LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MIBAC, L'ALLEGRO CAOS DI UNA RIFORMA INFINITA
FRANCESCO ERBANI
La Repubblica 31/10/2013, pagina 44 sezione Cultura

Per carit, non chiamatela riforma. Su questo sono d'accordo in molti al ministero per i Beni culturali e il turismo. Ma solo su questo. Per il resto regna un allegro caos intorno alle proposte elaborate da una commissione incaricata dal ministro Massimo Bray di formulare un diverso assetto del ministero. La commissione, formata in buona parte da consulenti esterni e presieduta da un professore di diritto amministrativo, Marco D'Alberti, chiude i battenti oggi con una riunione plenaria. I paletti entro cui si mossa sono le prescrizioni fissate dalla spending review che impone un taglio dei posti dirigenziali e che addirittura fissa le quote: 6 fra direttori generali e regionali, 32 fra soprintendenti, direttori di musei o di archivi o di biblioteche....

Il ministro Bray vorrebbe alleggerire il corpo centrale del ministero e rafforzare le strutture periferiche, quelle che svolgono la tutela sul territorio e che negli anni sono state immiserite (e dello stesso parere il presidente della commissione): personale carente, d'et avanzatissima (in media 55 anni), costretto a carichi burocratici che rendono quasi impraticabile la sorveglianza del patrimonio o la pianificazione paesaggistica. La sperequazione economica paradossale: un direttore generale o regionale guadagna 170mila euro l'anno, un soprintendente la met, un funzionario di zona o un direttore di museo (dagli Uffizi alla Galleria Borghese, al Museo Archeologico Nazionale di Napoli), 35mila. Bray attende i risultati della commissione e poi decider. Intorno a lui cresce per il nervosismo. Sono pessimi i suoi rapporti con il segretario generale, Antonia Pasqua Recchia.

Ma neanche con i direttori generali corre buon sangue. A fine settembre, per citare un episodio significativo, su impulso del capo di gabinetto del ministro, Marco Lipari, il segretariato generale emette una circolare (la numero 39) che impone ai dirigenti del ministero di farsi autorizzare i convegni che hanno qualche attinenza con questioni normative.

La circolare genera un maremoto. Molti parlano di censura preventiva in un ministero dove nessuno pu esporsi pubblicamente e chi esprime malumori lo fa solo con la garanzia dell'anonimato. Intervengono i sindacati.

Bray bersagliato da roventi tweet. Torna alla memoria un'altra circolare, firmata sempre dal segretario generale, che disponeva una rotazione ogni tre anni per tutti i direttori di museo e per i funzionari delle soprintendenze.

Quella circolare fu poi ritirata, si disse, per iniziativa del ministro. Che, secondo alcuni, non ne sapeva nulla e che sment Antonia Pasqua Recchia. Secondo altri, Bray era invece consapevole, ma vista la bufera, impose di tornare indietro. Passano quattro giorni dalla circolare numero 39 e, con la circolare numero 40, anche stavolta si fa parziale retromarcia.

La commissione, intanto, definisce gli ultimi dettagli. Alcuni chiedono di abolire il segretario generale, altri ne difendono il ruolo.

Verranno ridotte le direzioni generali da nove a cinque. Una di queste direzioni generali, per, si trasformerebbe in una specie di monstre: comprenderebbe tutto il patrimonio, dall'archeologia all'arte e all'architettura contemporanee, e anche il paesaggio. Viene eliminata la direzione per la valorizzazione, inventata dall'allora ministro Sandro Bondi per Mario Resca, amico personale di Silvio Berlusconi, che ha poi lasciato l'incarico ad Anna Maria Buzzi, senza che questa struttura abbia prodotto granch. Potrebbe essere istituita una direzione per i musei e gli istituti culturali. Per le direzioni regionali si ipotizzata la soppressione, ma forse si andr ad alcuni accorpamenti e a tutte si attribuiranno compiti di coordinamento e non pi la ridda di funzioni - ne hanno calcolate 33 - che ora ingolfano autorizzazioni e vincoli. Tornano a funzionare i comitati tecnico-scientifici, mentre si ventilata l'eliminazione dei Poli museali (Firenze, Venezia, Roma, Napoli).

Il fermento altissimo. Si propone di tagliare i direttori generali, ma nel frattempo nella legge "Valore cultura" se ne immagina uno tutto nuovo per Pompei, dotato di poteri simili a quelli di un commissario (lo ha definito cos il presidente del Consiglio Enrico Letta a Che tempo che fa ), una funzione che a Pompei ha lasciato scie di inchieste giudiziarie. Accanto al direttore-commissario e a un suo vice, si delinea un comitato di gestione al quale partecipano soggetti pubblici e privati, le cui decisioni, sostituiscono ogni altro adempimento, nulla osta, autorizzazione o atto di assenso. Il che vuol dire che si pu procedere in deroga alle norme vigenti soprattutto per le aree esterne al sito: mano libera, insomma, per iniziative su infrastrutture e interventi turistici. Circolano alcuni nomi per questa direzione generale. E fra questi, oltre a due attuali direttori regionali, anche quello di Antonia Pasqua Recchia se dovesse saltare la poltrona di segretario generale.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news