LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Maxxi proposto da Hanru
di Marinella Venanzi
05.01.2014 Sole 24 Ore pag. 38



ROMA II Maxxi proposto da Hanru

II nuovo curatore del museo romano espone le raccolte permanenti facendo dialogare le due collezioni di arte e architettura con effetti a sorpresa

In conferenza stampa Hanru parla di battaglie: quelle economiche che coinvolgono tutti i musei in questi anni; quelle per adattarsi alla struttura dispersiva del Museo; quelle per riscrivere la storia secondo una nuova visione; ma anche quelle che ciascun artista affronta quando crea e gli sforzi per costruire un nesso di senso tra le opere e gli spettatori.

Con la prima mostra della sua direzione artistica al Maxxi, Hanru punta a riconnettere l'istituzione con il suo pubblico. Del resto la vera prima funzione di un museo quella della memoria, la fonte d'ispirazione che guida la collezione e il suo allestimento. Hou Hanru uno dei pochi che hanno vinto queste battaglie. riuscito a trasformare lo spazio in una sequenza di pieni e vuoti, ambienti pubblici e privati creando effetti sorpresa, sbarramenti e angoli intimi pur con un budget bassissimo. La mostra ha lo scopo di far parlare le due collezioni di arte e architettura anima di questo Museo unico in Italia - e ci riesce pienamente. Dalla prima all'ultima sala sei dentro uno spazio alla Hanru che mescola suoni, immagini e materiali in un'apparente confusione dove per ogni cosa al suo posto e ha senso di essere proprio l dove . Questo fanno, del resto, i grandi curatori e lui, che ha gi alle spalle Biennali di chiaro nome e insegnamenti di eccellenza, ha dimostrato di sapere anche accettare sfide come la dirczione artistica del Maxxi. Non era scontato il titolo Non basta ricordare sottolinea la necessit di non essere didascalici, di non riferirsi solo a date o stili ma di farsi guidare dalle immagini to che fosse proprio un curatore straniero del suo calibro ad accettare l'incarico. Non basta ricordare/Remembering is not enough, sottolinea la necessit di non essere didascalici, di non prendere a riferimento date, stili o tecniche, ma di lasciarsi portare dalle immagini; un atto vivo dove la memoria elastica e le opere producono sempre nuovi significati, come dicevano Focillon e Kubler e pi recentemente Didi Huberman.
Apre la mostra la Stanza del genio: due divani in ferro e iuta di Franz West, il mappamondo di Atelier van Lieshout che pende nell'angolo, alle pareti piccoli disegni a pastello di Francis Alys che mostrano una sorta di battesimo, di immersione, un uomo errante di Sislej Xhafa e i magici disegni di Aldo Rossi, dagli studi per le caffettiere Alessi, ai teatri, alle planimetrie di citt ideali, monumenti equestri, appunti di viaggio. Con quelle prospettive schiacciate e i rimandi continui tra realt e utopia le opere conducono nel processo creativo, un cortocircuito tra stasi e movimento, colore e non colore, solitudine e moltitudine. Le immagini parlano e dialogano anche meglio e pi intuitivamente che se fossero raggnippate per discipline (arte/architettura) o epoca (andiamo dal 1980 al 2009).

Proseguendo nella galleria siamo in uno spazio caotico ma con una certa compostezza che parla della citt e dell'uomo. Il sasso di cartapesta ancora di Franz West e la donna primitiva in bronzo di Thomas Schutte, entrambi su grossi pie distalli, introducono la questione dell'arte come oggetto o, piuttosto, come azione e processo. Di questo ci parla il piccolo corridoio con gli enormi carboncini di Gilbert & George come sculture viventi e le loro fotografie che fondono arte e vita, mescolate con quelle anni Cinquanta del Living Theatre. Dalla parte opposta sfilano i modelli di citt di Giancarlo De Carlo, Purini Therme, Yona Friedman; il meraviglioso ritratto aereo di Dresda di Gerhard Richter si fronteggia con le foto di Berengo Gardin e i grattacieli futuribili di Sacripanti, prima della triade Nan Goldin, Chapman brothers, McCarthy che reintroduce violentemente il tema del corpo, questa volta in chiave postmoderna. Si potrebbe continuare a descrivere ogni singolo lavoro di questa mostra, e di re quanto sia stata azzeccata questa o quella scelta pur in assenza di una collezione cos vasta. C' una suggestiva proiezione della pianta di Roma che pulsa con al centro il Pantheon di Cino Zucchi, l'enorme cella vuota di Alfredo Jaar, i tavoli di Doris Salcedo che sbarrano il cammino, il progetto infinito di Fiorentino per Corviale. Le foto di Olivo Barbieri del Palazzetto dello Sport di Nervi e quelle di Luca Campigotto degli scali aerei rimandano alla questione dell'arte come luogo. La mostra, infatti, risponde anche a un altro quesito che quello dello spazio, rendendo per la prima volta il Museo un contenitore coeso con le proprie opere, anche l dove meno te l'aspetteresti. C' una foto di Araki sospesa sei metri da terra sopra la scala nera e il bellissimo tavolo curvilineo che raccoglie i progetti avviluppanti di Toyo Ito, i disegni compulsivi di Carlo Scarpa per la Tomba Brion, gli scritti sulle strutture spaziali modulari di Musmeci. Il video di Garsten Nicolai che ritrae in modo asettico l'Unit d'Habitation di Le Corbusier a Nantes potrebbe essere il punto a capo di questo discorso. Chiama in causa il padre putativo, Le Corbusier, che ci ha mostrato l'architettura come forma e la citt come paesaggio. Usciamo con la sensazione che l'intera storia dell'arte e dell'architettura moderna pu essere in fondo narrata dal punto di vista dello spazio e dall'esperienza che di esso fanno gli uomini ogni giorno.
Marinella Venanzi, Non basta ricordare, Maxxi, fino al 28/9/2014



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news