LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - L'ex sovrintendente. Il bilancio di tre anni
Pinella Leocata
LA SICILIA Luned 04 Novembre 2013


Fiera di avere bloccato lo scempio del raddoppio ferroviario e proposto un progetto di ampio respiro. Lascio il protocollo e l'archivio digitalizzato, bandi di gara per 12 milioni e iniziative per fare di Catania una citt verde





Da oggi l'arch. Vera Greco, per oltre tre anni sovrintendente di Catania, lascia il posto all'arch. Fulvia Caffo e va a dirigere il Museo della Ceramica di Caltagirone, nell'ambito della rotazione degli incarichi dirigenziali.
Nel fare il bilancio della sua esperienza catanese parte dalla fine, dall'ultimo atto importante che ha compiuto da sovrintendente solo pochi giorni fa, il 30 ottobre, quando, nell'ultimo giorno possibile, alle 20,40, il sistema elettrico della sede gi disattivato, lavorando con la pila elettrica, insieme al coprogettista arch. Nicola Neri, siamo riusciti a inviare al ministero competente il progetto definitivo per la rifunzionalizzate della Manifattura Tabacchi per un importo di 5 milioni, nell'ambito del programma Poin dal quale Catania, finora, era stata esclusa. Un progetto definitivo realizzato in appena tre mesi, in sostituzione di quello pi complesso presentato in precedenza, per un costo di 10 milioni, e per il quale non c'era capienza. La sovrintendente non si arresa e, sfidando i limiti di tempo, riuscita a garantire questa importante occasione per Catania.
Il progetto prevede che la Manifattura Tabacchi, cos come stabilito, sia museo archeologico, ma anche galleria d'arte. I fondi ottenuti andranno a recuperare e a rifunzionalizzare l'edificio storico vincolato, quello che si affaccia su via Garibaldi, rispettandone l'anima e, dunque, l'identit architettonica della fabbrica. Non previsto alcun intervento pesante, ma il recupero dell'esistente, a partire dai condotti dell'aria condizionata e dalla vecchie macchine. Saranno rifatti i tetti, gli infissi, realizzati ascensori, elevatori, servizi igienici, piccoli depositi, mentre un'ala con ingresso autonomo sar destinata a bar, bookshop, caffetteria e punto internet, attivit la cui gestione sar affidata a privati. Un'iniziativa importante per rivitalizzare il quartiere. Inoltre il cortile sar decementificato e destinato a spazio verde per installazioni naturali realizzate nell'ottica dell'architettura del paesaggio. L'intervento deve essere realizzato entro giugno 2015.
Ancora. La sovrintendente ha ultimato il progetto per la messa in sicurezza del Collegio dei Gesuiti e ottenuto il finanziamento di 3.600.000 euro pi Iva dai fondi della Protezione civile, legge 433/90, quella del terremoto di Santa Lucia. Con questi fondi verranno rifatte le coperture da cui entra acqua e rifunzionalizzati gli impianti, saranno tolte le parti pericolanti, che avevano spinto alla dichiarazione di inagibilit del complesso, e sar recuperata tutta la parte su via dei Crociferi, incluso il cortile che sar illuminato e reso visibile anche nelle ore notturne. Anche in questo caso l'arch. Vera Greco ha previsto un'area, con ingresso autonomo da via dei Gesuiti, da destinare a caffetteria e a bookshop e da affidare in gestione a privati. A garanzia di un intervento fatto bene e nei tempi previsti, ha scelto la formula del bando ad offerta economicamente pi conveniente, ben pi complicato di quello al massimo ribasso.
Una delle conquiste di cui l'ormai ex sovrintendente pi fiera quella di avere bloccato la proposta di raddoppio ferroviario che Rfi voleva imporre alla citt devastandone il centro storico. Una lotta nella quale tutta la citt le stata al fianco, sebbene gradualmente e con impegno differenziato. E sottolineo che non ci siamo limitati a dire no, ma abbiamo proposto un progetto di pi ampio respiro, fondamentale per la citt.
Ancora. Vera Greco elenca il prossimo concorso di idee bandito dalla Fondazione Maril Tregua per la valorizzazione di tutta piazza Stesicoro, dallo slargo di via Sant'Euplio fino alla statua di Vincenzo Bellini passando per lo scavo dell'anfiteatro. Sar scelto il miglior progetto la cui realizzazione, anche a lotti, avverr in un secondo momento contando sulla sponsorizzazione dei privati e su futuri fondi. Intanto la Fondazione Maril Tregua si impegnata a rifare il box per i custodi all'anfiteatro, a riacquistare i corpi illuminanti che sono stati rubati e a provvedere alle telecamere per la sorveglianza del monumento romano.
Inoltre Vera Greco si dice fiera di essere riuscita ad attrezzare gli uffici delle sovrintendenza con 72 computer di ultima generazione, gi installati e funzionanti, e questo senza spendere un euro, ma recuperando un vecchio progetto accantonato grazie al lavoro di squadra fatto con intelligenza e alla dedizione del consegnatario e del viceconsegnatario. Ancora. Lascio un protocollo digitalizzato, anche questo attraverso il recupero di fondi precedenti, e tutto l'archivio della sovrintendenza digitalizzato, un lavoro impressionante realizzato grazie all'impegno dei dipendenti di fascia A e B. Adesso possiamo seguire sul computer tutte le pratiche e l'andamento dei provvedimenti a vantaggio degli uffici e degli utenti.
L'arch. Greco ricorda poi di avere bandito gare per circa 12 milioni di euro - incluse quelle per il recupero di Casa Vaccarini, dell'ex cinema Experia, del castello/museo di Adrano -; di avere rielaborato il piano paesaggistico di Catania, redatto nel passato dall'Universit; di essere partner di Fiumara d'Arte e del master Rain di Palermo per il progetto Social green per Librino, un progetto di verde sociale che prevede il coinvolgimento di bambini e di carcerati nell'ottica di trasferire l'esperienza artistica nel paesaggio attraverso il verde e la sua cura.
Le dispiace, invece, non aver potuto portare a termine la stipula del protocollo d'intesa Catania green plan che avrebbero dovuto firmare anche Comune, Universit e associazioni culturali e professionali per la costituzione di un gruppo di lavoro a titolo gratuito volto a fare di Catania una capitale verde orientando a questo fine le tesi di laurea, gli indirizzi degli ordini professionali verso la bioarchitettura e le scelte dell'amministrazione nel campo del trasporto e dalla mobilit ciclo-pedonale. E poi un'altra cosa avrebbe voluto fare e non ha potuto: Dare una sede adeguata alla sovrintendenza, quella attuale non dignitosa. Il luogo naturale in via dei Crociferi, per esempio nell'ex convento di San Giuliano.
Infine una speranza. Catania ha bisogno di diventare una citt accessibile, liberata dal traffico caotico e dalla sporcizia, ha bisogno che tutte le istituzioni individuino una strategia condivisa e concentrino gli sforzi, e le scarse risorse, per realizzare obiettivi comuni.


04/11/2013



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news