LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Carditello vada a Libera. la scelta pi giusta
Tomaso Montanari
Corriere del Mezzogiorno 11/1/2014

Lo Stato si dunque ripreso Carditello. Come ha ben visto Gian Antonio Stella, un altro successo del ministro per i Beni Culturali Massimo Bray: che fa serie con l'aver affidato Pompei alle mani giuste, e con la restituzione definitiva dei Bronzi di Riace agli italiani. Tre successi importanti anche perch sono concentrati al Sud: dove anche il patrimonio versa in condizioni particolarmente drammatiche.
Certo, ci si potrebbe chiedere perch, una volta tanto che un monumento cos importante era in mani private, lo Stato se lo sia dovuto riprendere: se Banca Intesa avesse fatto la sua parte, forse tutta la retorica del privato-che-salva-il-patrimonio avrebbe potuto diventare non dico credibile, ma forse meno ridicola. Invece no, lo Stato non ha avuto scelta: perch l'unica alternativa concreta al rimetterci i soldi pubblici era quella di abbandonare Carditello ad una distruzione che si stava avvicinando ogni giorno.
per questo che non riesco a comprendere la polemica dell'ex assessore ai Beni culturali di Bassolino, Claudio Velardi, il quale ha scritto sul suo blog che il ministro Bray non sa che il tema della propriet dellenorme quantit di beni culturali esistenti nel Mezzogiorno e in Campania lultimo dei problemi. E che quello della terribile camorra che incombe sugli appalti eccetera solo il penultimo. Il primo, fondamentale problema che nessuno sa cosa fare di questi beni, nessuno si sforza di capire come questi beni vanno messi a reddito. Perch tu puoi investire una valanga di soldi per ristrutturarli (e la ristrutturazione di Carditello distrutta coster meglio, costerebbe, perch non si far mai due occhi della testa), ma prima di tutto devi sapere "cosa farne" e "come gestirli".
E dunque andava forse meglio il ministro Ornaghi, che venne a Carditello, inorrid, promise e poi scomparve nel nulla?
Certo, l'acquisto solo l'inizio. Ma, come un tempo Gianni Rodari insegnava ai bambini, chi non parte, in verit, /in nessun luogo arriver.
Cosa fare di Carditello? L'idea pi ovvia di riportarla alla sua antica vocazione: essere il centro di una grande tenuta agricola produttiva. Una prospettiva diversa dalla musealizzazione, diversa dalla mortifera destinazione ad uffici. Una prospettiva capace di ricollegare il monumento alla sua terra e ai suoi abitanti. Come farlo? Io credo che l'idea pi forte, sul piano pratico ma anche su quello simbolico, sarebbe affidare Carditello e le sue terre a Libera Terra, di don Luigi Ciotti. Per la sua capacit agricola e imprenditoriale, e per il messaggio fortissimo di legalit che ne scaturirebbe: Carditello deve diventare il segno del riscatto di quel territorio massacrato dalle discariche, dal potere della Camorra e dal degrado.
Accanto a Libera potrebbero essere coinvolte le associazioni, a partire da Agenda 21 (e la donazione di 50.000 euro decisa da Fai ieri per festeggiare l'acquisto il migliore dei viatici) e le universit che si occupano di patrimonio monumentale. Ma l'importante che sia chiaro che a Carditello tornato lo Stato: lo Stato comunit, lo Stato come progetto di civilizzazione.
Certo, almeno che non preferiamo continuare a dirci che tutto inutile sempre.





news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news