LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Appello per Castel Capuano: Sindaco, vigili sul restauro
Aldo Aveta *
Corriere del Mezzogiorno 8/1/2014

* Aldo Aveta Direttore della Scuola di Specializzazione in Beni architettonici e del Paesaggio

Caro direttore, ho letto con grande piacere il risalto che stato dato nei giorni scorsi dalla stampa cittadina alla firma della Convenzione tra il sindaco de Magistris e il ministero della Giustizia per l'intervento su Castel Capuano, all'interno del Grande Progetto centro storico di Napoli. La destinazione di cinque milioni di euro per tale straordinario monumento le cui funzioni sono state dismesse negli ultimi anni per l'avvenuto spostamento nelle torri del Centro Direzionale era decisione gi nota e il recente perfezionamento dell'iter amministrativo conferma una scelta eccellente da parte del Comune di Napoli.
A fronte di ci, l'opinione pubblica deve sapere che esiste un voluminoso dossier sulle condizioni attuali del complesso, un Master Plan con indirizzi per il restauro e con proposte di nuove funzioni per far nascere una Cittadella della Cultura giuridica e della Legalit. Si tratta di uno studio, frutto di una convenzione tra lo stesso ministero della Giustizia e l'Universit di Napoli Federico II (Scuola di specializzazione in Beni architettonici e del Paesaggio), che tra qualche settimana sar anche pubblicato e potr essere da tutti apprezzato cos come lo stato da magistrati e avvocati. La relazione finale, di centinaia di pagine e ricca di elaborati grafici, stata consegnata non solo al ministero della Giustizia, ma anche all'ex assessore all'Urbanistica del Comune di Napoli De Falco e all'ex soprintendente Gizzi.
Lo studio ha evidenziato la gravit delle condizioni attuali del complesso monumentale formato da sei livelli, ciascuno con 150-200 ambienti, e le criticit fisiche dovute alla vetust, ma anche ad aggiunte, superfetazioni, alterazioni degli spazi, degrado delle coperture e dei sottotetti, inadeguatezza dei percorsi verticali, mancato superamento delle barriere architettoniche, caos impiantistico, eccetera. Si tratta di un monumento che dal XVI secolo ha visto svilupparsi le funzioni di Tribunale della citt, i cui spazi sono stati nel tempo adeguati per soddisfare esigenze contingenti. Proprio per questo motivo lo studio ha messo in evidenza anche l'esigenza di procedere oggi con estrema cautela, perch tantissime testimonianze di valore storico-artistico sono state celate da tali trasformazioni, compiute soprattutto nel periodo post-bellico e fin quasi all'attualit. Dunque, necessario un approccio archeologico per disvelare tali documenti della storia del monumento avvalendosi, soprattutto, di tecnologie innovative e non invasive tipiche di un cantiere di restauro.
Lo studio stato compiuto e, credo che sia la prima volta, da un nutrito team di docenti in gran parte della Federico II, esperti in molteplici campi disciplinari: storia dell'architettura e dell'arte, archeologia, restauro, progettazione architettonica, urbanistica, georisorse, strutture, impianti, estimo, informatica, eccetera. Trenta docenti e trenta collaboratori hanno portato a termine tale complesso lavoro, fornendo un quadro complessivo delle citate criticit, ma anche delle potenzialit del monumento, cos come si dovrebbe fare nel caso di grandi complessi monumentali, e a Napoli ce ne sono tanti. uno studio che dimostra anche l'importanza delle sinergie istituzionali e, tra l'altro, esalta la storica tradizione della scuola napoletana del restauro.
Rivolgo un appello al sindaco di Napoli affinch tale studio sia utilizzato per gli interessi della comunit e sia alla base dei progetti di restauro che si vanno elaborando in house, tra Comune e Soprintendenza. Sarebbe davvero inquietante che un simile patrimonio di conoscenze vi , tra l'altro, l'inventario dell'intero patrimonio storico-artistico esistente nel monumento per questioni burocratiche o, ancor peggio, per gelosia o inadeguatezza di qualche funzionario o burocrate, venga lasciato ad ammuffire nei cassetti delle amministrazioni competenti e venissero proposti progetti di restauro che risultino essere semplici operazioni di restyling delle facciate, qualche sistemazione museale, senza affrontare i nodi critici del monumento, disvelare i suoi tesori celati, demolire le incongrue volumetrie interne, risanare coperture e tetti, adeguare i percorsi verticali, in un'operazione che vede insieme conservazione e innovazione, necessarie per tutelare il monumento, ma anche per renderlo funzionale per le nuove destinazioni compatibili. D'altra parte non si pu restaurare una parte e destinarla a nuove funzioni senza aver definito prima il quadro d'insieme e le esigenze di un organismo che va considerato nella sua globalit. E lo studio citato soddisfa pienamente tale esigenza, ben intuita e perseguita con determinazione dalla dottoressa Rolleri, nel 2012 direttore dell'Ufficio speciale per gli edifici giudiziari napoletani. Peraltro, le nuove funzioni proposte coerenti con gli obiettivi del ministro della Giustizia e rispettose dei valori espressi dal monumento prevedono una molteplicit di destinazioni d'uso (da quelle museali a quelle di alta formazione, e altre connesse ai temi della legalit fino a un bar-ristoro sulle suggestive coperture), che potrebbero far realmente rinascere Castel Capuano. E con questa auspicabile cittadella potr riqualificarsi anche il contesto urbano, che per la dismissione del tribunale versa in un inammissibile degrado fisico e sociale.
Al sindaco, dunque, un accorato appello affinch vigili con particolare attenzione sui progetti di restauro di Castel Capuano, cos che l'occasione del finanziamento destinato a tale monumento non venga sprecata, ma sia davvero il tassello di un processo graduale di rivitalizzazione del complesso e di rigenerazione urbana, con azioni mirate a valorizzare l'ingresso orientale alla citt antica, che partendo da Porta Capuana attraversi l'antico castello e consenta di fruire di un eccezionale percorso turistico-culturale all'interno del tessuto antico della citt patrimonio dell'Unesco. L'invito rivolto anche ai magistrati e agli avvocati, che tanto hanno a cuore le sorti di Castel Capuano.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news