LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napolitano ha bocciato il decreto salva-Venezia
Gloria Bertasi
Corriere del Veneto 31/12/2013

VENEZIA - Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano stralcia il provvedimento Salva Venezia dal Milleproroghe. La sorpresa arrivata ieri. Giorgio Orsoni stato avvisato dal premier Enrico Letta: Mi ha spiegato il problema e assicurato che sar risolto il pi presto possibile, dice il sindaco. Sindaco e vicesindaco si sono subito riuniti per capire come comportarsi. Senza quell'articolo, Venezia deve infatti agire come se le sanzioni per l'uscita dal patto di stabilit non fossero mitigate. Le rassicurazioni del premier Letta tranquillizzano per la giunta. Confido in Letta - continua il sindaco -, sono dispiaciuto del contrattempo.

VENEZIA - Salva Venezia, Giorgio Napolitano stralcia il provvedimento dal Milleproroghe. La sorpresa arrivata ieri pomeriggio poco dopo le 15. Il sindaco era gi andato via dal Comune quando il premier Enrico Letta lo ha chiamato. Mi ha spiegato il problema e assicurato che sar risolto il pi presto possibile, dice Giorgio Orsoni. Ieri, il presidente della Repubblica ha snellito il decreto legge approvato dal consiglio dei ministri, sdoppiandolo in due provvedimenti ed eliminando gli atti che non rientravano direttamente con l'intervento del governo. Tra questi, anche l'articolo 15 con le attenuazioni alle sanzioni per l'uscita dal patto di stabilit di Venezia. Una doccia gelata per la citt dopo due giorni di dichiarazioni di soddisfazione da pi parti. Sindaco e vicesindaco si sono subito riuniti per capire gli effetti. Senza l'articolo veneziano, C Farsetti deve infatti agire come se le sanzioni per l'uscita dal Patto di stabilit non fossero mitigate. Le rassicurazioni del premier Letta tranquillizzano per la giunta. Confermiamo la decisione di pervenire all'approvazione della norma sull'allentamento dei vincoli del patto di stabilit per la citt di Venezia nel primo provvedimento utile - si legge in una nota di palazzo Chigi - La norma non ha trovato collocazione nei due decreti in pubblicazione per l'esigenza di assicurare snellezza, rigorosit e omogeneit. L'amministrazione rimane con il fiato sospeso in attesa che da Roma arrivino buone notizie. Confido in Letta - continua il sindaco - sono dispiaciuto del contrattempo. Il cosiddetto salva Venezia prevede che il capoluogo del Veneto perda 14 milioni di euro di trasferimenti romani invece di 40 e che gli amministratori si riducano il compenso del 30 per cento, in virt del fatto che i passati finanziamenti della legge speciale per la salvaguardia della laguna hanno aumentato gli obiettivi del Patto, penalizzando la citt. Da un decennio, i fondi statali per tutela della citt non ci sono pi ma appunto continuano ad essere conteggiati ai fini del Patto. Il Comune, in realt, contava di fare a meno di provvedimenti romani mettendo a gara la gestione del Casin. La privatizzazione avrebbe fruttato 140 milioni di euro e il patto sarebbe stato rispettato. Le lentezze del governo che ha autorizzato la gara solo a met dicembre, hanno reso impossibile bandirla e chiuderla entro oggi. E cos scattato il pressing su Roma, con l'aiuto del sottosegretario all'Economia Pierpaolo Baretta e dei parlamentari veneziani del Pd, la giunta riuscita a portare a casa l'articolo del Milleproroghe che ieri stato eliminato da Napolitano. In mancanza di un tale intervento gi dal 1 gennaio la corretta continuazione dell'azione del Comune compromessa in particolare nei settori delicati di sicurezza e servizi sociali, conclude Orsoni che ha convocato per oggi la giunta. Le sanzioni impongono lo stop a contratti a tempo determinato, investimenti e mutui e riduzioni, in percentuali diverse a seconda delle mansioni, nella parte dello stipendio dei dipendenti comunali definita dal contratto decentrato. Nei primi giorni dell'anno il lavoro ridotto e non abbiamo problemi, fatto salvo i turni di Capodanno e i servizi notturni dei vigili, che non sappiamo se potremo pagare - dice Sandro Simionato, vicesindaco - siamo molto sorpresi di quanto accaduto, di chi ci si pu fidare?. L'articolo 15 era stato approvato dal consiglio dei ministri e valutato dai tecnici ministeriali, eppure non passato al vaglio di Napolitano. La norma era stata concordata e bollinata dalla Ragioneria generale - precisa Baretta - un incidente spiacevole che conferma come sia sempre pi urgente un diverso modo di produzione legislativa per evitare che a subire gli effetti negativi sia chi ne ha pi urgenza. Caustico il commento dell'onorevole veneziano di Scelta civica Enrico Zanetti: Alla fine si scopre che il "Salva Venezia" slitta ad un futuro decreto - tuona - Letta forse sapendo che il sindaco ritiene che non un aiuto, ha pensato che non sia cos importante.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news