LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le Pompei trasformate in centri commerciali sparse per lItalia
di Manlio Lilli
| 13 gennaio 2014




A Roma capita di frequente, passeggiando allinterno di alcuni dei centri commerciali, di imbattersi in diversi resti di strutture antiche. Quasi per caso. Accade alla Bufalotta, proprio al centro del grande spazio comune al piano terra, dove ci si pu sedere intorno ad un bel mosaico a tessere bianche e nere con rappresentazioni di scene marine. Accade anche allinterno del centro commerciale di abbigliamento low cost al Quartaccio. Dove il lastricato di una strada romana visibile allinterno di un negozio di calzature. Al di sotto del pavimento di plexiglass. Coperto quasi per intero da cumuli di scatole di scarpe.

Tuttaltro che casi isolati. La lista dei siti sacrificati in nome di un centro commerciale, come di una nuova urbanizzazione, di un complesso polifunzionale, lunghissima. Tombe, domus, villae, strade, fornaci e templi, sistemi idraulici e impianti produttivi. Non esiste tipologia che non abbia perso esemplari. Che non sia stata privata di parti considerevoli. Quasi sempre la Soprintendenza archeologica, attraverso il funzionario di zona, richiede indagini preliminari. Insomma scavo e/o trincee, qualche volta precedute da campagne di carotaggi, e poi analisi e documentazione grafica e fotografica di quel che emerso. Le possibilit che la scoperta possa mutare il progetto iniziale, cos da rimanere in vista e fruibile, una circostanza occasionale, a prescindere dalla sua rilevanza. Molto pi spesso ogni cosa viene coperta, protetta con materiali idonei e affogata in uno strato di argilla espansa. Obliterata per sempre sotto nuovo cemento moderno. Daltra parte nelle conferenze dei servizi, si sa, la presenza dellispettore di Soprintendenza non di rado impalpabile. Incapace di mutare liter previsto. Cos sgombrati i cantieri dagli archeologi arrivano gli operai e le gru.

Rimangono le relazioni di scavo, i rilievi delle strutture, le cassette con i materiali recuperati e poi i matrix con la ricostruzione delle sequenze stratigrafiche. Dati fondamentali per giungere alledizione finale. Tanto pi importanti in considerazione del fatto che non esiste pi niente di quel che si scoperto. Quei dati costituiscono a tutti gli effetti lunica testimonianza di quanto si rinvenuto. La prova della loro esistenza. Proprio per questo davvero un peccato che, troppo spesso, anche questa fase dellindagine sia del tutto disattesa. Non si giunga ad alcuna pubblicazione. Cos, pu accadere che a serbare ricordo di testimonianze archeologiche di straordinaria rilevanza siano quei pochi che le hanno indagate. Chiamati direttamente attingendo agli elenchi dei collaboratori. Oppure attraverso il tramite di una delle Cooperative archeologiche di fiducia. Oltre allequipe della Soprintendenza archeologica e ad ingegneri, architetti e geometri di cantiere.

Sarebbe potuto accadere la stessa cosa a Pompei, se non fosse stato per LEspresso. Che ha ricostruito e rivelato la questione. Non allinterno del sito archeologico pi famoso al mondo. Ma immediatamente al suo esterno. In unarea a soli 500 metri dalla celebre via dei Sepolcri, a circa un chilometro dalla citt antica, ma nel confinante territorio di Torre Annunziata, dove il quartiere industriale rintracciato dai saggi di scavo, finito coperto dalle strutture di un nuovo ipermercato. Unoperazione avviata nel 2009 e realizzata con i successivi svincoli della Soprintendenza archeologica. Insomma dal punto di vista puramente formale, pienamente autorizzata.

La notizia, ha provocato, in rete, la moltiplicazione dei commenti. In uno sdegno crescente nei confronti di quella Istituzione, la Soprintendenza archeologica, che quello scempio lo aveva reso possibile. Facendo scemare leuforia del giorno precedente, per la notizia da parte del Mibac sulla Reggia di Carditello.

Ma lItalia ricolma di casi analoghi a quella che stata denominata la Pompei 2. Siti ugualmente di estrema rilevanza per larcheologia, scoperti e distrutti. Inghiottiti nelle fondazioni di nuove realizzazioni. A Roma, come a Torino, a Milano come a Bologna, a Catania come a Napoli. Cancellati nella loro materialit. Spesso anche nella loro memoria.

Si continua a trattare il patrimonio archeologico con pervicace incapacit. Intervenendo raramente con fermezza, il pi delle volte preferendo posizioni ispirate quanto meno al politically correct. Alcuni mesi fa il Ministro della Cultura libanese, Gaby Layoun, personaggio alquanto criticato per le sue scelte, ha deciso di procedere alla distruzione dei resti dellantico porto fenicio di Beirut per costruire nellarea tre grattacieli. Un affare da quasi mezzo miliardo di euro. Il profitto del settore delle costruzioni pi importante di tutto. Anche della storia antica della citt.

Non sembra essere diversamente anche in Italia. Nonostante i propositi di azzerare il consumo di suolo. A dispetto degli auspici di rigenerare il grande patrimonio immobiliare in abbandono. A contare sopra tutto sono le costruzioni. Che si tratti di nuovi palazzi o altri centri commerciali poco cambia. Anche per questo larcheologia dovrebbe recuperare una sua autorevolezza. Per contribuire a realizzare un modello di sviluppo differente. Per determinare anchessa le scelte, non pi per subirle.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/13/le-pompei-trasformate-in-centri-commerciali-sparse-per-litalia/841030/


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news