LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Scandalo biglietti a Roma: al Colosseo, ai Fori e a Palazzo Venezia favoriti i privati. Le accuse della Corte dei Conti
Tina Lepri
www.giornaledellarte.com, 07/01/2014

Clamorosa denuncia della Sezione Controllo della Corte dei Conti del Lazio. Sarebbero state violate le norme che fissano a un massimo del 30% la quota destinata alle imprese private che gestiscono i servizi (biglietti, guardiania, comunicazione ecc).
La notizia dellinchiesta della Corte partita da la Repubblica: al Colosseo, ai Fori, a Palazzo Venezia, la parte pi consistente degli incassi non andrebbero al Polo Museale romano, cio al Mibact, ma alle imprese concessionarie dei servizi.
Al Colosseo, il 69,8 % dei 3 euro aggiuntivi al costo del biglietto dingresso (di 12 euro complessivi) andrebbe alla concessionaria dei servizi, la Electa del gruppo Mondadori. Questa percentuale, scrive la Corte, viola il dettato normativo attribuendo percentuali di entrate opposte a quelle leggi (non pi del 30%).
Unaltra situazione denunciata dalla Corte quella degli ingressi a Palazzo Venezia, sede di un museo ma anche, in questi mesi, di una mostra su Carlo Saraceni (che terminer il 2 marzo). I magistrati contabili accusano: su 10 euro pagati per il biglietto dal visitatore, 7,75 vanno a Civita Cultura. La gara per la concessione dei servizi di questa mostra stata vinta infatti da Civita Cultura e Munus. Albino Ruberti, amministratore delegato di Civita, ribatte che le due societ hanno investito e sostengono ogni spesa per la gestione dei servizi previsti dal contratto dappalto (biglietteria, guardiania, ufficio stampa, call center con prenotazione ecc.). Rileva che la mostra non ha niente a che fare con il museo (affidato alla stessa Civita): il contratto dappalto per la mostra di Saraceni prevede una percentuale degli incassi del 22.5% alla Soprintendenza, il resto dovrebbe compensare spese, investimento ed eventuale guadagno delle due societ private. Le accuse della Corte dei Conti sarebbero dunque frutto di confusione e di calcoli errati. In pratica, afferma Ruberti, landamento degli incassi di biglietteria tale che gli introiti non riusciranno a coprire linvestimento che ha reso possibile la realizzazione della mostra.
Il caso Roma aperto dalla Corte dei Conti probabilmente destinato ad allargarsi e mette ancora una volta sotto accusa la mancanza di chiarezza e di strategia del Ministero dei Beni culturali che non riesce a impostare un rapporto trasparente e di reciproca utilit con i privati per la valorizzazione dei suoi musei e delle relative mostre. Una situazione che si trascina da anni: mancano ancora le nuove linee guida del sistema di gare e appalti per i servizi aggiuntivi nei musei dello Stato, attese da anni. La situazione, secondo la Corte dei Conti, grave e va sanata anche perch vi sono aspetti che violano le norme comunitarie sulla concorrenza.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news