LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Rinascimento prende il nome di Antoniazzo Romano
Gabriele Simongini
01/11/2013 IL TEMPO

Il Rinascimento romano? Si pu identificare praticamente con un solo artista anche se noto esclusivamente agli addetti ai lavori: Antoniazzo Romano (Roma 1435/40 - 1508).
Il Rinascimento romano? Si pu identificare praticamente con un solo artista anche se noto esclusivamente agli addetti ai lavori: Antoniazzo Romano (Roma 1435/40 - 1508). Un pittore che ha riempito di capolavori la Citt Eterna e gran parte delle province laziali. Ma a cui solo ora, quasi incredibilmente, viene dedicata la sua prima mostra monografica, nelle sale monumentali del piano terra di Palazzo Barberini. un evento espositivo quasi epocale, interamente promosso e prodotto dalla Soprintendenza Speciale per il Polo museale della citt di Roma, ben guidata da Daniela Porro. Nellambito dei 200mila euro stanziati per la mostra racconta la Porro il nostro laboratorio ha anche restaurato molte delle opere esposte, riportandole allo splendore originario. Tutto il nostro personale interno ha collaborato alla realizzazione di questa pregevole iniziativa ed abbiamo dimostrato che si pu riscoprire e valorizzare un grande artista senza spendere cifre eccessive, con parsimonia, ma senza sacrificare niente della qualit scientifica dellevento. Curata da Anna Cavallaro e da Stefano Petrocchi, la rassegna presenta circa 50 opere, fra polittici, grandi pale, piccoli dipinti devozionali, tavole fondo oro e un bellissimo ciclo di affreschi staccati. E in mostra non c solo Antonius de Roma, come si firmava lartista, ma anche un sintetico panorama di pittori gotici che lo hanno preceduto nellUrbe e di maestri che lo hanno influenzato, fra cui Melozzo da Forl, Benozzo Gozzoli, Perugino. Il percorso si conclude con i suoi eredi, primo fra tutti il figlio Marcantonio Aquili, continuatore della bottega paterna. Formatosi sugli esempi di Piero della Francesca e Domenico Ghirlandaio, Antoniazzo Romano collabor con Melozzo, Perugino e Piermatteo dAmelia, il grande artista umbro riscoperto da Federico Zeri. Insomma, divenne un pittore di successo, con una bottega ampia e sempre al lavoro, situata nellodierna Piazza Rondanini. Mor ricco, in quel 1508 che vide larrivo a Roma di una star come Raffaello. I suoi committenti erano alti prelati della curia romana, comunit religiose ed esponenti dei ceti nobiliari. La sua formula vincente fu quella di recuperare i fondi oro e la profonda sacralit delle icone medievali, aggiornandole con le novit rinascimentali ma mantenendo una sorta di purezza originaria, apparentemente ingenua e primitiva, che lo portava ad esempio a non rispettare le proporzioni nella rappresentazione dei devoti, dipinti sempre molto pi piccoli delle figure principali. Con accorta sensibilit, Antoniazzo sapeva far digerire ai suoi committenti le rivoluzionarie novit rinascimentali condendole con arcaismi pi tradizionali e rassicuranti. I volti angelici e, al tempo stesso, realistici delle sue Madonne incastonate come gemme in abbaglianti superfici dorate seppero conquistare il primato nella pittura dellItalia centro-meridionale. Ed era pure un pittore molto colto spiega ancora la Porro come si vede, oltre che dai suoi riferimenti iconografici, anche dalla raffinata scrittura capitale epigrafica con cui firmava tutte le sue tavole. Fra le grandi pale daltare esposte ne spiccano due in particolare: lancona proveniente dalla chiesa di San Francesco a Montefalco con due dei tre santi dai colori soavemente paradisiaci, quasi alla Beato Angelico e la mirabile Annunciazione di Santa Maria sopra Minerva, realizzata per lanno giubilare 1500. In questultima opera colmo di dolcezza materna il gesto con cui la Madonna offre la dote alle fanciulle vestite di bianco. N vanno dimenticate la Madonna col Bambino del Museo Diocesano di Velletri, la Madonna col Bambino e Santi della stessa Galleria nazionale darte antica di Palazzo Barberini, il San Vincenzo Ferrer del Museo del Convento di Santa Sabina a Roma, lAnnunciazione del Pontificio Collegio Germanico Ungarico, sempre a Roma. La mostra viene infine completata da un itinerario alla scoperta delle opere di Antoniazzo nella capitale, dallAnnunciazione del Pantheon alle Storie della vera Croce nella Basilica di Santa Croce. Nella foto Nativit

Gabriele Simongini



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news