoine. Un po dissoltosi nel quarantennio 1974-2013 e diventato unaltra cosa. Anche grazie al Titolo V della Costituzione che ha complicato la non facile gestione dellarticolo 9 della Costituzione (la Repubblica tutela il paesaggio, ecc. e non lo Stato come avevano proposto due personaggi diversissimi, lazionista, poi socialista, Tristano Codignola e il comunista Concetto Marchesi). Anche grazie alla pretesa di certe Regioni di dar vita ad una regionalizzazione della tutela, anche dopo i palesi disastri siciliani o gli stravolgimenti paesaggistici della Giunta Cappellacci rispetto alla Giunta Soru in Sardegna. E malgrado che il federalismo alla lumbrda sembri tramontato dietro il Resegone.

Retribuzioni annuali nei Beni Culturali
(in euro al lordo delle trattenute)

Dirigenti di prima fascia(direttori generali centrali e regionali)
166.688

Dirigenti di seconda fascia(soprintendenti territoriali)
78.900

Dirigenti di terza fascia (direttori di musei, ecc.)
35.000

Risorse assegnate ai Beni culturali
Bilancio previs. MiBAC---- % su bilancio Stato----% del PIL
2001---2.240.902.404 -----0,39-------------------0,18

2005---2.200.625.507 -----0,34-------------------0,15

2010---1.710.407.803 -----0,21-------------------0,11

2013---1.546.779.172 -----0,20-------------------0,10 (stima)

Variazione 2001/2013: - 31 per cento

Occupati nel settore tecnico-scientifico MiBAC
---------------Unit a fine 2011-----Rispetto al 2010
Archeologi----------343----------------- -6 %
Architetti----------487----------------- -7 %
Archivisti----------875----------------- -6 %
Bibliotecari--------997----------------- -8 %
Restauratori/
Conservatori--------252----------------- -5%
Storici dellarte---453----------------- -7 %
Capi tecnici--------460----------------- -2 %
Collaboratori
tecnico-scientifici-2.308--------------- -4 %





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news